PizzaFestival: parla Enrico Lombardi della pizzeria Lombardi

28 Mag 2014, 08:30 | a cura di Giuseppe Buonocore
Vi presentiamo oggi Enrico Lombardi della pizzeria Lombardi. È lui il sesto artigiano che vi presentiamo in occasione del PizzaFestival che dal 27 al 30 maggio celebra in tutto il mondo i trenta anni dell'Associazione Verace Pizza Napoletana.
Pubblicità

Continua la manifestazione dedicata alla vera pizza napoletana, e siamo ormai entrati in pieno clima PizzaFestival. Che celebra, in locali di tutto il mondo, i trenta anni dell'Associazione Verace Pizza Napoletana e il suo ruolo fondamentale nella promozione e nella tutela di uno dei prodotti simbolo dell'Italia. La pizza napoletana, appunto. Un prodotto che ha radici nel capoluogo campano ma che da lì è stata esportata nei cinque continenti. Il cuore del festival però è a Napoli, e non potrebbe essere altrimenti: è da qui che nasce questo prodotto fatto di sapienza e materie prime semplicissime e genuine. Partner della manifestazione la Città del gusto di Napoli, sede del corso Professione Pizzaiolo e set di Margherita e le sue Sorelle, il programma di Gambero Rosso Channel (in onda dal lunedì al venerdì ore 17.30 e 23.00) in cui lo chef Andrea Golino incontra ogni puntata un diverso pizzaiolo per far conoscere le molte anime di questo prodotto. Un obiettivo che coincide con quello del PizzaFestival, ormai entrato nel vivo, dopo il convegno di presentazione Ricomincio da 30tenutosi lunedì 26 maggio a Napoli, nella suggestiva Piazza Dante, che ha visto tra le altre cose premiare Gaetano Esposito per i suoi 60 anni di attività e la pizzeria di Enzo Coccia, La Notizia;come Best Pizzeria AVPN 2014. Continua anche oggi, come promesso, il nostro appuntamento con i migliori protagonisti del mondo della pizza napoletana. Oggi è il turno di Enrico Lombardi della pizzeria Lombardi.

Caro Enrico Lombardi, fare la vera pizza napoletana non è un mestiere è un’arte! A che età ha iniziato a muovere i primi passi, o meglio ad avere le mani in pasta?
Praticamente da bambino. Avendo una storia alle spalle come quella della mia famiglia sarebbe stato difficile non percorrere la stessa strada. Fin da piccolo, subito dopo la scuola, correvo in pizzeria per osservare mio nonno Enrico che, con il suo modo di essere dolce e rude allo stesso tempo, mi ha introdotto all’arte della Vera Pizza Napoletana.

Lenta lievitazione, ingredienti di prima qualità e giusta temperatura di cottura; principi semplici ma in grado di nascondere un coefficiente di difficoltà elevatissimo. Qual è il segreto per preparare una buona pizza napoletana?
La passione! So che può sembrar banale ma è la più grande verità. Se non c’è passione non c’è attenzione, non c’è la giusta sensibilità per gli impasti, nelle sue diverse fasi. Per fare una buona pizza bisogna innanzitutto studiare e poi avere la capacità di perdersi letteralmente nel proprio lavoro senza far attenzione all’orologio…

Pubblicità

L'Associazione Verace Pizza Napoletana compie trent'anni; cosa significa far parte di un'associazione che da ormai tre decenni promuove, tutela e diffonde la vera pizza napoletana in tutto il mondo?
Per noi rappresenta innanzitutto una grossa conquista. La nostra famiglia è tra le 16 fondatrici dell’Associazione Vera Pizza Napoletana, per questo motivo le conquiste ottenute in questi trent’anni ci rendono ancora più orgogliosi e consapevoli di far parte di un grande progetto.

Sappiamo che in occasione di PizzaFestival sarà possibile degustare inedite pizze e rivisitazioni speciali. Quali saranno le sue proposte?
Da un po’ di tempo a questa parte abbiamo intrapreso la strada della riscoperta identitaria; attraverso il nostro lavoro vogliamo dare il nostro contributo affinché si diffonda dentro e fuori dall'Italia la storia della città di Napoli della vera pizza napoletana. Non si tratta solamente di puro orgoglio partenopeo ma di dare la giusta importanza a un prodotto che ci invidia tutto il mondo. Proprio per questo motivo in occasione di PizzaFestival abbiamo organizzato due serate speciali: la prima, il 28 maggio, dal titolo “Illuminismo Partenopeo”, è dedicata ai grandi pensatori napoletani del ‘700 e propone un menu inedito tra cui spicca la pizza Luce di Partenope, fatta con polpa di riccio, fior di latte, cozze e ciuffetti di ricotta di bufala. Durante il secondo appuntamento, il 29 maggio, sarà possibile assaggiare inedite rivisitazioni come la pizza Terra Unita, in abbinamento con Franciacorta Satèn 2009; il tema della serata la serata, organizzata in collaborazione con le cantine Contadi Castaldi, è “Potere della Diversità”.

Pizzeria Lombardi | Napoli | via Foria, 12 | tel. 081.456220 | http://www.pizzerialombardi.it/
PizzaFestival: http://pizzafestival.pizzanapoletana.org

a cura di Giuseppe Buonocore

Pubblicità

Per leggere la prima intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Giovanni Improta della Pizzeria Al 22 cliccaqui
Per leggere la seconda intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Lello Surace della Pizzeria Mattozzi cliccaqui
Per leggere la terza intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Guglielmo Vuolo di Eccellenze Campane cliccaqui
Per leggere la quarta intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Gennaro Battiloro di Princi di Milano clicca qui
Per leggere la quinta intervista di Aspettando il PizzaFestival: Parla Salvatore Santucci di Totò Sapori clicca qui

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X