Una miniguida in 15 indirizzi per mangiare all’aperto a Milano in ristoranti che propongono giardini insospettabili o panorami mozzafiato sulla città. Con qualche bella novità, come il giardino segreto di Voce, con la cucina di Aimo e Nadia.
Pubblicità

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI THE BEST IN LOMBARDY

 

Delle oltre 2mila domande pervenute a Palazzo Marino, sono già 1200 le richieste evase dal Comune di Milano nell’ambito del ripensamento degli spazi urbani per l’estate 2020. 1200 locali – tra bar, ristoranti, pizzerie – che hanno ottenuto la concessione per l’occupazione di suolo pubblico nelle ultime settimane, usufruendo della procedura semplificata perfezionata per far fronte all’emergenza sanitaria (in modo analogo a quanto sta succedendo in altre città, da Londra a New York), che prevede anche la gratuità della Cosap fino al 31 ottobre. Dunque secondo la fotografia di fine giugno sono attualmente 45mila i metri quadri di suolo pubblico occupati da tavolini e dehors della attività commerciali, che così cercano un po’ di respiro dopo tanti mesi di stop. E questo anche grazie alla chiusura al traffico di alcuni porzioni di città, in nove diverse aree solitamente carrabili, che ora sono ascritte alla superficie pedonalizzata di Milano, estesa complessivamente a 6500 metri quadri. Con la possibilità concreta che gli spazi outdoor a disposizione dei locali continuino ad aumentare, per esaudire una richiesta sempre più nutrita. Ma allora, tra le numerose realtà che hanno beneficiato dell’opportunità, quali sono gli indirizzi più interessanti sotto il profilo enogastronomico? Abbiamo già segnalato le pizzerie con dehors e i locali per bere bene all’aperto. Ora procediamo con i ristoranti dotati di un bello spazio outdoor – che siano giardini segreti, cortili, terrazze panoramiche – privilegiando le ultime novità (ma non solo). Seguirà a breve una miniguida dedicata al mangiare in cascina, dentro e appena fuori dalla città.

Pubblicità
il giardino di Casa del Manzoni a Milano

Voce in giardino

Bisognerà attendere ancora qualche giorno per apprezzare il vestito estivo di Voce, che dal 10 luglio inaugura il suo dehors nel giardino di Alessandro Manzoni. Non cambia però la formula di un locale pensato per vivere tutta la giornata, come un salotto aperto su una delle più belle piazze della città. Il progetto darà la possibilità di scoprire il giardino segreto situato tra le Gallerie d’Italia e la Casa del Manzoni, impreziosito dalle sculture di arte contemporanea della collezione museale e da un’antica fontana a edicola. In giardino, grazie al nuovo allestimento di Michele de Lucchi, si potrà pranzare, cenare o consumare un aperitivo, scegliendo dalla carta supervisionata da Fabio Pisani e Alessandro Negrini, per il gruppo Aimo e Nadia. La proposta del cocktail bar allestito sotto forma di “finestra sul giardino” potrà contare sul contributo di Filippo Sisti. Il chiostro adiacente sarà riservato all’organizzazione di eventi.

Piazza della Scala, 6 – 0240 701935 – www.voceaimoenadia.com

il cortile del bistro di Aimo e Nadia

Aimo e Nadia BistRo in cortile

Pubblicità

Dimensione estiva anche per il bistrot che il gruppo Aimo e Nadia gestisce negli spazi della Galleria Rossana Orlandi. Nel cortile della Galleria, il bistro all’aperto è già operativo. La cucina è quella del giovane Lorenzo Pesci, scelto per rappresentare la filosofia di Aimo e Nadia in un contesto più informale. Aperto a pranzo e cena, il bistrot offre piatti da condividere, dalle polpette di pesce ai torcinelli di agnello, e una serie di proposte alla carta, da un menu agile, con quattro idee per ogni sezione, tra un tuorlo cotto in olio con zucchine, paprika e ricotta alle olive e un Risotto Carnaroli mantecato ai piselli, yogurt e cacao o un’animella di vitello con salsa vicentina, carote e caffè.

Via Matteo Bandello, 14 – 02 48026205www.bistroaimoenadia.com

 

Eataly Smeraldo con Viviana Varese

Oltre all’incursione sul lago di Garda, nella bella terrazza di Manerba che per l’estate ospita il format Viva la Terrazza, anche in città Viviana Varese ha inaugurato il suo dehors estivo in piazza XXV aprile. Viva in Piazza affianca così lo spazio all’aperto già allestito da Eataly Smeraldo (ne abbiamo parlato a proposito di pizza), portando all’aperto la cucina d’autore della chef pugliese, per l’aperitivo – a base di crudi di pesce e bollicine –  o una cena degustazione da 70 euro (nel weekend anche a pranzo). Resta operativo con la formula consueta il ristorante all’interno di Eataly.

