[caption id="attachment_85800" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/07/227041_web.jpeg[/caption]

Si parte. Il giovane chef lascia per qualche tempo i fornelli e vola alla volta di Lime Island, in Nicaragua, per partecipare al reality più atteso del momento: “L'Isola dei Famosi” (in onda dal 24 febbraio su Raidue).

Può portare con s

Pubblicità

é solo due oggetti personali, i più utili o quelli a cui è più affezionato. Bocciata la bottiglia di rum per un mojito con i fiocchi e il suo coltello preferito per ragioni di “sicurezza”, Simone Rugiati porta tappi e cuscino, almeno per garantirsi un sonno tranquillo.

Viene spontaneo chiedere cosa lo abbia spinto a partire per il Nicaragua, lui non esita e chiarisce: non vuole fare la velina, non parte perché è in cerca di fama o per riparare a un periodo di decadenza professionale, lui da grande vuole fare il cuoco, televisivo sì, ma il cuoco.

«Mi prendo un momento di pausa» racconta lo chef del Gambero Rosso Channel, «e questa mi sembra l’occasione migliore per farlo e per mettermi alla prova».
Ha energia da vendere, lo chef toscano e soprattutto un amore sconfinato per la cucina, alta o di casa che sia.

Pubblicità

E che la sua passione sia quella di cucinare e del cibo più in generale lo si capisce subito dalle sue preoccupazioni circa le “privazioni” che lo aspettano nel reality più “essential” della tv: non gli interessa dormire a terra, non avere acqua calda e biancheria pulita tutti i giorni, non ha paura degli animali che potrebbe incontrare,la sua unica e sentita preoccupazione è il cibo e i soli 50 grammi di riso al giorno. Per questo si sente chiamato in causa e promette che farà del suo meglio per procurarsi pesce, frutta e quanto altro offrirà Lime Island.

«In Nicaragua voglio godermi la natura, pescare, magari scoprire nuovi sapori e soprattutto cucinare, proprio in questi giorni mi sono divertito a pensare a qualche piatto, che ne direste di un barracuda in foglia di banano o di una bella aragosta al latte di cocco?».

Per altre dichiarazioni di Simone vi rimandiamo su > Kelablu

Pubblicità

 

 

Aspettatevi, quindi, nuove tecniche di cottura e nuovi piatti, perché le intenzioni di rendere l’isolotto del Nicaragua un vero e proprio laboratorio “primitivo” di cucina, ci sono tutte.

A noi non resta che augurargli buon viaggio…


I partecipanti della nuova edizione de l’Isola dei Famosi (Simone è seduto, terzo da sx)

  

 

Sara Bonamini
23/02/2010