Piccolo itinerario dannunziano sulle tracce dei luoghi del cuore del Vate. Milano Venezia, Napoli, Verona: tanti indirizzi che tracciano una geografia del gusto in cui gli aneddoti si mescolano alla storia.
Pubblicità

Sembra esserci unfil rouge che lega i locali storici del nostro paese a Gabriele D’Annunzio. Lui, il Vate, ha attraversato la storia e l’Italia intera marchiandole con la sua presenza, le gesta e gli scritti. Esteta, seduttore, appassionato amante delle donne e del bon vivre, mondano, decadente, raffinato, inquieto. E via discorrendo. Una vita di eccessi che ha lasciato segni su e giù per la Penisola, orgogliosamente conservate da chi è stato illuminato dalla sua visita, anche solo per un’ora o una notte. Caffè, ristoranti, hotel, dove il Comandante (già, D’Annunzio amava farsi chiamare anche così, per via delle sue imprese militari), ha sostato, cenato e pernottato – quasi sempre in dolce compagnia – e che hanno mantenuto una speciale atmosfera. Oggi tappe imprescindibili per seguire le tracce del Vate tra letteratura, politica e vita mondana.
Le cronache ce lo restituiscono come un personaggio poco incline alle grandi abbuffate. Nell’ultimo periodo, quello del ritiro al Vittoriale, seguiva spesso un regime dietetico piuttosto rigido, e si ritiene fosse astemio, pur con qualche eccezione. Secondo gli appunti del suo segretario, D’Annunzio si premuniva di mangiare qualcosa a casa prima di presenziare ai numerosi vernissage cui era invitato, per potersi concentrare sulle pubbliche relazioni e, soprattutto, sulle dame presenti. Capitavano anche pranzi luculliani, a quanto testimonia la ricevuta di un ristorante proveniente dagli archivi di Barbara Leoni, che fu amante e ispiratrice di Gabriele D’Annunzio dal 1887 al 1892. Lire 5,70 era il conto dellatrattoriadiPietro De Sanctis a Nemi, vicino a Roma, dove i due amanti si recarono il 28 aprile 1890. Pranzarono con pane, vino, maccheroni, salame, cotolette con contorno, fritto di pesce, finocchi e caffè. “…Essendo Barbarella lunatica e il tempo anche…” Come annotò il poeta a margine del foglietto. E il resto chissà…
Era una presenza fissa dei locali più alla moda, spesso insieme alle sue amanti, prima tra tutte la Duse: alla Grapperia Nardini di Bassano del Grappa (Tv) aveva il“solito tavolo accanto al camino”,ma anche al Caffè Centrale di Asolo, locale datato 1796, frequentato anche da Henry James ed Ernest Hemingway, era assiduo con la Divina.
Il commendator Fantoni, della liquoreria e pasticceria omonima, gli dedicava il liquore Acqua di Fiume, in memoria della sua impresa del 1919 e mentre allo splendido Grand Hotel Gardone, di Gardone Riviera, Churchill si concentrava sugli acquerelli, D’Annunzio usciva furtivo da un passaggio segreto, dopo gli incontri intimi con le sue dame.Allo ristorante Arche di Verona, accanto alla casa di Giulietta, declamava le sue poesie, ma solo dopo aver gustato la cucina della famiglia Gioco e bevuto Valpolicella, e al Caffè Pasticceria Balzola, fornitore della Real Casa, si concedeva con la Duse una sosta dessert, con i deliziosi Baci di Alassio.
Scendiamo verso sud: al prezioso Caffè Gambrinus di Napoli D’Annunzio componeva la poesia A Vucchella, forse ispirato dalla galleria di opere dei pittori dell’Ottocento napoletano, mentre da Ciro a Santa Brigida, indirizzo culto della pizza e della cucina napoletana, si recava insieme a Marconi, Toscanini e Pirandello. Il Ristorante Corona, di S. Sebastiano Corone (Al), vanta tra i suoi frequentatori anche il Cadorna, l’editore Ricordi e il ciclista Fausto Coppi, oltre a D’Annunzio che, arrivato a Venezia, cercava ospitalità all’Hotel Danieli, sfolgorante palazzo dei Dogi Dandolo,che ancora oggi mantiene intattal’alcova di D’Annunzio e della Duse, poco distante dalla camera di Thomas Mann, mentre ai tavolini del Caffè Lavena, in piazza San Marco, sedeva insieme a Wagner e a Rubinstein.
Ma la lista non finisce qui: ci sono ancora altri indirizzi da segnare nel nostro itinerario dannunziano: l’Hotel Des Iles Borromees di Stresa (VB), culla del cocktail Martini per l’Hemingway di Addio alle armi, e l’Hotel De Milan, di Milano, che ha voluto rendere omaggio al poeta dedicandogli una suite, i saloni del Principe di Savoia, che accoglievano la Callas insieme a Onassis, Chaplin e D’Annunzio. L’Helvetia e Bristol a Firenze, non dimentica le visite e gli spuntini consumati nel lussureggiante giardino dai suoi prestigiosi clienti, D’Annunzio, de Chirico, Pirandello, Fermi; il Royal Victoria su Lungarno di Pisa, ieri una semplice locanda (ma datata 1428), oggi lussuoso hotel, ha ospitato centinaia di ospiti tra cui il Principe del Giappone, il Presidente Roosevelt e, ovviamente, Gabriele D’Annunzio. Era un’epoca incredibile, quella.

