Nella guida 2010 erano “Cento” i migliori locali di Torino, equamente divisi fifty fifty tra ristoranti e piole. Nella guida 2011 di Stefano Cavallito, Alessandro Lamacchia e Luca Iaccarino diventano “I Cento50”, estendendo la top alle pi&

Pubblicità

ugrave; valide 50 mete del mangiarbene in Piemonte.

Una scelta dettata dal grande successo dell’edizione precedente (tre ristampe), dalla tendenza alle gite fuori porta e dal 150° anniversario dell’Unità d’Italia, che guarda caso è nata proprio a Torino, il 17 marzo del 1861. Bel turn over di locali e scelte dinamiche con uscite e new entry, salite e discese nelle preferenze, e con oltre 10 nuove piole, le trattorie dove si spende sotto i 25 euro.

L’uscita della guida è stata festeggiata  nel ristorante simbolo di Torino, dell’Unità d’Italia e del Risorgimento: il Cambio in piazza Carignano 2. Tra specchi e velluti cremisi si sono alternati piatti della tradizione e sapori esotici, realizzati da Riccardo Ferrero, chef del Cambio, e Alex Atala, del ristorante D.O.M. di San Paolo, in Brasile.

Pubblicità

I Cento50 di Torino e del Piemonte 2011
Editore Extra Torino
172 pagine
prezzo 9,90

di m.nocilla
3/12/10