[caption id="attachment_90021" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/04/305501_web.jpeg[/caption]

Cambia, ed è il caso di dire per fortuna, look e cucina e servizio di quello che finora è stato il Red all' Auditorium di Roma. Si chiamerà Osteria della Musica e lo firme

Pubblicità

Federico Valicenti (nella foto), chef patron di Luna Rossa, eroico ristorante di territorio immerso nel Parco del Pollino.

 

 

Pubblicità

 

“Comincio a mettere le mani in pasta e ai fornelli dal 2 maggio – fa il cuoco durante uno dei sopralluoghi preliminari al Parco della Musica – poi a settembre inauguriamo ufficialmente la nuova linea“. Novità? “Ovviamente sto iniziando a portare qui la mia storia ed esperienza. Per cui ci saranno alcuni prodotti lucani, peperoni di Senise e caciocavallo in primis… Ma anche l’olio extravergine della nostra terra”. E il rapporto con Roma e il Lazio? “Sarà profondo e importante – sorride Federico – ho già preso contatti con Coldiretti per avere prodotti locali, a Km0 e anche con Uliveti del Lazio, per avere una bella rassegna di extravergine di alto profilo che parlino del territorio…”.

 

Cambierà anche l’offerta del bar e l’happy hour? “Qualche sera fa ero qui a capire come funzionasse… Beh, è stata un’esperienza abbastanza scioccante. Mi son messo dietro al banco del buffet, è arrivato un ospite col piatto in mano e l’ha riempito di riso, cus cus, legumi, pizzette e pollo… Alla fine del giro ha chiesto se potesse avere un dolce, così gli ho offerto un altro piatto pulito. Ma lui me l’ha fatto impilare in cima a quel piatto ricolmo. Ecco, questo non accadrà più! Faremo un piatto unico con assaggini di prodotti scelti e ben fatti, senza questi mischietti sinceramente inaccettabili”.

Pubblicità

 

A settembre, poi, cambierà anche il design interno del locale… Insomma, all’Auditorium c’era bisogno di un pizzico di pensiero e di cura in più. Auguri a Federico perché riesca nell’impresa.

 

Ma non avete paura di perdere clienti? “Mah, qualcuno se ne andrà, qualcun’altro arriverà. Ma credo che la qualità e la cura paghino!”

Stefano Polacchi
18 /04/2012