Social e comunicazione. 5 storie di strategie dei big del fast food

27 Mag 2019, 15:00 | a cura di Antonella Dilorenzo
Ci siamo chiesti quali fossero le azioni di comunicazione e marketing adottate dai big dei fast food per fare conoscere il loro marchio e i relativi prodotti. Ecco 5 casi.
Pubblicità

Nel mensile di maggio del Gambero Rosso siamo andati a spasso con Niko Romito a testare alcuni grandi brand di fast food, da McDonald’s, al Burger King, a KFC. Poi ci siamo chiesti quali fossero le azioni di comunicazione e marketing adottate dai big dei fast food per fare conoscere il loro marchio e i relativi prodotti. Ecco 5 casi.

Logo Mc Donald's

Mc Donald's

Nel 2012 nella stazione di Varsavia fu installato un tabellone digitale che, accanto a orari di partenze e arrivi dei treni, mostrava le icone di quali prodotti del McDonald’s potevano essere consumati durante il periodo di attesa. Solo coca-cola e patatine, o hamburger, patatine e coca-cola etc… Ovviamente il primo ristorante McDonald’s era a 50 metri. Tutti fotografarono, ripresero e tutti i giornali ne parlarono. Un esempio ben riuscito per far crescere la brand awareness e acquisire nuovi clienti.

Logo Burger King

Burger King

Lo scorso anno Burger King Spagna lanciò sul suo Instagram la campagna "Stories Ordering" con la chiamata "Have it your way", dando la possibilità agli utenti di personalizzare il proprio Whopper, panino di punta della casa. Tutto questo come? 9 sondaggi lanciati in altrettante Instagram stories, una per ogni ingrediente. L’utente, dopo aver risposto, riceveva in direct message un coupon per ritirare il suo Whopper personalizzato gratuitamente. Risultati? Circa 45mila utenti coinvolti, 270mila interazioni, +10% follower, profilazione dettagliata dei gusti degli utenti, spendendo praticamente zero! Chapeau.

Pubblicità
Logo KFC

KFC

Lo scorso anno la campagna "Hot&Spicy" fece letteralmente il giro del web. Furono realizzate delle grafiche raffiguranti pollo fritto al posto di fumo e fuoco emessi da un veicolo dragster e da un razzo spaziale durante la partenza. Le immagini furono stampate sulle tovagliette di carta di KFC che venivano servite con pollo fritto piccante.

Logo Domino’s Pizza

Domino’s Pizza

Nell’agosto del 2018 Domino’s Pizza Russia lanciò una chiamata sui social: 100 pizze gratis all’anno per 100 anni per chi si fosse tatuato il logo dell’azienda. Al contest aderirono talmente tanti utenti che la campagna diventò virale: l’azienda fu costretta a chiude tutto prima del previsto. In una settimana parteciparono all'iniziativa circa 350 utenti che ora vengono costantemente riforniti di pizza gratis! Con una perdita non indifferente per l’azienda. Fallimento da troppo successo.

Logo Five Guys

Five Guys

Grande esempio di pubblicità a livello di store e di competizione è l’idea dei Five Guys Games che si disputano ogni due anni. Nella gara a eliminazione sono coinvolti tutti i dipendenti degli store Five Guys USA messi l’uno contro l’altro per selezionare – ad esempio – chi taglia meglio e più veloce le patate, chi sporziona meglio il formaggio. Come in un vero e proprio campionato si scelgono i vincitori assoluti che portano a casa 50mila dollari (primo posto), 25mila (secondo posto) e 15mila (terzo posto) con tutti i complimenti dei loro capi e una gran pubblicità per il locale in cui lavorano.

E chi ha inventato l'International Burger Day?

Nessuno sa veramente quando sia stata creata questa festa, ma molte fonti concordano sul fatto che sia stata lanciata da Mr. Hyde, un daily email service inglese che si occupa di stile, cultura, film e ovviamente cibo. Mistero risolto? Non proprio, dato che il Mr. Hyde Burger Day si festeggia il 27 agosto!

Pubblicità

a cura di Antonella Dilorenzo

Articolo uscito nel numero di maggio del Gambero Rosso. Il numero lo potete trovare in edicola o in versione digitale, su App Store o Play Store

Abbonamento qui

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X