Coronavirus. L'appello dei ristoratori milanesi e dell'Unione dei Brand della Ristorazione Italiana: meglio un periodo di contenimento più severo ma più limitato nel tempo. E che si inizi a ragionare sulle misure economiche da mettere in campo.
Pubblicità

Decine di locali di Milano e provincia hanno scritto una lettera aperta rivolta alle autorità: “Se serve chiudere ristoranti e bar, che lo facciano tutti, ma chiediamo di essere ascoltati quanto prima e di lavorare insieme per trovare una soluzione più intelligente possibile”. Nel frattempo, in linea con i colleghi ristoratori, 100 imprese del food retail, che rappresentano la maggioranza della neonata Unione dei Brand della Ristorazione Italiana, hanno stabilito oggi di chiudere i propri locali.

L’appello dei ristoratori

Comitato Ristoratori Responsabili

Lettera aperta

Pubblicità

Milano,

9 marzo 2020

Egregi Presidente del Consiglio dei Ministri, Presidente della Regione Lombardia, Ministro della Salute e Sindaco della Città Metropolitana di Milano, redigiamo la presente per esprimere la nostra solidarietà come cittadini all’opera difficilissima di gestione dell’emergenza che state svolgendo.

Come tutti siamo preoccupati, ma anche fiduciosi della forza che insieme come comunità possiamo avere se agiamo con coscienza e responsabilità.

Pubblicità

Prendiamo atto delle disposizioni redatte nel DPCM emanato in data 8 Marzo 2020 dettato dall’evoluzione dell’epidemia COVID-19.

Ci rendiamo tutti conto della gravità della situazione e siamo pronti a fare i sacrifici necessari laddove siano dettati da logiche opportunità.

La decisione di consentire l’apertura dei bar e ristoranti come da ART.1 comma n) del suddetto decreto pone tuttavia delle grandi perplessità di cui vogliamo rendervi partecipi:

1) per la natura del servizio offerto da esercizi di somministrazione la richiesta di mantenere il metro di distanza interpersonale è praticamente impossibile da far rispettare. La promiscuità è ineliminabile tra personale di servizio e cliente e tra i clienti stessi anche nel caso si dispongano di tavoli delle misure adeguate;

2) lasciare i gestori delle attività come baluardo di prevenzione del contagio che impongono la suddetta distanza a rischio di sanzione è un provvedimento che facciamo fatica a condividere;

3) la maggior parte di questi esercizi opera nelle ore serali. Lasciare la possibilità di tenere aperto fino alle 18 crea una disparità significativa tra esercizi che lavorano durante il giorno e altri che lavorano prevalentemente la sera;

4) mantenere gli esercizi aperti e raccomandare alla popolazione di non muoversi da casa propria equivale a condannare tali esercizi al fallimento;

5) non si contempla la possibilità di poter effettuare il delivery anche oltre le ore 18, misura questa che potrebbe almeno mitigare l’effetto crisi per alcune tipologie di attività; (su questo punto a Linkiesta risulta che le cucine possono restare aperte anche dopo le 18 per la consegna a domicilio, nota de Linkiesta)

6) in sintesi, nel miglior scenario possibile, l’inevitabile crollo degli incassi porterebbe alla chiusura e al licenziamento di molti addetti.

Ci chiediamo pertanto se abbia senso chiudere tutto tranne i ristoranti e i bar. Se il fine ultimo è quello di evitare la socialità tout court, per quale motivo si vuole lasciare la possibilità di contatto e contagio in luoghi dove è intrinsecamente più difficile regolamentarla? Paradossalmente musei e cinema che devono rimanere chiusi hanno più possibilità di far rispettare le distanze regolamentando gli accessi.

Egregi Presidente del Consiglio e Presidente della Regione Lombardia, ci rendiamo conto della gravità della situazione e siamo pronti a conformarci alle direttive, ma siamo preoccupati come cittadini circa l’effettiva efficacia di misure prese a metà e come imprenditori della sopravvivenza delle nostre aziende.

Chiediamo di essere ascoltati quanto prima e di lavorare insieme per trovare una soluzione più intelligente possibile.

I punti che proponiamo vengano presi in considerazione con la massima urgenza sono:

1) opportunità di chiudere del tutto gli esercizi di somministrazione: meglio un periodo di contenimento più severo ma più limitato nel tempo;

2) istituzione di un fondo di emergenza per le imprese in difficoltà;

3) cassa integrazione in deroga per i prossimi tre mesi per i dipendenti del settore: solo così potremmo restare aperti senza agonizzare economicamente;

4) sospensione degli oneri tributari per i prossimi 3 mesi, compresi quelli comunali (COSAP e altri);

5) moratoria per credito bancario;

6) sospensione delle bollette.

