[caption id="attachment_88645" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/11/298388_web.jpeg[/caption]

Giuliano Baldessari è andato a tutta birra! Il sous chef del ristorante Le Calandre di Sarmeola di Rubano (PD) si è aggiudicato la prima edizione del Premio Birra Moretti Grand Cru realizzato in collaborazione con Identità Golose e Gambero Rosso.

 

Una vittoria sudata, quella di Giuliano che ha dovuto

Pubblicità

vedersela con tanti bravi colleghi under 35. Ad accomunarli, la passione per la birra e il suo utilizzo in cucina. Classe 1977, Baldessari ha sbaragliato 135 chef e sous chef. Il risultato è arrivato dopo tre fasi impegnative. 

 

La prima, dedicata a un classico della tradizione gastronomica italiana, ha visto l’uso di una delle sei etichette di Birra Moretti. Da qui, la prima “scrematura”. Alla  fase successiva sono passati in 50. Il “gioco” si è fatto serio al secondo giro. I partecipanti sono diventati 10. I prescelti hanno avuto la meglio grazie al tema libero  che ha visto comunque l’impiego di una delle specialità della famiglia Birra Moretti.

Pubblicità

 

Il gran finale ha sfoggiato un parterre de rois mica da poco: in giuria c’erano otto chef pluristellati (Massimo Bottura, Andrea Berton, Cristina Bowerman, Carlo Cracco, Gennaro Esposito, Davide Oldani, Claudio Sadler, Davide Scabin), un sommelier di fama mondiale (Marco Reitano), Alfredo Pratolongo per Birra Moretti e il giornalista Paolo Marchi. Tema libero e tema obbligatorio per i dieci finalisti. 

 

Il secondo cuoco de Le Calandre ha messo sul tavolo le sue carte migliori:  ‘Carpaccio di manzo al ginepro con salsa ai pinoli all’acqua e riduzione di birra’ e un ‘Ghiacciolo di Birra Moretti con cremoso di cioccolato bianco, marroni e caffè’.

Pubblicità

 

Questa la motivazione ufficiale espressa dalla Giuria all’annuncio della vittoria: ‘Ha dimostrato ottima capacità tecnica. Ha saputo dosare la creatività sia nel piatto della tradizione sia nel piatto libero, palesando sicurezza, lucidità e una mano pulita.’

 

Il cuoco trentaquattrenne è tornato in Veneto colmo di gioia e anche con un po’ di soldini: un premio di 10 mila euro a scelta fra: tre viaggi per due persone a Copenhagen, Barcellona e Parigi, una fornitura di attrezzature professionali Sirman per la cucina; una fornitura di arredo tavola da scegliere tra i marchi distribuiti da Caraiba Luxury; una fornitura di prodotti alimentari per l’alta ristorazione. Il brindisi a casa, immaginiamo, l’abbia fatto con un boccale di birra!

 

15/11/2011