In Borgogna nasce Objectif climat: un progetto per ridurre l’impronta carbonica

28 Feb 2022, 15:53 | a cura di Gianluca Atzeni
Borgogna: nasce Objectif climat, un progetto progetto per ridurre l’impronta carbonica della filiera vitivinicola.
Pubblicità

Ridurre l’impronta carbonica della filiera vitivinicola partendo dalle lavorazioni in vigna fino ad arrivare alla consegna del vino, passando per vinificazione, confezionamento e logistica. In Borgogna, nasce Objectif climat, progetto sperimentale che coinvolge Consorzio interprofessionale dei vini di Borgogna (Bivb) e società Adelphe, che in Francia si occupa di riduzione dell’impatto ambientale degli imballaggi.

In Borgona nasce: Objectif climat

L’iniziativa rientra nel quadro della strategia nazionale che punta alla neutralità carbonica entro il 2050. Il suo successo dipenderà soprattutto dal coinvolgimento di un gran numero di imprese e dalla mobilitazione dell’intero territorio. Entro giugno 2022, i responsabili del progetto vogliono mettere in campo un metodo che identifichi le azioni necessarie per raggiungere la neutralità carbonica in vigneto. Entro settembre, poi, il metodo dovrà essere validato ed esteso alle aziende.

Le ricerche e le iniziative di tipo ambientale finora adottate dalle associazioni dei produttori francesi hanno dimostrato che la fase del packaging del vino costituisce a oggi il 30-40 per cento delle emissioni di carbonio. Con questa partnership con Adelphe, il Consorzio vini di Borgogna intende allargare l’ambito di intervento a tutte le fasi.

Pubblicità

Borgogna e sostenibilità: il punto della situazione

Le regioni vitivinicole francesi, grazie all’impegno ambientale soprattutto degli ultimi 15 anni, sono riuscite a migliorare l’aspetto della sostenibilità legato al conto carbonico. Tuttavia, si è notato anche che le imprese non hanno capacità tecniche e finanziarie per raggiungere gli obiettivi strategici entro il 2050. Di qui, il valore di questo progetto pilota su cui il Consorzio di Borgogna scommette in modo particolare. L’ente vuole mettere in piedi azioni concrete in ciascuna azienda e, assieme ad Adelphe, realizzerà un processo per catturare la Co2 e favorire la biodiversità nelle aree a forte predominanza vitivinicola. L’idea è, inoltre, esportare il modello in altri distretti.

Gli step del progetto Objectif climat

Sono tre gli step del progetto Objectif climat: in primo luogo, si parte dai dati del bilancio carbonico della filiera di Borgogna, stilato tramite un ente accreditato, a cui si aggiungono ulteriori elementi dagli altri enti coinvolti nella filiera vino; in secondo luogo, si definisce la strategia per la riduzione del carbonio lungo tutta la catena del valore, identificando le emissioni residue da neutralizzare; infine, si agisce per compensare le emissioni di gas serra non eliminabili. In questo terzo step, il Bivb e la società Adelphe vogliono favorire l’attuazione di progetti di cattura del carbonio nel sottosuolo, ad esempio mediante le coperture vegetali o la posa di siepi nelle vigne: tutti progetti che dovrebbero ottenere la certificazione “Low carbon” da parte del Ministero della Transizione ecologica, in coerenza col metodo in fase di elaborazione per la viticoltura francese da parte dell’Istituto francese della vite e del vino.

a cura di Gianluca Atzeni

Questo articolo è stato pubblicato sul Settimanale Tre Bicchieri del 24 febbraio 2022

Pubblicità

Per riceverlo gratuitamente via e-mail ogni giovedì ed essere sempre aggiornato sui temi legali, istituzionali, economici attorno al vino Iscriviti alla Newsletter di Gambero Rosso

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X