[caption id="attachment_85724" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2010/02/237029_web.jpeg[/caption]

Produzione (e vendite) decuplicate in tre anni per l'etichetta bio della Val D'Oca, cantina produttrice di uno dei più affermati Prosecco italiani. Così, a fronte di un aumento minimo in Italia della propensione al consumo bio (+0.4% lo scorso anno), le bottiglie del Bioldo (l'etichetta bio Val D'Oca) son passate d

Pubblicità

a 7.000 a 75.493 bottiglie, vendute al 90% in Usa ed Europa.
“Per noi la produzione biologica non è una moda ma una scelta consapevole e una promessa verso i consumatori attenti a uno stile di vita sostenibile – afferma il managment della cantina di Valdobbiadene – Produzione biologica significa non utilizzare composti chimici o pesticidi, controllo sulle fasi di produzione e commercializzazione, prodotti ricavati senza l’impiego di organismi geneticamente modificati”.
Val D’Oca del resto è uno dei pochi produttori vitivinicoli nel Valdobbiadenese che aderisce al protocollo di agricoltura biologica del Dipartimento americano USDA National Organic Production e opera in conformità dei regolamenti europei.
Il Prosecco Bioldo è un vino profumato, di facile bevibilità, poliedrico. Si accompagna facilmente a piatti leggeri o a base di pesce e si serve giovane, tra i 6-8° C.

 

02/02/2010

Pubblicità