Golose e belle da vedere, le tortine lunari sono il simbolo dell’autunno in Cina. Ecco cosa sono e perché si mangiano.
Pubblicità

È una delle celebrazioni più importanti della cultura cinese, anche se meno conosciuta a livello internazionale rispetto al Capodanno. Si tratta della festa di metà autunno, in scena ogni anno per onorare il raccolto annuale in congiunzione con il ciclo lunare. Un evento che cade sempre a cavallo tra la seconda metà di settembre e l’inizio di ottobre a seconda del calendario e che, come tutte le grandi feste che si rispettino, ha i suoi prodotti tipici. In questo caso sono le mooncake, letteralmente “torte della luna”, dei dolcetti talmente importanti da aver dato luogo a uno dei soprannomi più comuni per la festa, conosciuta anche come Mooncake Day.

La leggenda delle mooncake, i dolci cinesi

Un guscio di pasta frolla dolce e compatta, ripieno di un impasto a base di fagioli rossi e pasta di semi di loto, decorato in superficie con intagli e forme che simboleggiano longevità e armonia. Per rappresentare la luna piena, invece, nella farcia viene spesso inserito un tuorlo di uovo d’anatra intero. Come per la maggior parte delle ricette tradizionali, le origini del dolce si perdono nella notte dei tempi, e le leggende tramandate al riguardo sono moltissime. Tra tutte, la più famosa è quella del messaggio segreto nel ripieno. Sembra che durante l’invasione dei mongoli guidata da Kublai Khan, nipote di Gengis Khan e fondatore del primo impero cinese della Dinastia Yuan, un leader cinese ribelle, Zhu Yuanzhang, e il suo confidente Liu Bo Wen, decisero di mettere in atto un piano strategico per rovesciare i mongoli. Per farlo avevano però bisogno di passare il messaggio al popolo cinese senza farsi vedere. Liu chiese e ottenne il permesso di donare del cibo ai cittadini, e così distribuì le tortine lunari contenenti il biglietto.

La simbologia delle mooncake

Le mooncake vengono preparate in modo diverso a seconda della zona e delle tradizioni locali, ma in qualsiasi caso sono fortemente associate a Chang’e, la divinità cinese della luna e simbolo della festa di metà autunno. Molte le versioni del mito, ma ad accomunarle tutte è la storia del suo amato, il leggendario Hou Yi, l’eroe che è riuscito ad abbattere nove soli su dieci per salvare il mondo da una morte bruciante. Altro elemento legato ai dolcetti, Jade Rabbit, coniglietto della mitologia cinese e uno dei compagni più fedeli di Chang’e a Palazzo Lunare: per questo si trovano spesso dei motivi a forma di coniglio sulle confezioni delle mooncake, talvolta anche delle mini tortine a forma di coniglio. Qualunque sia la forma o lo stile, le mooncake rappresentano un vero business per le attività cinesi durante il mese di settembre e ottobre, e sono diffuse anche in altri Paesi asiatici. Un regalo goloso e ricco di simbologia da donare in segno di buon auspicio per celebrare l’autunno.

Pubblicità

a cura di Michela Becchi