[caption id="attachment_93087" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2013/04/335901_web.jpeg[/caption]

Anche quest'anno è tempo di Vinitaly, ma non di solo vino vive l'uomo, eccoci quindi a suggerirvi un percorso gastronomico, indispensabile per completare giornate enologicamente importanti. L'imbarazzo è tutto nella scelta, basta sapere quel che si vuole. Partiamo da alcune proposte economiche e last minute per la colazione o il pranzo in pieno centro storico di Verona.

Pubblicità

 

La pasticceria Flego, ottima per una dolce pausa o una colazione da campioni con i classici croissant o quelli con crema di pistacchio, oppure optando per i gettonatissimi macarons, per i quali vantano cinque anni di specializzazione, o le ipercaloriche mini porzioni di sacher o millefoglie.

 

Pubblicità
alt 335909_web.jpeg

C’è la possibilità di trovare queste delizie anche nel loro laboratorio, a pochi passi dalla fiera. Se invece siete per la cena a casa di amici potrebbe essere divertente l’idea di presentarsi con una torta a forma di grappolo d’uva o di botte di legno, qui sono specializzati anche nelle torte a tema. Attenzione però, il lunedì è chiuso.

Passata la colazione è il momento di pensare al break di mezzogiorno: potete prendere il vostro pranzo a sacco gourmet nella Gastronomia Stella che da oltre cinquant’anni si trova nell’omonima via Stella, a pochi passi dalla casa di Giulietta, ottimo pretesto per staccare un po’ con il turismo enologico. In questa graziosa gastronomia familiare si può trovare di tutto, dai primi fatti con la pasta Rustichella d’Abruzzo, ai secondi e contorni. Qualche esempio? Gnocchi di patate, pasticcio di carciofi, arrosti o frittura di pesce, dipende dal giorno. Se volete qualcosa di meno impegnativo, niente paura, fanno degli ottimi panini da comporre con una vastissima scelta di formaggi (regionali e francesi) e salumi.

Se dopo una giornata passata ad assaggiare vini avete ancora voglia di un aperitivo suggeriamo l’Osteria Sottoriva. Tra le proposte le polpette con carne di cavallo, di manzo o con bollito e capperi (1 euro l’una) da accompagnare con un calice di Champagne o, per chi volesse spendere meno, dell’ottimo Prosecco. Proprio in occasione del Vinitaly ci sarà un bancone fuori, sotto i portici, con tutta la loro selezione di Champagne. È possibile fermarsi anche per cena, ma qui non si accettano prenotazioni e si condividono i tavoli, un’osteria di nome e di fatto, col rischio di non trovare posto.

Qualora nemmeno a Verona potete rinunciare alla pizza, sarete egregiamente accontentati con le pizze del Du De Cope, a due passi da piazza delle Erbe. L’impasto è ben fatto e lievitato a regola d’arte, sarà perché dietro c’è lo zampino di Giancarlo Perbellini che ne è il proprietario. La qualità è poi confermata dagli ingredienti che vanno a completare la pizza, dalle acciunghe del Cantabrico al lardo di Colonnata passando per gli speciali pomodori confit preparati nel ristorante Perbellini. In alternativa alla pizza ci sono degli ottimi straccetti di cavallo o la tartare di manzo. Se volete fare una pausa  dal vino potete accompagnare il tutto con della birra artigianale, la pizzeria vanta ben 25 etichette in carta. Prezzo medio 25 euro. In zona Verona però c’è un’altra importate referenza per la pizza: I Tigli di Simone Padoan, a San Bonifacio.

Pubblicità

alt
foto www.qbitalia.it

 

Pizza a degustazione, gourmet, grande materia prima, impasto super, creatività e proposte gourmet, vini e birre selezionati, dolci d’autore.

alt

Ma torniamo a Perbellini: vale la pena farsi mezz’oretta di macchina per poter beneficiare della sua cucina matura e al tempo stesso fresca e di un servizio attento ad ogni sfumatura curato dalla moglie Paola.

alt

 