Piazza XXV aprile – 0249497340 – www.vivianavarse.it

la terrazza sulla Torre di Fondazione Prada

Ristorante Torre in Fondazione Prada

In cima alla Torre della Fondazione Prada, con bella terrazza sospesa su Milano, il ristorante omonimo ha cambiato chef. Alla guida della cucina ora c’è Lorenzo Lunghi, classe 1986, già al mitico Gambero Rosso di Fulvio Pierangelini, e poi accanto a Fulvietto nel 2011, quando inaugurava il Bucaniere di San Vincenzo. Dopo esperienze parigine a Le Chateaubriand e Saturne, Lunghi, natali toscani, arriva a Milano per concertare una proposta dedicata alla cucina regionale italiana, interpretata con modernità. Aperto dall’ora dell’aperitivo, il ristorante è operativo solo a cena, dal venerdì alla domenica.

via Giovanni Lorenzini, 14 – 02 23323910 – www.fondazioneprada.org/torre/

Risotto con ossobuco di Ratanà Ratanà

Sotto ai grattacieli del Bosco Verticale, la locanda di Cesare Battisti accoglie gli ospiti anche nel piacevole dehors circondato dal verde, in una delle zone più “calde” dell’estate milanese (a pochi passi è stata allestita la “spiaggia” di Lido Bam, nel parco della Biblioteca degli Alberi). Sono aumentati i posti all’esterno per gli ospiti, ma chi preferisce mangiare nel parco può approfittare della proposta picnic, con idee sfiziose da mangiare con le mani, in packaging compostabile. Mentre resta invariata la conveniente formula della schisceta (al tavolo) per il pranzo. In alternativa si sceglie alla carta o si opta per il menu degustazione da 6 portate, sempre dedicati alla stagionalità dei prodotti dell’orto e articolati in proposte di gusto, sostanza e creatività.

Via de Castillia, 28 – 0287128855 – www.ratana.it

la terrazza di Clotilde Brera

Clotilde Brera

La terrazza-giardino sospesa tra i vicoli di Brera è una delle più affascinanti in città, e fa il paio con l’eleganza degli spazi interni che Clotilde mette a disposizione degli ospiti per l’aperitivo, il brunch del weekend, una cena sotto le stelle per assaggiare la cucina di Domenico Della Salandra (anche in pairing con i cocktail di Filippo Sisti, che cura l’offerta di miscelazione di Clotilde). Si sceglie tra piatti della tradizione (risotto alla milanese, cotoletta di vitello, ossobuco) e proposte più creative, ma rassicuranti, come i bigoli al torchio con ragù di polpo e la pancia di maialino confit con mirto e cipolle rosse.

Piazza San Marco, 6 – 02 38316453 – www.clotildefood.com

tavoli in terrazza da Ceresio 7

Ceresio 7

Un’altra terrazza mozzafiato di Milano – siamo sul rooftop del Palazzo dell’Enel-  è quella di Ceresio 7, ritrovo amato della mondanità meneghina, per un aperitivo a bordo piscina con i cocktail di Guglielmo Miriello o una cena (ma si può salire in terrazza anche per pranzo) concertata da Elio Sironi, che propone una cucina solida e creativa al tempo stesso, dallo spiccato senso estetico. Anche con formula degustazione a 90 euro.

Via Ceresio, 7 – 02311039221 – www.ceresio7.com

Chiostro Bistrot

Come rivela il nome, siamo all’interno del chiostro del Museo Diocesano, tra i più antichi della città, nel complesso di Sant’Eustorgio. Aperto da colazione fino all’ora dell’aperitivo (fino alle 22), il ristoro – aperto anche ai visitatori esterni –  offre piatti semplici, per una pausa all’aperto per chi visita le collezioni e le esposizioni temporanee del museo. Tra un risotto al salto con asparagi e crescenza, un vitello tonnato e un club sandwich. Per colazione e merenda selezione di dolci da forno e panini.

Corso di Porta Ticinese, 95 – 340 8414436 – https://chiostrisanteustorgio.it/bistrot/

il giardino di Alfresco a Milano

Alfresco

Nell’elegante distretto del design di Tortona, il giardino di Alfresco è un ritrovo rodato dell’estate meneghina. Aperto a pranzo e cena, il ristorante propone un menu prevalentemente dedicato al mare, con qualche proposta di terra per chi non vuole rinunciare alla carne. A pranzo la carta è più agile, tra vitello tonnato e moscardini in guazzetto con pane alla brace e basilico fritto.

