Qualche suggerimento per i vostri ordini di food delivery. Ecco dove ordinare il vostro pranzo, ma anche la vostra merenda o cena a Torino.
Pubblicità

Dopo Roma e Milano, tocca a Torino. Continuano infatti le liste di tutti quei ristoranti, presenti nelle nostre guide, che consegnano a domicilio mediante le maggiori piattaforme di food delivery. A proposito di piattaforme, Just Eat la conoscete tutti, quindi ci siamo concentrati sulle altre, compresa Eat in Time nata proprio a Torino.

food delivery torino Pfatisch
Pfatisch

Cosaporto

Conogelato (disponibile anche su Glovo)

La particolarità della gelateria sta nella scelta della materia prima che è la base principale dei gusti crema, ovvero il latte di bufala (di Moris, caseificio di Caraglio in provincia di Cuneo) che consente di ottenere un gelato dolce, cremoso e digeribile. A questo si aggiunge una lavorazione esclusiva che lo rende caldo e avvolgente al palato e una mantecazione fatta al momento che assicura una consistenza morbida e piacevole. Il gusto più gettonato è il fior di bufala, che trovate anche tra le scelte messe a disposizione su Cosaporto.

Pubblicità

La Drogheria Pugliese

Tanta scelta in questa bella drogheria, lo scopo è quello di offrire una ricca vetrina di specialità enogastronomiche pugliesi di eccellenza, attraverso le quali comunicare le tradizioni, la cultura e le ricchezze naturali e artistiche di una regione che ha molto da dare. Sul sito di Cosaporto trovate dei kit per preparare a casa la spaghettata di mare, la merenda pugliese, il pranzo della domenica o ancora la cena piccante.

Gatronomia Gallo

Gallo è uno dei nomi eccellenti della gastronomia torinese e vanta oltre 60 anni di attività (cura anche un ottimo catering). Nel sito di Cosaporto propone delle idee per l’aperitivo, come i vini in abbinamento a salmone, acciughe, stilton o foie gras.

Pubblicità

Pfatisch

Un’insegna storica che nel nome richiama il fondatore di origini bavaresi Gustavo Pfatish, che diede avvio all’attività nel 1915. Nel 1934 il passaggio di testimone alla famiglia Ferraris, capace di una gestione solida ed efficace che ha consentito al locale di affermarsi e mantenersi come una delle migliori pasticcerie cittadine. La specialità della casa è la lavorazione del cioccolato, potete provare la loro torta Festivo, due dischi di meringa al cacao farciti di crema chantilly al cioccolato e ricoperti di granella di cioccolato, il tutto sovrastato dal caratteristico ciuffo di cioccolato.

Ziccat

La storia di Ziccat inizia nel 1958 e nel 2014 l’azienda è stata rilevata da Alberto Brustia, Alexis Rosso e altri soci, affiancando moderne creazioni ai prodotti di tradizione. Minimo comune denominatore qualità degli ingredienti, assenza di glutine e lavorazione artigianale. Nella piattaforma di delivery trovate diverse box di praline o ciocolatini. Lodevole, poi, l’iniziativa di Ziccat di donare le loro creazioni a chi sta lavorando negli ospedali.

Un’iniziativa che si aggiunge al vortice virtuoso torinese, che coinvolge anche la stessa piattaforma Cosaporto, la quale, con la complicità della pasticceria Cotton Kendy, porta un po’ di dolcezza agli operatori dell’ospedale San Giovanni Bosco di Torino.

Pacifik Poke food delivery torino
Pacifik Poke

Glovo

Amici Miei

È la prima pizzeria aperta da Marco Bonomi, ingegnere con la passione per le pizze, esattamente 20 anni fa. Una tonda (impasto esclusivo messo a punto da Bonomi) in stile napoletano, con cornicione alto, lunghe lievitazioni e materie prime rigorosamente campane: mozzarelle di bufala di Santa Maria Capua Vetere, burrata di Corato. Specialità della casa la Amici Miei con mozzarella di bufala, radicchio, caciocavallo e salsiccia. Da segnalare la pizza per celiaci, con forno dedicato.

Japs! (disponibile anche su Just Eat)

Tre le sedi in città, più una a Grugliasco per questo marchio che va per la maggiore qui a Torino. Ogni indirizzo ha una sua specialità: quello di Grugliasco è un sushi bar vero e proprio; quello di via Carlo Alberto è un sake bar con piccoli piatti; a corso De Gasperi sono i noodles (anche gluten free) a farla da padroni, mentre a corso Dante protagonista è il ramen, ovvero la tradizionale zuppa nipponica da comporre a piacere. Su Glovo trovate sushi, bento, sashimi e tartare.

