Tra San Salvario e il centro storico della città, a Torino sono molteplici le opportunità di concedersi una pausa di qualità per mangiare nei dintorni della stazione di Porta Nuova. I nostri consigli.
Pubblicità

Da Milano verso sud, in direzione Napoli, abbiamo percorso l’Italia lungo la tratta ferroviaria dell’alta velocità. Con tappe a Bologna, Firenze, Roma, e fino alla destinazione nel capoluogo partenopeo. Mappando gli indirizzi utili per mangiare con qualità in ognuna di queste città, dentro o intorno alla stazione. Quando c’è poco tempo per spostarsi alla volta del ristorante del cuore, e un buon suggerimento può risolvere la pausa tecnica in città, prima di riprendere il treno. Eccoci, dunque, a Torino, di nuovo al Nord, per scoprire dove mangiare e bere con gusto intorno alla stazione di Porta Nuova, che costeggia la movida di San Salvario e dà accesso al centro storico sabaudo della città.

Per praticità, abbiamo suddiviso gli indirizzi proprio in base al tempo a disposizione di chi viaggia. Limitando la scelta a un perimetro d’azione facilmente raggiungibile a piedi.

 

Pubblicità

Mangiare a 5 minuti dalla stazione di Torino Porta Nuova

Uovo, gamberi crudi, tartufo a scglie da Scannabue a Torino

Scannabue

Per raggiungere uno dei locali più amati e frequentati della città basta percorrere qualche minuto a piedi, in direzione del caratteristico largo Saluzzo. Scannabue è un posto “giovane”, ma in tavola arrivano tanto i piatti della tradizione che proposte di una cucina piacevolmente creativa, fondata sulla scelta di ottime materie prime.

largo Saluzzo, 25h – www.scannabue.it

 

Petit Baladin

Birre della casa e ampia selezione di artigianali (vedi Open Baladin), ma pure qualche piatto cucinato semplice e ben eseguito. Ambiente vintage, mobili e lampade a tema. Si apre solo la sera, dall’ora dell’aperitivo.

Pubblicità

via Saluzzo, 21e – www.baladin.it

 

Mangiare a 10 minuti dalla stazione di Torino Porta Nuova

Orso Laboratorio Caffè

Aeropress, sifone, french press, V60. Da Orso la sperimentazione sugli specialty coffee è iniziata in tempi non sospetti, grazie al lavoro di ricerca condotto da Giulio Panciatici. Oggi dietro al banco non c’è più Giulio, ma Orso, a San Salvario (e proprio accanto alla gelateria Mara dei Boschi), resta un valido suggerimento per una buona pausa caffè.

via Berthollet, 30g – www.orsolaboratoriocaffe.it

 

Madama Piola

Christian Milone ha aperto da qualche settimana la sua prima piola, in zona San Salvario e a pochi metri dal mercato di piazza Madama Cristina. E infatti la sua Madama propone una cucina di mercato, che recupera le ricette della tradizione piemontese per servirle con approccio informale, a prezzi contenuti, ma con tutta l’esperienza dello chef cresciuto a Pinerolo, nella trattoria di famiglia, oggi votata al fine dining.

via Ormea, 6 – pagina Fb

Piazzale Fusi e l'edificio di Open Baladin, mentre spunta il sole dalle nuvole

Open Baladin

Il quartier generale di Teo Musso in città è scenografico e conviviale, fulcro vitale di piazzale Fusi. Si beve birra (e bevande Baladin), si mangiano tartare di fassona, galletto alla birra, hamburger, pulled pork… E tutta l’ampia gamma di comfort food che caratterizza l’offerta di casa Baladin in molte città d’Italia.

piazzale Valdo Fusi, 16a – www.baladin.it

 

Contesto Alimentare

Trattoria urbana gestita da una squadra giovane che si muove in uno spazio contemporaneo. È questa la sintesi di Contesto Alimentare, che stupisce con una cucina fresca, ingegnosa, di ottima materia prima. A pranzo si mangia il menu del mercato.

via dell’Accademia Albertina, 21e  – www.contestoalimentare.it

Piatti cinesi da Oh Crispa, ciotola di noodle, dumpling al vapore

Oh Crispa!