La maggior parte di noi seguendo la propria coscienza ha già chiuso la propria attività. Ma temiamo che sia necessario farlo tutti.

Non affrontare questi nodi porterebbe a una situazione di completa incertezza e probabili effetti negativi anche sul contenimento del contagio e una quasi certa emorragia di imprese che o licenziano in massa o soccombono senza poter più contribuire.

Il mondo ci sta guardando.

Cogliamo l’occasione per dimostrare a tutti che sappiamo rispettare le regole ed essere responsabili per la comunità. Non vorremmo in un futuro essere additati come coloro che hanno sacrificato il bene pubblico per il proprio orticello.

Siamo a disposizione per un dialogo costruttivo e tempestivo.

Unione dei Brand della Ristorazione Italiana

Anche cento imprese del food retail, che rappresentano la maggioranza della neonata Unione dei Brand della Ristorazione Italiana, hanno stabilito oggi di chiudere i propri locali: “Benché il Governo non abbia posto come obbligatoria questa drastica restrizione, assumiamo noi tale responsabilità, chiamati di fronte all’attuale scenario di emergenza sanitaria, oggi ben diverso da quello prospettato soltanto 15 giorni fa. Siamo certi che questa decisione sia la scelta giusta oggi per poter rilanciare presto, tutti assieme e con una maggiore consapevolezza, il Paese che abbiamo la fortuna di abitare e di far apprezzare in tutto il mondo”. In giornata l’Unione donerà all’Ospedale Sacco di Milano il saldo di quanto ad oggi raccolto da tutti gli aderenti all’associazione, formatasi lo scorso 24 febbraio per fronteggiare assieme l’emergenza Coronavirus.

Comitato Ristoratori Responsabili

  • Peck, Milano
  • Trippa, Milano
  • Ratanà, Milano
  • Princi, Milano
  • Il Liberty, Milano
  • Røst, Milano
  • Spazio, Milano
  • Poporoya, Milano
  • Al Pont de Ferr, Milano
  • Ca-ri-co Milano
  • Dabass, Milano
  • Il Nemico, Milano
  • Infernot, Pavia
  • Cascina Vittoria, Pavia
  • Vineria Eretica, Milano
  • Mestè, Milano
  • Antica Osteria del Mare, Milano
  • Onest, Milano
  • Botticella, Pavia
  • Bicerin, Milano
  • Fingers, Milano
  • Pastamadre, Milano
  • Kanpai, Milano
  • Bar Banco, Bar Elettrocadore, Milano
  • Nebbia, Milano
  • Wood Banco e Cucina, Milano
  • Deus Cafè, Milano
  • Shannara3, Milano
  • Shannara Ristorante, Milano
  • Taglio, Milano
  • Burbee Artisanal Burger&Beer, Milano
  • Loolapaloosa, Milano
  • Besame Mucho, Milano
  • Gialle&Co, Milano
  • Neta, Milano
  • Il Cavallante, Milano
  • Cibi di Strada, Pavia
  • Mandarin 2, Milano
  • Ciotto, Milano
  • *drinc, Milano
  • Tàscaro, Milano
  • Ciz Cantina e Cucina, Milano
  • Cafè Gorille, Milano
  • Trattoria del Nuovo Macello, Milano
  • Tipografia Alimentare, Milano
  • Erba Brusca, Milano
  • Antica Osteria dei Sabbioni, Milano
  • Solo Crudo, Milano
  • Frigoriferi Milanesi, Milano
  • The Botanical Club, Milano
  • Elita Bar, Milano
  • 142 Restaurant, Milano
  • Trattoria dei Cacciatori, Peschiera Borromeo (MI)
  • Mu Dimsum, Milano
  • Gennaro Esposito, Milano
  • Pizza Bistrot, Milano
  • Trattoria Mirta, Milano
  • La Cantina di Franco, Milano
  • Caffè del Lupo, Milano
  • Esco Bistro Mediterraneo, Milano
  • 28 Posti, Milano
  • Altrimènti, Milano
  • Motelombroso, Milano
  • Flor, Milano
  • Fratelli Torcinelli, Milano
  • La Brisa, Milano
  • Trattoria del Gallo, Vigano di Gaggiano (MI)
  • Trattoria Angolo di Casa, Pavia
  • Dell’Angolo, Vittuone (MI)
  • Da Martino, Milano
  • Hygge, Milano
  • Ral Coctail Bar, Milano
  • Plaza Cafè, Milano
  • Osteria al Coniglio Bianco, Milano
  • Bussarakham, Milano
  • Bullona, Milano
  • Vino al Vino, Milano
  • Upcycle Bike Cafè, Milano
  • Osteria della Madonna, Pavia
  • Hu Hancheng, Milano
  • Kandoo, Milano
  • Le Api Osteria, Milano
  • Ristorante Zibo, Milano
  • Insieme, Milano
  • Cantine Isola, Milano
  • La Ravioleria Sarpi, Milano
  • Manna, Milano
  • Sushi Kòboo, Milano
  • Asola e Gerri, Milano
  • Chinesebox, Milano
  • Bob, Milano
  • Aguasancta, Milano
  • Sine Ristorante Gastrocratico, Milano
  • Nuova Arena, Milano
  • Torre degli Aquila, Pavia
  • Trattoria Caselle, Morimondo (MI)
  • Lon Fon, Milano
  • Osteria Nuovo Convento, Milano
  • Ta Hua, Milano
  • Locanda del Carmine, Pavia
  • Antica Mescita Origini, Pavia
  • Lacerba, Milano
  • Vinoir, Milano
  • Testina, Milano
  • Valhalla la Brace degli Dei, Milano
  • Vinyl Pub, Milano
  • Gelateria Vier Bar, Pavia
  • La Taverna Anzani, Milano
  • La Taverna Gourmet, Milano
  • Muzzi, Milano
  • Alvolo, Pavia
  • DistrEat, Milano

