La cucina, la famiglia, il cinema e i film. È un Federico Fellini raccontato attraverso le sue preferenze e le abitudini a tavola quello tratteggiato dal volume che porta la firma della sorella e della nipote del grande regista riminese. A tavola con Fellini: viaggio tra i sapori della tradizione emilano-romagnola e la storia del cinema mondiale.
Pubblicità

Un libro per diffondere al mondo intero la passione di Federico Fellini per la cucina tradizionale”. Questo il motivo che ha spinto Francesca Fabbri Fellini, unica erede per dna del grande Maestro del cinema italiano, a pubblicare A tavola con Fellini, libro di ricette da Oscar della Sorella Maddalena. La cucina, in particolare quella emilano-romagnola era infatti per Federico Fellini un amore così grande da andare di pari passo con quello cinematografico.
In famiglia Fellini la sacralità del cibo è stata un vero e proprio motore familiare, elemento in grado di aumentare esponenzialmente l’amore per i propri cari e soprattutto per la propria terra”. Solamente esaminando attentamente le parole di Francesca è possibile percepire l’impatto che il mondo della gastronomia ha avuto all’interno della vita di Federicone, così chiamato dai suoi cari, e di conseguenza dei suoi capolavori: dal cibo come elemento consolatorio in Amarcord al senso del proibito che l’atto del mangiare può nascondere in film come 8 e ½ e in Boccaccio ‘70. Non è un caso, inoltre, che le prime venti pagine del libro raffigurino esclusivamente fotografie, momenti di vita vissuta del grande regista all’interno dei quali emerge sempre la presenza della buona cucina. Ma pure se il libro parte dal grande regista premio Oscar, è la cucina la vera protagonista del volume, con una serie di ricette, le stesse amate da Fellini, spiegate in modo puntuale: maltagliati con fagioli, brodetto di pesce, piccione arrosto, polpettine di bollito con uvetta ma anche tagliatelle, cannelloni e cappelletti in brodo, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di lambrusco. Questi i piatti che il maestro prediligeva e che la sorella Maddalena ha preparato per lui durante tutti gli anni della sua vita. “Una ricetta in particolare però entusiasmava particolarmente zio Federico” afferma la nipote Francesca “è una ricetta fresca, gustosa ma che soprattutto esalta la semplicità della cucina italiana: le alicette agli agrumi”. E così di ricetta in ricetta, di sapore in sapore, si ricostruisce il profilo del regista e dell’appassionato di cucina.
A tavola con Fellini rappresenta non solo una grande occasione per rivivere le emozioni che hanno accompagnato la vita del maestro, ma attraverso questa lettura possiamo imparare ad amare di più la nostra terra, le nostre tradizioni, le nostre origini. Possiamo mettere in collegamento i diversi àmbiti della nostra storia, quella privata e quella pubblica, quella che parte dalle cucine delle nostre case e si snoda fino ad arrivare dall’altra parte dell’Oceano.

A tavola con Fellini, libro di ricette da Oscar della Sorella Maddalena | Maria Maddalena Fellini | Rare Earth Publishing House| pagg. 160

a cura di Giuseppe Buonocore