Caffè centrale Asolo | Asolo (TV)| via Roma, 72| tel. 0423.952141 | www.caffecentrale.com
Grapperia Nardini | Bassano del Grappa (VI) | ponte Vecchio, 2 | tel. 0424.227741| www.nardini.it
Caffè Pasticceria Fantoni | Villafranca di Verona (VR) | corso Vittorio Emanuele II, 161 | tel. 340.5598305
Grand Hotel Gardone Riviera | Gardone Riviera (BS) | corso Zanardelli, 84|0365 20261| www.grandhotelgardone.it/
Ristorante Arche | Verona | via Arche Scaligere, 6 | tel. 045.8007415 | www.ristorantearche.com
Caffè pasticceria Balzola | Alassio (SV) | piazza Giacomo Matteotti, 26| tel. 0182.640209| www.balzola1902.com
Gran caffè Gambrinus | Napoli | piazza Trieste e Trento | tel. 081.417582 | http://grancaffegambrinus.com/
Ciro a Santa Brigida | Napoli | via Santa Brigida, 71/73 | tel. 081.5524072 | www.ciroasantabrigida.it/
Ristorante Corona | S. Sebastiano Corone (AL) | Via Vittorio Emanuele, 14| tel. 0131.786203 | www.corona1702.com
Hotel Danieli|Venezia | riva degli Schiavoni | tel. 041.5226480 | www.danielihotelvenice.com
Caffè Lavena |Venezia | piazza San Marco, 133 | tel. 041.5224070 | www.lavena.it
Hotel Des Iles Borromees |Stresa (VB) | c.so Umberto I, 67 | tel. 0323.938938 | www.borromees.it
Grand Hotel de Milan| Milano | Via Alessandro Manzoni, 29 |tel. 02.723141 | www.grandhoteletdemilan.it
Hotel Principe di Savoia | Milano| piazza della Repubblica, 17 | tel. 02.62301 | www.dorchestercollection.com/en/milan/hotel-principe-di-savoia
Hotel Helvetia e Bristol | Firenze | via dei Pescioni, 2 | tel. 055.26651 | www.hotelhelvetiabristolflorence.com
Hotel Royal Victoria | Pisa | lungarno Antonio Pacinotti, 12 |050 94011|www.royalvictoria.it/

a cura di Luca Bonacini

Pubblicità