Via Savona, 50 – 02 49533630 – www.alfrescomilano.it

Terrazza Triennale, Milano

Terrazza Triennale Osteria con Vista

Sulla terrazza della Triennale di Milano, al limitare del Parco Sempione, l’Osteria con Vista propone l’idea di cucina di Stefano Cerveni, che supervisiona il menu proposto a pranzo e cena (alla guida della brigata c’è Salvatore Demuro). Sempre in carta i classici dell’osteria – cotoletta di vitello alla maniera dello chef e linguine cacio e pepe con tartare di gambero rosso di Mazara del Vallo – la proposta si dedica alla valorizzazione di ottimi ingredienti stagionali ed eccellenze dell’agroalimentare italiano, presentando anche classici della tradizione regionale come le tagliatelle al ragù (napoletano) e il risotto alla milanese con la gremolada.

Viale Alemagna, 6 – 02 36644340 – www.osteriaconvista.it

il giardino di Particolare a Milano

Particolare Milano

Nella sua corte interna, Particolare gode di un giardino molto piacevole. La cucina di Andrea Cutillo è divertente e inclusiva, con proposte sfiziose (anche per l’aperitivo) come i ravioli croccanti di ossobuco e piselli o il cheeseburger al coltello con cipolla agrodolce. Aperto a pranzo e cena, Particolare è anche enoteca, con i consigli del maitre Luca Beretta.

Via Tiraboschi. 5 – 02 47755016 – www.particolaremilano.com

Il giardino di Al Cortile a Milano

Al Cortile

Il cortile giardino su cui affacciano le case di ringhiera di questo angolo vecchia Milano nei pressi di Porta Ticinese è il cuore del progetto di formazione e ristorazione che fa capo alla Food Genius Academy. Si mangia all’aperto, circondati da ballatoi tradizionali, assaggiando una cucina che valorizza il prodotto e recupera ricette del territorio, ma con la libertà di guardare oltre, per “creare una nuova memoria”. Così il menu spazia tra ricordi e suggestioni di viaggio, con un branzino fritto servito all’orientale con salsa agrodolce accanto ai più classici agnolotti ripieni di zucca e robiola, con fonduta di parmigiano, o al cocktail di gamberi anni Ottanta ripensato in chiave creativa. Il pane arriva da Crosta e Panificio Longoni. Una doppia garanzia.

Via Giovenale, 7 – 3889990537 – aperti dalle 19 alle 24  – www.alcortile.com

Il cortile giardino di Distreat

Distreat

Dalla prima colazione all’after dinner, Distreat accoglie gli ospiti con una proposta che cambia nel corso della giornata. Per l’estate, lo spazio all’aperto del locale si amplia, con tavoli allestiti sotto il pergolato e in tutta l’area all’aperto nel cortile-giardino condiviso con l’agenzia Altavia, dove un grande albero di fico conquista la scena. La proposta di cucina è divertente, giovane e fresca, e affiancata da una valida carta dei drink, con cocktail per l’aperitivo e il dopocena.

Via Imperia, 3 – 339 677 8204 – www.distreat.it 

 

la veranda di Erba Brusca a Milano

Erba Brusca

Luogo d’elezione del chilometro zero, la cucina con orto lungo il Naviglio Pavese di Alice Delcourt e Danilo Ingannamorte è anche il posto ideale per trascorrere qualche ora circondati dal verde all’insegna del buon gusto. Quello che arriva nei piatti è coerente con la filosofia del luogo, con un focus sulla cucina vegetale, che non esclude però concessioni al mondo animale. Da bere etichette non scontate, che valorizzano il mondo della viticoltura artigianale.

Alzaia Naviglio Pavese, 286 – 0287380711- www.erbabrusca.it

Tavoli lungo la Martesana da Tipografia Alimentare

Tipografia Alimentare

I ragazzi di TipA hanno conquistato un bello spazio all’aperto lungo il canale della Martesana e sono dunque tornati a servire pranzo e cena (ma si apre già per colazione) ai tanti clienti affezionati in cerca di una cucina genuina, fatta di ingredienti di qualità e idee sempre fresche che ruotano di continuo in lavagna. Un laboratorio sempre in moto, che quest’estate si gode anche all’aperto.

Via Dolomiti, 1 – 0283537868 – www.tipografiaalimentare.it