Il pimento non è molto diffuso in Europa, ma è alla base del curry e di tante ricette giamaicane. A Genova la Drogheria Torielli lo usa per un blend aromatico chiamato Spezie Genovesi. A loro abbiamo chiesto di presentarcelo, mentre l'Antica Sciamadda, storico locale genovese, ci suggerisce una ricetta semplice e profumata.
Pubblicità

Un pizzico di coriandolo, un po’ di zenzero, chiodi di garofano, cannella e pimento quanto basta. Non è una pozione magica ma la ricetta del blend Spezie Genovesi ideato da Romeo, figlio di Matilde Torielli, nonché titolare della storica Drogheria Torielli. “L’esatta composizione delle spezie rimane però un segreto che mio padre ha tramandato a me e mia sorella”. Antonella Cavanna è infatti una delle eredi di questa suggestiva bottega tra i vicoli di Genova, aperta quasi cento anni fa, dove l’atmosfera è rimasta praticamente intatta: bancone di legno, arredi del primo Novecento e tanti, tantissimi barattoli di vetro. “I miei nonni hanno rilevato la bottega con i soldi della liquidazione nel 1929, proprio nell’anno della grande depressione. Inizialmente vendevano le spezie basilari, come pepe, chiodi di garofano o cannella, poi, in seguito all’arrivo degli extracomunitari, hanno cominciato a tenere anche altre spezie. Oggi ne abbiamo circa trecento, tra spezie e blend”. La Drogheria Torielli, con il tempo, è diventata anche il regno di tè, mieli, infusi, caffè e prodotti cosmetici, senza però rinnegare le sue origini speziate. Il profumo che si respira all’interno ne è la prova.

Venendo alla ricetta di oggi, questa ce la suggerisce Umberto Prestigiacomo dell’Antica Sciamadda, altro storico locale genovese che risale a fine Settecento. “È la più antica friggitoria di Genova, qui potete trovare la farinata o la panissa, ma anche piatti caldi come il minestrone, lo stoccafisso o la trippa. Con il blend Spezie Genovesi prepariamo la nostra torta di bietole”.

Spezie Genovesi
Coriandolo, zenzero, chiodi di garofano, cannella e pimento. Tra queste spezie, forse, il meno conosciuto è il pimento, detto anche pepe giamaicano o pepe garofanato.
Origine Caraibi. Famiglia mirtacee.
Il pimento è una bacca di un albero che cresce allo stato selvatico nelle Antille, in America centrale e nel Sud America. Il maggior produttore è la Giamaica dove viene usato nei piatti locali a base di maiale o per preparare un liquore tipico chiamato Pimento Dram. Nei paesi di produzione vengono utilizzate nella cottura dei cibi anche le foglie, il loro aroma è simile a quello dell’alloro. In Europa l’uso del pimento in cucina è minore anche se si presta bene sia per preparazioni salate che dolci. È poi uno degli ingredienti del curry. Le bacche sono vasodilatatori e aumentano il flusso sanguigno producendo un effetto riscaldante: gli impacchi di pimento sono adatti a curare dolori muscolari e artriti. È inoltre ricco di eugenolo, un olio dalle proprietà digestive, analgesiche e antisettiche, per questo è un ottimo rimedio per le coliche addominali e i gonfiori.

Pubblicità

Torta di bietole di Umberto Prestigiacomo dell’Antica Sciamadda
400 g di bietole
500 g di farina
200 g di parmigiano
Blend Spezie Genovesi
Pasta sfoglia
Cagliata

Tagliare e lavare le bietole, metterle a crudo con la farina, il parmigiano e le spezie miste per poi mischiare. Disporre il tutto su di una pasta sfoglia posta su un tegame, spianare con le mani. Aggiungere uno strato di cagliata e ricoprire con vari strati di pasta sfoglia. Infornare a 180° C per un’ora circa.

Drogheria Torielli | via di San Bernardo, 32 | Genova | tel. 010.2468359

Antica Sciamadda | Genova | via San Giorgio, 14 | tel. 010.2468516

Pubblicità

a cura di Annalisa Zordan

Per leggere Cucinare con le spezie. Tomino ripieno di salmone al sumak de La Santeria clicca qui
Per leggere Cucinare con le spezie. Mini pancakes verdi alla curcuma de L’Indispensario clicca qui