Tra gli chef sono innumerevoli gli estimatori del Club sandwich. Funzionale e goloso al tempo stesso, perfetto portavoce del fast nonostante una preparazione slow.

GLI EDITORIALI

– Si riaccendono i fuochi di Laura Mantovano
Slogan ed emergenze/2 di Marco Sabellico


LE BREVI

Mangiare a Hudson Yards. Guida alla nuova destinazione gastronomica di New York
Il piatto che verrà. Anthony Genovese ci presenta Asparagi, cocco e caviale da marzo in carta al ristorante Il Pagliaccio (Roma) a cura di Laura Mantovano
Il cocktail di stagione. Giacomo Giannotti del Paradiso di Barcellona è l’autore del cocktail Prohibition Apple, di cui vi diamo la ricetta a cura di Paola Mencarelli
The Hotel Gazette. Le Massif a Courmayeur, di recente apertura, è un affascinante 5 Stelle del gruppo Italian Hospitality Collection. Per una vacanza all’insegna del comfort
a cura di Clara Barra
Contest #cucinacongamberorosso. Abbiamo lanciato su Instagram questo contest. Ravioli di orata con crema di cavolfiore bianco e uova di salmone è la ricetta che abbiamo scelto tra quelle che hanno ottenuto più like, meritandosi la pubblicazione sul nostro mensile.  Scoprite come partecipare
Nuove aperture. Da Nord a Sud della Penisola tutte le principali novità a cura di Livia Montagnoli

E ancora Design, libri e tanto altro ancora….

 

STORIE

Club sandwich. Ecco perché gli chef non possono farne a meno
Se in Italia il cibo comfort, veloce, democratico per eccellenza rimane la pizza, tra gli chef sono innumerevoli gli estimatori del Club sandwich. Funzionale e goloso al tempo stesso, perfetto portavoce del fast nonostante una preparazione slow: un piatto sincretico che nel mondo dei cuochi mette d’accordo tutti. O quasi
parole di Annalisa Zordan – scatti di Alberto Blasetti

Miracolo Matera. Sassi e antichi piatti contadini sono diventati tendenza
Matera è il ritratto stratificato di un’Italia che dalla civiltà rurale più estrema è riuscita a diventare una delle Capitali della Cultura europea per il 2019. In quelle grotte-case abitate senza interruzione dal paleolitico fino agli anni ’50, oggi si scopre un’umanità incredibile che della bellezza e dei sapori antichi è riuscita a fare una chiave per il futuro
parole di Sonia Gioia – scatti di Pietro Amendolara

Montefalco e le genti del Sagrantino
Vino che rimanda nel nome alla sacralità, scuro, ricco di tannini, chiuso, impenetrabile. Eppure caldo, carezzevole nelle versioni più moderne o nelle interpretazioni dolci, all’antica. Un vino che rispecchia bene anche il carattere della gente che lo produce, che vi è legata, del territorio dove nasce. Un vino che può ancora dare molto. Di più.
parole di Emiliano Gucci

Vinitaly. 6 giornalisti internazionali ci spiegano come lo vede il mondo
Alla sua cinquatreesima edizione, la rassegna principe del vino italiano torna a galvanizzare il pubblico di appassionati, critici e buyer che da tutta Italia e da tutto il mondo si danno appuntamento a Verona. Un appuntamento immancabile e tutto da vivere, sia dentro che fuori dai padiglioni di Veronafiere, dal 7 al 10 aprile. Ecco come lo vivono sei giornalisti stranieri. Con qualche consiglio per godersi al meglio l’appuntamento e la città.
parole di Loredana Sottile e William Pregentelli – disegni di Andrea Chronopoulos

Sull’Himalaya alla ricerca della cucina di montagna più estrema che c’è
In Nepal si va per tanti motivi che ne fanno un’intrigante meta emozionale: lo splendore dell’Himalaya, il fascino di città Patrimonio dell’Umanità, il richiamo dell’avventura in montagna, l’aura mistica dei templi buddisti e induisti. Tra questi motivi, però, non figura mai la cucina. Ed è un errore.
parole di Giorgia Cannarella