Pacifik Poke (disponibile anche su Just Eat)

Protagonista assoluto il pokè, termine hawaiano che significa letteralmente tagliato a cubetti. Il pokè è infatti un’insalata di cubetti di pesce crudo, macerati e conditi con ingredienti e salse di vario tipo (solitamente a base di salsa di soia e olio di sesamo). Tutti gli ingredienti sono freschi e scelti con la massima cura, a partire dal pane, realizzato ad hoc da un noto forno cittadino. Potete scegliere tra pokè, tartare, zuppe calde, bagel.

Sarchiapone

Una pizzeria informale, colorata, allegra che propone una pizza di tradizione in molte varianti, tutte ben realizzate, dalla pasta soffice e saporita. Dalle classiche Marinara, Margherita e Napoli alle pizze più creative, concepite e realizzate con dei topping ricercati: la Cite con pomodorino giallo del piennolo, stracciatella, mortadella e granella di pistacchio, la Upa con bufala, radicchio, gorgonzola, salsiccia, la Lala con pomodori secchi, olive taggiasche e burrata. In carta anche tonde bianche e focacce farcite. Bella scelta di dolci, in questo periodo trovate anche le chiacchiere.

Tellia (disponibile anche su Just Eat)

Una buona pizza in teglia a Torino è possibile. Tellia ne è un esempio, con i suoi impasti di farine macinate a pietra dei Molini Bongiovanni e ingredienti per il topping di qualità. Potete scegliere tra la Polpo con crema di patate, carciofi, polpo, paprika o la Carbonara d’aMare con pesce spada affumicato, crema alla carbonara, cacio di grotta bio, wasabi. Ci sono anche le classiche.

Trapizzino (disponibile anche su Just Eat)

Il celebre street food a firma di Stefano Callegari c’è anche a Torino. La formula (vincente) resta la stessa a qualsiasi latitudine: la tasca di pizza bianca accoglie i gustosi condimenti come picchiapò, polpette al sugo o parmigiana. E poi non mancano veri supplì al telefono per i più nostalgici della Capitale. Trovate anche qualche etichetta.

L'Hamburgheria di Eataly food delivery torino
L’Hamburgheria di Eataly

Deliveroo

Gelateria Moou

Una piccola gelateria molto apprezzata, dove il gelato si declina in proposte creative, spesso con un tocco di salato: come l’Arachimou, vincitore di svariati premi, a base crema con caramello e arachidi salate, un must da provare, o il pistacchio salato. Molto apprezzato anche il caffè e la vaniglia con cioccolato di Modica, la nocciola grezza, la Cheesecake alla fragola. Da provare i gusti mousse al pistacchio, al cioccolato, al cappuccino o all’Arachimou.

L’Hamburgheria di Eataly (disponibile anche su Eat in Time)

Hamburger 100% italiano con carni piemontesi del consorzio la Granda, pane con farine del Mulino Marino, salse biologiche e verdure fresche di stagione. Ecco i punti fermi di questa hamburgeria dove gusto, sostanza e genuinità si fondono alla perfezione. Giotto è l’hamburger base con pane all’olio di oliva, insalata iceberg, pomodoro e salsa a scelta; irresistibile il Cis-panciotto, con formaggio naturale senza additivi. Simpatica la variante piemontese del kebab: il Kebabun, con fassona arrostita e piadina di grani italiani e sale di Cervia.

La Flegrea food delivery torino
La Flegrea

Uber Eats

D’Agata

Gestito dai fratelli D’Agata di origini siciliane, è l’indirizzo giusto per soddisfare quanti amano le pizze dall’impasto leggero e digeribile, guarnite in modo classico (un must la Norma, con melanzane e ricotta salata) oppure con il pesce, come la 3 carpacci con pesce spada, tonno e salmone o la Polposa con polpo, patate, pesto e olive.

Flower Burger (disponibile anche su Eat in Time)

Se in molti fanno ancora fatica ad associare il concetto di burger a quello di alimentazione vegana, questa catena (presente pure in Lombardia e nella Capitale) vuole sfatare un mito e dimostrare come un panino possa essere gustoso anche se privo di ingredienti di origine animale. La regola, infatti, è una sola: qui non si utilizza nulla che non sia vegano. Per il resto, spazio ai colori e alla fantasia: pane alla curcuma, al carbone vegetale o alla ciliegia, polpetta di ceci, tofu o seitan, salse e condimenti sempre a base vegetale. Non mancano gustose patatine.

