[caption id="attachment_84718" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/09/232854_web.jpeg[/caption]

Torna anche quest'anno, domenica 11 ottobre, l’ormai consueto appuntamento con la
Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down, organizzata dal CoorDown - Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down Onlus sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblic

Pubblicità

a.

 

Saranno oltre 200 i punti d’incontro in tutta Italia, nelle piazze e in diversi centri commerciali, dove verrà distribuito materiale informativo sulla sindrome di Down e offerta una tavoletta di cioccolato (realizzato con cacao proveniente dal commercio equo e solidale), in cambio di un contributo per sostenere i progetti delle 80 associazioni che fanno capo al CoorDown, tra cui:

Pubblicità

• servizi di consulenza per le famiglie
• servizi di supporto all’integrazione scolastica e all’inserimento lavorativo
• corsi di educazione all’autonomia
• eventi e attività di formazione e informazione per operatori socio-sanitari e scolastici
• avvio di comunità alloggio per adulti

 

Il CoorDown ha scelto il lavoro come tema degli eventi e delle campagne di sensibilizzazione del 2009.

 

Pubblicità

L’obiettivo principale della giornata nazionale è quello di promuovere l’integrazione nel mondo del lavoro delle persone con sindrome di Down.

Ad oggi il numero di persone con sindrome di Down che riesce a trovare una giusta occupazione è molto inferiore alle reali potenzialità.

Da una recente indagine condotta da CoorDown emerge che, su un campione di 1167 persone maggiorenni con sindrome di Down, solo il 10% lavora con un regolare contratto di lavoro. Inoltre, un altro 8% circa del campione si sta affacciando al mondo del lavoro attraverso tirocini formativi, tirocini finalizzati all’assunzione, borse lavoro.

 

Ma per far sì che anche queste esperienze si traducano in concrete opportunità di lavoro occorrono interventi tecnici e politici utili ad attivare una rete di servizi nei territori che possa coordinare l’intero processo.

 

Una rete di orientamento e formazione per creare reali opportunità di lavoro.

Ma è anche un invito alle aziende del settore pubblico e privato, affinché possano vedere nelle persone con sindrome di Down una risorsa in ambito lavorativo.

 

Lo slogan della Giornata Nazionale +1 vale uno vuol significare che è un cromosoma in più a determinare la caratteristica genetica delle persone con sindrome di Down e che +1 vale uno è un invito al rispetto e alla conoscenza della diversità, per scoprire e riconoscere il valore di ognuno in quanto persona.

 

Le persone con sindrome di Down sono in grado di avere una propria identità e degli affetti, di praticare lo sport anche in forma agonistica, di portare avanti con soddisfazione lo studio e il lavoro. Meritano di essere messe alla prova e di avere le stesse opportunità di chiunque altro.

 

La Giornata Nazionale vuole sensibilizzare l’opinione pubblica per creare una nuova cultura che superi i pregiudizi e luoghi comuni che ancora accompagnano le persone con sindrome di Down.

 

Per avere maggiori informazioni sulla Giornata Nazionale del 11 ottobre, sulla sindrome di Down, per conoscere il calendario degli appuntamenti organizzati in tutte le città, per sapere quali sono le associazioni che partecipano, si rimanda su www.coordinamentodown.it

 

 

 

29/09/2009

{slide=Video – Uno spot per l’integrazione}{bo_videojs width=[590] height=[443] autoplay=[false] loop=[false] flash=[http://med.gamberorosso.it/media/2009/09/232853.flv] image=[http://med.gamberorosso.it/media/2009/10/233049_web.jpeg]}{/slide}