LE RICETTE

Takeshi Iway (ristorante Ada e Augusto di Cascina Guzzafame – Milano) ci presenta i piatti: Rapa rossa e mandorle; Tagliatelle al ragù alla Tsukemen; Filetto alla Brace, Panko e Nocciole: Millefoglie di cioccolato con gelato aff umicato al sale
a cura di Paolo Cuccia – scatti di Monica Vinella

Ritratto di chef in tre piatti. Gennaro Esposito (ristorante Torre del Saracino, Vico Equense, NA – Tre Forchette 2019)
La cucina di Gennaro Esposito è in profonda evoluzione. Studia e sperimenta influenze e contaminazioni da fondere con i sapori più autentici della sua Vico Equense per arrivare ad armoniosi contrasti sul filo della contemporaneità e della stagionalità. Ci presenta tre suoi piatti.
a cura di Stefano Polacchi – scatti di Giuseppe Corsini

Osteria Ophis, trattoria di Offida (AP), Due Gamberi nella guida Ristoranti d’Italia 2019 di Gambero Rosso, ci propone la ricetta Coratella con le uova, erbe aromatiche e limone.
a cura di Paolo Cuccia

Le ricette illustrate. Moussaka è il piatto simbolo della cucina greca, diffuso in molte zone dei Balcani. Un’ottima versione è quella proposta dal ristorante Sudest1401 a Venezia.
a cura di Pina Sozio – illustrazione di Valentina Scannapieco (occhiovunque.it)


CLASSIFICHE

11 mieli di tiglio per palati forti
C’è chi lo considera un miele amabile: il suo nome richiama il profumo inebriante dei delicati fi ori che sbocciano a fi ne primavera nei giardini e nei viali delle nostre città. In realtà quello di tiglio è un miele molto caratterizzato, intenso e soprattutto persistente. La hit del balsamico monofl ora sul mercato di nicchia.
a cura di Mara Nocilla – scatti di Fabrizio Perilli

Dolci di Carnevale. 5 indirizzi
Giovedì e martedì grasso (28 febbraio e 5 marzo), come vuole tradizione, è un tripudio di dolci perlopiù fritti. Piccola mappa per frappe, castagnole e ravioli declinati in tutte le versioni regionali.
a cura di Mara Nocilla – hanno collaborato: Giuseppe Carrus, Claudio De Min, Rosalba Graglia, Leila Salimbeni, Marina Savoia, Caterina Vianello

Birra. 8 etichette da non perdere
Lo scorso gennaio, a Firenze, la decima edizione del Birraio dell’Anno, la kermesse che premia il miglior produttore artigianale italiano, ha visto trionfare per la seconda volta, Marco Valeriani di Hammer. Tra gli Emergenti, invece, brilla la stella di Luca Tassinati del birrifi cio umbro Altotevere. Vi raccontiamo alcune delle loro creazioni che ci hanno colpito.
a cura di William Pregentelli

MINIGUIDA

Viareggio. Carnevale in Versilia
Per il 146esimo anno, il 9 febbraio scorso, tre colpi di cannone hanno dato il via al più spettacolare Carnevale d’Europa. Fino al 5 marzo Viareggio è un teatro a cielo aperto: carri allestiti da artigiani-artisti, spettacoli pirotecnici, corsi mascherati, street art e mostre collaterali.
a cura di Valentina Marino

LA GRAPHIC NOVEL

Bee Generation
parole e disegni di Cinzia Leone

 

Potete leggere Il nostro mensile anche su tablet e smartphone in versione digitale (App Store o Play Store) a soli 2,49 euro o in abbonamento annuale. L’abbonamento al mensile cartaceo (39 Euro), include anche la versione digitale.
https://store.gamberorosso.it/it/abbonamenti/