Alla guida di questo piccolo localino dal design intrigante c’è una coppia italo-cinese, che propone street food cinese di ottima qualità, con diverse proposte vegetariane. Tutto in un contesto molto informale, nel cuore di San Salvario: si ordina alla cassa e si attende che i piatti siano pronti, servendosi a piacere di salse d’accompagnamento.

via Belfiore, 16bis – pagina Fb

La pizza al taglio ripiena di Massimiliano Prete, da Sestogusto

Sestogusto

Il sesto gusto, secondo i ricercatori, è la sensibilità della bocca al sapore dei carboidrati. È questa la premessa che vige sulle scelte di Massimiliano Prete, maestro pizzaiolo che da un anno a questa parte ha finalmente aperto la sua pizzeria nel centro di Torino. Non un’esperienza banale, perché da Sestogusto si ragiona sull’impasto oltre la pizza, da farine macinate a pietra, con processi di lievitazione speciali. Provare per credere, anche a pranzo.

via Mazzini, 31/a – www.sestogustotorino.it

 

Berberé

Il contesto, la bella piazzetta Madonna degli Angeli, è suggestivo. E qui la pizzeria dei fratelli Aloe ha trovato una seconda casa in città, all’inizio dell’estate. Aperto anche a pranzo, il locale è colorato e informale, e dispone di un dehors esterno; la pizza è servita a spicchi, e invita alla convivialità.

piazzetta Madonna degli Angeli – www.berberepizza.it

Un gelato al cono di Mara dei Boschi

Mara dei Boschi

La gelateria a Tre Coni che vanta una bella sede con caffetteria e cioccolateria proprio in piazza Carlina, è presente anche a San Salvario, e prosegue le sue sperimentazioni sul gelato, a partire da materie prime di altissima qualità.

via Berthollet, 30 – www.maradeiboschi.com

 

Alberto Marchetti

Ancora gelato, ancora un maestro che tiene alta la bandiera della gelateria artigianale piemontese, che ha radici storiche prestigiose. Alberto Marchetti vanta diverse sedi in città. La più comoda da raggiungere, partendo dalla stazione, è in Corso Vittorio Emanuele, direzione Parco del Valentino.

corso Vittorio Emanuele II, 24b – www.albertomarchetti.it

Mangiare a 15 minuti dalla stazione di Torino Porta Nuova

Caffè Mulassano

Vale la pena tagliare il centro della città in direzione di piazza Castello per provare i tramezzini dello storico caffè, dove il tempo sembra essersi fermato. Qui, recita una targa, nel 1926 i tramezzini sono stati inventati. Leggenda o realtà, quelli che si mangiano oggi sono buonissimi, e proposti in molte varianti. Da bere, un vermouth Mulassano o un Carpano. Seduti “nella” storia di Torino.

piazza Castello, 15www.caffemulassano.com

Un tavolino della Farmacia del Cambia, con dolci monoporzione e caffè

Farmacia del Cambio

In piazza Carignano, seduti ai tavolini della Farmacia del Cambio, ci si ritrova per colazione, merenda, un piacevole aperitivo con vermouth o un calice di vino, accompagnato da chips di verdure, tramezzini e sfizi di piccola cucina. Buona la varietà dei panini per pranzo, ottimi i dolci, tra veneziane, monoporzione raffinati e gelati maison.

piazza Carignano, 2 – www.delcambio.it/farmacia

 

Trapizzino

Il locale torinese di Trapizzino, presente in città anche al Mercato Centrale di Porta Palazzo, è il più grande e ambizioso del brand ideato da Stefano Callegari e Paul Pansera. La specialità della casa? Le mitiche tasche di pizza ripiene di ricette delle tradizione. Non solo romana.

piazza Carlo Emanuele II, 17 – www.trapizzino.it

La sala di Teapot a Torino, con divanetti, cuscini, luce calda

Teapot

Caminetto, arredo shabby chic, piante che vivacizzano l’ambiente, un piacevole dehors. E una bella scelta di tè, tisane, infusi (che si possono anche comprare), per accompagnare torte da credenza, biscotti, dolcetti del giorno; ma anche toast, focacce, semplici preparazioni di cucina che variano quotidianamente.

via Silvio Pellico, 18 – pagina Fb

 

Banco Vini e Alimenti

Dritti verso il Quadrilatero, per scovare un rifugio sicuro molto apprezzato in città. Costola del Consorzio, si beve (bene) e si mangia una cucina divertente e di buona materia prima in ambiente semplice e informale. Proposta giornaliera alla lavagna, ideale anche per un aperitivo al volo prima di ripartire.

via Mercanti, 13f  – pagina Fb

 

foto di apertura di Fabrizia Di Rovasenda