Il ristorante Feel Como quest'estate si trasferisce nella serra di Villa del Grumello, in questo modo riesce a far rientrare a lavoro tutti i dipendenti e a mantenere i prezzi invariati. Una storia che può servire da spunto per altri ristoratori.
Pubblicità

La ristorazione italiana non si ferma e si reinventa in versione estiva en plein air. Così, per molti, quella che doveva essere una limitazione (leggi: distanziamento sociale), si sta rivelando un input per guardare oltre. Pensiamo per esempio a chi ha iniziato ad utilizzare dehors mai contemplati prima, come i fratelli Serva con i loro strepitosi giardini, o chi ha addirittura cambiato location (passateci il termine), come i fratelli Roscioli che hanno inaugurato il loro Rosciolino nella piscina del centro sportivo Play Pisana a Roma. Cavalca quest’onda anche il ristorante Feel Como, ma lo fa all’interno di una serra. Sì, avete letto bene.

Feel Como

Il ristorante Feel Como si trasferisce in una serra

In pieno centro storico, fra le strette vie della città murata, Feel è un piccolo e curato locale che per via delle restrizioni post-Covid avrebbe potuto ospitare sì e no dieci coperti. Così lo chef Federico Beretta e la manager sommelier Elisa Forlanelli hanno deciso di trasferirsi in quella che sarà la loro inedita residenza estiva. “Avevamo già organizzato degli eventi nella Villa del Grumello, è un luogo a cui siamo molto affezionati, tanto da aver festeggiato i sei anni di vita di Feel”, racconta Federico, “ci è dunque venuta spontaneamente l’idea di trasferirci lì, almeno fino a settembre”. Ed effettivamente la villa affacciata sul lago, con la sua spettacolare serra, è il posto ideale dove trascorrere le serate estive.

La serra di Villa del Grumello

“Vicino alla villa, accanto a un piccolo laghetto, c’è la Serra del Grumello, uno dei luoghi più raccolti e suggestivi del parco”, una struttura di metà Ottocento, egregiamente ristrutturata nel 2012 dai tre architetti Paolo Brambilla, Elisabetta Orsoni e Corrado Tagliabue. “Qui abbiamo inserito, tra le piante rampicanti, sette tavoli, altri diciotto sono nel giardino esterno, alcuni disponibili per la cena, altri per l’aperitivo. Così facendo siamo riusciti a richiamare al lavoro tutto il nostro personale e riusciremo a sostenere le spese di affitto, tenendo anche conto che dalla villa ci sono venuti incontro”. Un bell’esempio win-win dove la villa riesce a sopperire alle perdite dovute alla cancellazione degli eventi e il ristorante evita di lasciare in cassa integrazione i suoi dipendenti, senza rifarsi sulle tasche dei clienti.

Pubblicità
Feel Como

Menu e prezzi

“I prezzi sono rimasti invarianti”, specifica lo chef, “così come il menu, per il quale, come sempre, attingo dalle valli montuose, dai boschi, dal lago”.  Soprattutto dal lago, con lo storione tonnè, la carpa accompagnata da sedano bianco, crescione d’acqua e formaggio Zincarlin, le linguine alla colatura di missoltino, il salmerino alpino o l’anguilla al bbq. Ma volendo si può scegliere tra i tre menu degustazione (da 60, 75 e 75 €), uno dedicato appunto alle acque dolci, il secondo al sottobosco e il terzo agli alpeggi. Primo servizio: venerdì 5 giugno.

Feel Como nella serra di Villa del Grumello – Como – via per Cernobbio, 11 – per prenotare: www.feelcomo.com/prenotazioni

 a cura di Annalisa Zordan

 

Pubblicità