Appuntamento il 28 settembre, per ripartire in sicurezza con una serata all’insegna del gusto e dell’abbinamento cibo/vino. Mattatore della serata sarà l’oste più amato d’Italia: Giorgione.
Pubblicità

Vini&Cucina con Mezzacorona e le ricette di Giorgione

Dopo mesi di stop obbligato, lentamente, si torna alla normalità. Con tutte le precauzioni del caso. C’è però voglia di ripartire, ritrovarsi e stare insieme in sicurezza, trascorrere una bella serata in compagnia. E il 28 settembre, la Città del gusto Roma torna ad aprire le sue porte, per ospitare un appuntamento all’insegna del gusto e della simpatia di Giorgione, l’oste più amato d’Italia e seguitissimo su Gambero Rosso HD, Sky 132 e 412. Sarà lui il mattatore della serata romana Vini&Cucina dedicata alla scoperta dei vini Mezzacorona, abbinamento a tavola per le pietanze proposte dall’oste. Un’ottima occasione per gli appassionati di vino, che potranno degustare cinque vini espressione del Trentino e della Sicilia (i due territori vinicoli riuniti sotto l’egida di Mezzacorona), ma anche per i fan di Giorgione, che intratterrà gli ospiti per tutta la cena, con la sua cucina generosa e il suo buonumore.

Questo il menu della serata, con i rispettivi abbinamenti:

BENVENUTO
Prugne in un velo di barbazza
Trento Pas Dosé Rotari AlpeRegis ’13
***
ANTIPASTO
Crostone con patè di fegato, baccalà e ceci, melanzane piccanti
Trento Brut Rotari Flavio Ris. ‘11
***
PRIMO PIATTO
Cappelli del prete, ricotta, bufala, funghi porcini
Trentino Pinot Grigio Ris. Castel Firmian ’17
***
SECONDO PIATTO
Faraona alle mele verdi con glassa allo zafferano & purè finto di patate
Trentino Lagrein Ris. Castel Firmian ’16
***
DESSERT
Torta delle monache
Trentino Moscato Rosa V. T. Dabèn ’16

Pubblicità

> SCOPRI COME PARTECIPARE ALLA CENA DEGUSTAZIONE

Mezzacorona Wine Trail

La serata romana non sarà l’unico appuntamento con i vini di Mezzacorona. Il Wine Trail, organizzato da Gambero Rosso, riprende infatti da dove si era interrotto. E il 22 settembre, a Palermo, il tour enogastronomico fa tappa al ristorante Villa Clelia, per scoprire la cucina di Fabio De Luca, che si muove agilmente tra piatti di terra e mare.