Esce una nuova guida alle Terrazze Gourmet con 6 nuovi ristoranti panoramici da scoprire a Roma

27 Mag 2015, 11:30 | a cura di Gambero Rosso
In cerca di un luogo all'aria aperta dove mangiare gustandosi la vista di un bel panorama? La Pecora Nera presenta la guida Terrazze Gourmet.
Pubblicità

La guida

Il roof garden dell'Eden, Le Jardin de Russie, l'ultimo piano dell'Hotel Splendide Royal sono solo alcune delle terrazze più blasonate di Roma. Ma la Capitale è ricca di luoghi all'aperto, dehors, cortili, chiostri, bistrot con spazi in cui mangiare godendo di panorami mozzafiato, del ponentino che rinfresca le serate estive o di angoli intimi, in cui lasciarsi dietro le spalle la città e il suo traffico. Perché Roma è una continua rivelazione che si schiude agli occhi di chi sa cercare dietro l'ovvio e il già visto, e non di radoal sopra di esso. Alcuni di questi luoghi sono stati scelti e raccontati dalla guida Terrazze Gourmet edita da La Pecora Nera.
Otto le categorie in cui è stata suddivisa questa nuova edizione: gourmet, cultura, design, glamour, relax, panorama, en plein air, business, ognuna identificata da un colore differente, per agevolare la scelta a seconda dei gusti, dei momenti e delle preferenze di ognuno. Si aggiunge un ricettario di cocktail analcolici con prodotti a km0, realizzato dall’Azienda Romana Mercati.

Le schede

A selezionare, visitare e descrivere le terrazze, nello stile e nell'ambiente, è stato Nicolas Schilder, francese ma romano d'adozione. A sostenerlo, per la parte più specificatamente relativa all'offerta gastronomica, il team de La Pecora Nera, lo stesso di Roma nel Piatto ed altre guide di settore. Ogni indirizzo è completo di informazioni sulla struttura e la sua atmosfera, corredato da una scheda dettagliata, dai mezzi pubblici agli orari di apertura, dalla connessione wifi ai luoghi di interesse (gastronomici e non) nelle vicinanze, perché nell'anno dell'Expo anche a Roma si prevede un consistente aumento di turisti ai quali la guida promette “una fruizione dell’incomparabile patrimonio artistico dell’Urbe dall’alto delle sue terrazze” dicono dalla casa editrice La Pecora Nera, che per questa edizione ha scelto un formato quadrato con foto a tutta pagina, traduzioni in inglese e edizione anche digitale.

Gli eventi

Insieme a questa edizione della guida, una serie di appuntamenti permetteranno di godere della bellezza di alcuni dei luoghi recensiti, ogni giovedì, dall'11 giugno al 9 luglio, con 5 serate con aperitivi e musica coordinate da Tiziana Mazzi. Le strutture che hanno dato la loro adesione al momento sono: Albergo Cesari, Hotel Capo d’Africa, Hotel Savoy, La Griffe Hotel MGallery Collection,Lanificio Cucina, Radisson BLU es. Hotel e Residenza di Ripetta. Ma si attendono altre adesioni.

Pubblicità

I nuovi indirizzi

Ma quali sono le novità di questa edizione? 5 nuovi indirizzi, più 1. Quell'uno è presto spiegato: è il Bernini Bristol, terrazza storica nel centro di Roma, rinnovata però da una nuova proposta gastronomica con l'arrivo di Andrea Fusco e del suo GiudaBallerino!, che ha abbandonato, per il suo gourmet, il quartiere Tuscolano approdando pochi mesi fa in pieno centro.
Ancora in centro, ma a via Giulia, il D.O.M. si avvia alla sua seconda stagione. L'acronimo, ricorda la guida, sta per Deo Optimo Maximo, un’antica frase latina che vuol dire "A Dio, il più buono, il più grande" che si trova in molti edifici. La terrazza all’ultimo piano offre una vista incantevole e inconsueta. L'offerta culinaria, firmata da Max Mariola, si declina in piccoli assaggi, da comporre liberamente. Merita un passaggio il cocktail bar, con drink originali e sfizi golosi.
Ci si sposta un po' andando verso il quartiere Parioli e una delle sue terrazze più famose, quella del Grand Hotel Ritz. Da qui si gode della vista di quell'ampio polmone verde che è Villa Glori. Al ristorante Le Roof, opera Gaetano Costa, ma l'albergo ha anche una piacevole loggia semicoperta in cui fermarsi per un cocktail accompagnato da tapas.
Versatile anche la proposta del The Corner, nell'angolo tra viale Aventino e via di San Saba. Boutique hotel, ristorante, cocktail bar, bistrot, secret bar situato nel bel villino liberty recuperato per questo progetto, ha un delizioso giardino posteriore, tutto da scoprire, e un'altrettanto piacevole terrazza che pur non essendo su alte cime, permette comunque di spaziare con lo sguardo senza incontrare edifici di fronte. La cucina è firmata da Fabio Baldassarre.
Spostandosi verso la parte est della città incontriamo due locali informali. Il primo, a San Lorenzo, l’Apartment Bar, è una miscellanea di arredi con suggestioni varie, qualche tocco di etnico, qualcosa di vintage, mix & match con spunti originali, ma è al piano superiore, nella terrazzetta verdeggiante, il suo punto di forza.Per arrivare al Paradise Garden basta salire una scala a chiocciola. Richiestissimo da chi non rinuncia a un posto in prima fila, tra un cocktail e un dj set.
Ultima tappa, ancora più a est, è quella al Pigneto. Spirito è il secret bar in perfetto stile speakeasy che si nasconde alle spalle della panineria Premiata, dietro la porta di una cella frigorifera. Stile retrò, con pianoforte, tavolo da gioco-bancone, poltrone e divani di pelle rossa, e poi una scala che porta allo spazio al piano superiore: una terrazza incastrata tra i bassi palazzi di quest'angolo di Roma. Pezzo forte del locale, naturalmente, i cocktail.

Terrazze Gourmet | Ed. La Pecora Nera | Nicolas Schilder | 250 pagine | 17,90 euro

presentazione 27 maggio 2015 ore 18,30 | Roma | Terrazza dell'Associazione Civita | Piazza Venezia 11 

 

Pubblicità
cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X