I Brand della Ristorazione Italiana

  • 5Roosters
  • Aji
  • Appetite for Disruption
  • Arcano Milano
  • Basara Sushi Pasticceria
  • Berberè pizzeria
  • Bhangrabar
  • Birreria italiana
  • Bomaki
  • Bottega Ghiotta
  • Briscola Pizza Society
  • Bun – The abnormal burger
  • Ca’Pelletti
  • Capuano ‘s
  • Carico
  • Chinese Box Milano
  • Cioccolatitaliani
  • Circle
  • Cirfood
  • Cocciuto
  • Crosta
  • Da Zero – Pizza e Territorio
  • Deseo
  • Deus Cafè Milano
  • East River – American Pub
  • El Brellin
  • El Carnicero
  • El Porteño
  • Fede Group
  • Finger’s Flor. | born to be wine
  • Frankly Bubble Tea & Coffee
  • Fresco & Cimmino
  • Fud Bottega Sicula
  • Gelaterie Rigoletto
  • Gennaro Esposito Milano
  • Ghe Sem
  • GianGusto
  • God Save the Food
  • Graffiti Temakinho
  • Hamerica’s Healthy Color
  • Il Mannarino
  • Iyo – Iyo Aalto
  • Jazz Cafè
  • Ktchn Lab
  • L’Ov Milano
  • La Belle Alliance
  • La Cantina del Giannone
  • La Filetteria Italiana
  • La Prosciutteria
  • La Tartina
  • L’angolo di casa
  • Le Biciclette
  • Lievita’ – Pizzeria Gourmet
  • Light Kitchen
  • Living Long island navigli
  • L’ov Milano
  • Lowengrube
  • LùBar
  • Macha Cafè
  • Maison Bretonne
  • Mama Eat
  • Mammina pizzeria e cucina genuina
  • Manhattan
  • Mani in Pasta
  • Mareinpasta
  • McCain Milano restaurant group
  • Muu Muuzzarella
  • O peperino e Milano
  • Officina del Riso
  • Old Wild West America
  • Osteria Brunello
  • Otium Pandenus
  • Panini di Mare
  • Panino giusto
  • Pescaria
  • Pie – Pizzeria Italiana Espressa
  • Pils Pub
  • Pisco
  • Pizzeria Mari’
  • Poku by Bomaki Refeel
  • Sakeya
  • Sapori Solari
  • Signorvino
  • Solo Crudo
  • Spiller
  • StrEat
  • Swiss Corner
  • Tartare & Friends
  • Terrazza Triennale
  • Testina
  • That’s Vapore
  • The FisherMan
  • The Friends
  • This is not a Sushi Bar
  • Tom
  • The Ordinary Market
  • Twin’s Café
  • V-Cafe

Le liste sono in continuo aggiornamento e ipotizziamo si estenderanno coinvolgendo ristoratori e imprese di tutta Italia.