Dell'aneto si può utilizzare tutto, dai semi, ai fiori, alle foglie. Andiamo alla scoperta di questa pianta erbacea annuale dall'aroma e dal profumo inconfondibili.
Pubblicità

Il profumo di questa pianta originaria dell’India ricorda quello del finocchietto. In cucina se ne adoperano sia i semi, sia le sommità fiorite, che le foglie. Andiamo alla scoperta dell’aneto, protagonista della prossima puntata di L’erba del Barone, il nuovo programma condotto da Andrea Lo Cicero che va in onda ogni martedì alle 21.30 sui canali 132 e 412 di Sky.

Storia e origini dell’aneto (Anethum graveolens)

È una pianta erbacea annuale dai piccoli fiori gialli, appartenente alla famiglia delle Apiaceae, che per molti botanici ha origini asiatiche. Si è poi sviluppato lì dove ha trovato climi temperati, come il bacino Mediterraneo. Il nome del genere, Anethum, deriva dal greco “anice” e si riferisce alle proprietà terapeutiche, mentre graveolens deriva dal latino e fa riferimento alla potenza del suo aroma. Aroma che ricorda un po’ quello del finocchietto, ma è decisamente più intenso, come specifica Lo Cicero (nel video sotto potete vedere una preview della puntata).

Proprietà e caratteristiche

Dai semi dell’aneto si ricava un olio essenziale con il quale si fanno saponi e deodoranti, in realtà masticato fresco profuma pure l’alito. L’olio essenziale trova impiego anche nel trattamento dei fastidi gastrici, grazie alle sue proprietà stimolanti, che favoriscono la secrezione del succo gastrico, e rilassanti. Il suo utilizzo è comunque esteso anche ad altri disturbi della digestione, dunque bere un infuso di semi di aneto prima di mettersi a letto è un’ottima abitudine per favorire la digestione.

Pubblicità

Usi in cucina

Ampiamente utilizzato dal nord al sud dell’Europa ma anche in buona parte dell’Asia, in cucina se ne adoperano sia i semi, che servono a profumare soprattutto zuppe e piatti a base di pesce, sia le sommità fiorite che vengono spesso aggiunte a cetriolini e cavolfiori sottaceto. Ma la parte più comunemente utilizzata sono le foglie, che si trovano spesso nella cucina scandinava accanto a uova, salmone, molluschi e patate. Lo Cicero durante la puntata darà qualche consiglio pratico per sposare l’aneto alla nostra cucina, con un accorgimento: non va mai cucinato, ma utilizzato semplicemente fresco.

L’Erba del Barone va in onda ogni martedì alle 21.30 solo su Gambero Rosso HD, canale 132 e 412 di Sky