[caption id="attachment_84475" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2008/04/185373_web.jpeg[/caption]

Il Sole 24 Ore annuncia che l’Antitrust accende i riflettori sul settore del vino. I meccanismi di certificazione dei prodotti Doc e Docg nascondono - a parere dell’Authority guidata da Antonio Catricalà - dei rischi per la concorrenza.

 

L’Autorità - svela il giornale della Confindustria- ha in

Pubblicità

viato in questi giorni una segnalazione inviata ai presidenti del Senato, della Camera, del Consiglio dei Ministri e al ministro dell’Agricoltura, per evidenziare i difetti nella regolamentazione in materia di certificazione delle partite di vino destinate ad ottenere la denominazione di origine controllata e garantita, Doc e Docg.

 

Restrizioni della concorrenza – si legge nel documento – appaiono derivare da alcune caratteristiche dell’attuale regolamentazione. La riserva normativa prevista a favore delle Camere di Commercio nell’individuazione dei laboratori accreditati per le analisi enologiche, ad esempio, crea una notevole barriera all’ingresso sul mercato delle certificazioni Doc e Docg dei prodotti vinicoli”.

Pubblicità