In occasione del Vinitaly al ristorante Perbellini c’è una selezione di vini e aperitivi “special”, solo per citarne qualcuno: aperitivi fatti con il Belle Epoque di Perrier Jouet o con il Giulio Ferrari 2001in formato magnum. In questi giorni anche il menù è stato cambiato dando spazio alle primizie. I consigli dello chef? Ovviamente per i neofiti il menù degustazione (150 euro bevande escluse), ma volendo scegliere alla carta puntate al wafer al sesamo con tartare di branzino, caprino all’erba cipollina e sensazione di liquirizia, o alla pasta e bruscandoli (luppoli selvatici), astice e mozzarella burrata.
Per non allontanarci da questi standard consigliamo di far guidare l’amico astemio, perché tutti gli indirizzi sono fuori Verona, dai 10 ai 20 km di distanza.

alt

Dalla trattoria Alla Coà, nel comune Pescantina, che propone un menù che sintetizza questa stagione un po’ particolare, in un susseguirsi di spugnole per incoraggiare la primavera che tarda a esplodere, e di lumache in tutte le salse per ricordarci di questo inverno così tenace (55 euro vini esclusi). Alla Locanda Lo Scudo a Soave dove la proposta punta su materie prime della zona come la tartare di Sorana della Lessinia o le fettuccine all’anitra, per terminare con il gelato al recioto (55 euro vini esclusi).

alt

Altri indirizzi? Groto de Corgnan a Sant’Ambrogio di Valpolicella che propone un menù diverso per ogni serata del Vinitaly, ecco alcuni piatti, pescando un po’ a caso: petto di faraona con salvia e spugnole, frittatine con bruscansi (altro nome per indicare i luppoli selvatici) e sciopetini (le prime foglie primaverili di erbe selvatiche), carpaccio di manzo locale con Monte Veronese stagionato e prodotto in Lessinia, e raperonzoli. Sempre della Lessinia il vitello da latte cotto su carbonella di legno.

Altra chicca veronese la trattoria Colli Storici a Sommacampagna immersa, come fa intuire il nome del comune, nel verde della campagna e dei vigneti. Aperta per l’occasione anche durante i soliti giorni di chiusura (lunedì e martedì) propone il menù di sempre, in cui pane, pasta fresca, conserve e dolci sono fatti in casa da mamma Ester. Per antipasto c’è una bella scelta di salumi o la polentina con il gorgonzola, tra i secondi carne ai ferri, agnello o pesce di lago. Tutto all’insegna della genuinità.

Avete ancora spazio? Da provare la gelateria Zeno, proprio di fronte alla basilica del Santo Patrono di Verona, San Zeno per l’appunto.

alt

 

Tre i gusti proposti per l’occasione: zabaione fatto con il recioto di Soave, recioto della Valpolicella e marasche, e grappa di Amarone, molto alcolico a detta del proprietario Roberto.

 

 

Vinitaly (7/10 aprile – Verona)

www.vinitaly.com/

 

 

a cura di Annalisa Zordan

05/04/2013

GLI INDIRIZZI

 

 

Du De Cope
Galleria Pellicciai 10, 37121 Verona (VR)
tel. 045 595562
www.pizzeriadudecope.it

Gastronomia Stella
Via Stella 11, 37121 Verona (VR)
tel. 045 8004998
www.gastronomiastella.it

Gelateria Zeno
Piazza San Zeno, 12/A, 37100 (VR)
tel. 338 671 6878
www.zenoverona.it

Groto de Corgnan
Via Corgnan 41, 37015 Sant’ambrogio di Valpolicella (VR)
tel. 045 773 1372
www.grotodecorgnan.it

I Tigli
via Camporosolo 11, 37047 San Bonifacio (VR)
Tel 045.6102606
www.pizzeriaitigli.it

Locanda Lo Scudo
via Borgo Covergnino 9, 37038 Soave (VR)
tel. 045 768 0766
www.loscudo.vr.it

Osteria Sottoriva
Via Sottoriva 9, 37121 Verona (VR)
tel. 045 8014323

Pasticceria Flego
via Stella, 13/A, 37121 Verona (VR)
tel. 045 8032471
Laboratorio
via Flavio Gioia 13, 37135 Verona (VR)
tel. 045 8213898
www.pasticceriaflego.it

Ristorante Perbellini
Via Muselle 130, 37050 Isola Rizza (VR)
tel. 045.7135352
www.perbellini.com/ristorante

Trattoria Alla Coà
via Ospedaletto 57, 37026 Pescantina (VR)
tel. 045 6767 402
www.trattoriaallacoa.it

Trattoria Colli Storici
Via Ossario 2, 37066 Sommacampagna (VR)
tel. 045 516014