Grezzo

Valida cioccolateria crudista che coniuga in maniera sublime gusto, salute e piacere, realizzando prodotti sani, gustosi e nutrienti, gluten free, senza lattosio, 100% vegetali e biologici. Dolci, gelati, creme spalmabili, buoni, sani e nutrienti, privi di glutine, zuccheri raffinati, uova, latte e derivati, soia, lieviti e prodotti chimici. Tutte le specialità sono adatte a persone con intolleranze. Una curiosità: lo zucchero di cocco è il principale dolcificante e non si utilizzano semilavorati.

La Burgheria (disponibile anche su Glovo)

Il format richiama l’american style dei fast food anni Cinquanta, ma dentro il panino i sapori sono tutti piemontesi. Carne di Fassona, verdure fresche e formaggi di provenienza locale, pane e salse maison, patatine fritte tagliate a mano danno vita ad hamburger artigianali gustosi e genuini. Si ordina scegliendo tra le diverse tipologie proposte, compresi pure i panuozzi.

La Flegrea

Una storica pizzeria torinese riaperta con uno stile piacevolmente vintage e una nuova filosofia della pizza, ispirata alla classica tradizione partenopea. Farine macinate a pietra, alte idratazioni, lunghe maturazioni per un impasto leggero e digeribile, in tre varianti (semintegrale, integrale, farro monococco integrale bio). Cottura in forno elettrico, e topping selezionati, fra cui ben cinque diverse varietà di pomodori (e dunque cinque diverse versioni di Margherita). Fanno anche pizze senza glutine.

Mara dei Boschi

Una gelateria contemporanea che è una dinamica officina dei sapori e offre esperienze nel segno del gusto. Laboratorio a vista, gusti intriganti e sfiziosi declinati in una ventina di proposte, classiche e meno: top il Marotto, versione gelato del gianduiotto, insieme al caramello con arachidi e sale Maldon. E poi fondente, yogurt greco, crema pasticcera con agrumi o stracciatella con gianduia.

Ottimo food delivery torino
Ottimo!

Eat in Time

Gelateria La Tosca

Riccardo Serra è un paladino del gelato artigianale d’autore. I gelati sono frutto di materie prime selezionatissime: frutta di stagione, pistacchi di Bronte Dop, paste di meliga del Monregalese (Presidio Slow Food). Grande attenzione alle intolleranze, con coni privi di latte, farine e glutine (e anche coni vegan), gusti per diabetici con latte di riso e zero zuccheri bianchi (dolcificati con maltitolo e stevia).

Lentini’s

Due sedi in città, divertente e dinamico il menu, stampato come fosse un quotidiano, che in qualsiasi sezione – dalle farinate alle tapas, dalla pasta alla griglia – rivela il minimo comune denominatore: un grande lavoro di ricerca della migliore materia prima che viaggia lungo tutto lo Stivale, per portare in tavola il culatello di Zibello, la burrata di Putignano e i datterini siciliani. Sul fronte pizza il risultato è una tonda realizzata con lievito madre e sempre disponibile pure con impasto integrale, dotata di un cornicione ben pronunciato. Si sceglie tra svariate opzioni.

Marilù fa Il Gelato

Gelati fatti come si deve, dai gusti classici a base crema e frutta (provate il fiordilatte e i fichi), rigorosamente di stagione, e gusti più creativi, spesso ispirati da romanzi e libri (da Carofiglio a Verne o Murakami).

Pasticceria Bar Gertosio

Quella dei Gertosio è una famiglia che da generazioni si tramanda la passione per la pasticceria; oggi è Massimo, orgoglioso erede e custode dei segreti del mestiere, a condurre con professionalità il bel locale nel quale si respira tradizione, nel senso più nobile del termine. Materie prime scelte e buona tecnica sono alla base di specialità dall’antica storia come la torta Sabauda, ispirata ai dolci di Casa Savoia, con cioccolato, gianduia e nocciola, o le Palle di Pietro Micca, che richiamano l’assedio francese del 1706.

Ottimo!

Dall’idea del gelato di recupero ecco il gusto al pane (di Perino), in versione pane e marmellata, pane e burro, pane e cioccolata o lo zabaione con foglie del bosco (ma non mancano esperimenti anche più audaci). Altro filone di ricerca, i gelati senza latte, ormai più della metà delle proposte: sorprendenti lo zabaione, il fondente di Torino, il pistacchio salato, la nocciola (top la nocciola Cavour molto tostata e intensa), il caffè e qualche inedito. Su Eat in Time potete optare anche per le crêpe, salate e dolci, o la polenta con ragù di cinghiale, taleggio o caponata di melanzane.

a cura di Annalisa Zordan