[caption id="attachment_86636" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2010/12/262829_web.jpeg[/caption]

E’ stato importantissimo organizzare una tappa della manifestazione itinerante dei Tre Bicchieri del Gambero Rosso proprio ad Hong Kong. Oggi è probabilmente la capitale mondiale del commercio di vino. Le maggiori aste di vini vengono realizzate qui. La detassazione sull'import di vino, unita al reg

Pubblicità

ime fiscale di favore per l’export verso la Cina, fa sì che la grande città sul Pacifico sia diventata di fatto il “golden gate” verso la Repubblica Popolare, una Gambero a Hong Kong sorta di porto franco aperto verso il mondo.

Ed è stato importante che tutto sia andato bene, con
un successo di pubblico insperato, in un posto dove manifestazioni del genere si tengono quasi tutti i giorni. La partecipazione di quasi 600 operatori del settore, fra trade e stampa, ha sancito un piccolo trionfo per i vini italiani di qualità e per le capacità organizzative del Gambero Rosso.

Non erano moltissime le aziende presenti con i loro vini premiati con i Tre Bicchieri del Gambero Rosso venerdì scorso ad Hong Kong. Solo 61 su 403, ma la cosa era dovuta anche al fatto che gli spazi messi a disposizione dall’esclusivo Dinasty Club, nei quali si è svolta la manifestazione, erano tanto belli quanto limitati. Una grande sala con ampie finestre su una delle più belle baie del mondo.

Pubblicità

Diversi i produttori presenti personalmente, da Guido Guardagli di Perticaia ai Barbi di Decugnano dei Barbi; da Angela Velenosi ad Anna Abbona; dalla giovane Mascheroni del Castello di Volpaia a Marina Cvetic Masciarelli, solo per citare i primi che vengono in mente.

di Daniele Cernilli
13/12/2010