Dopo la guida di Milano, tocca a Napoli. Dieci grandi nomi del settore suggeriscono i loro tre posti preferiti a Napoli e dintorni. Mangiare a Napoli non sarà più un problema.

Pubblicità

Giuseppe Di Martino – Pasta Di Martino

Prima di cominciare la classifica stilata da chef, pizzaioli e pasticceri, abbiamo voluto chiedere i locali preferiti a uno dei grandi nomi della pasta, intesa come imprenditoria attaccata alle tradizioni, ma allo stesso tempo di respiro internazionale, moderna e diversificata. Lui è Giuseppe Di Martino e le sue preferenze sono: Don Alfonso 1890, Antica Osteria Nonna Rosa Bikini. Il primo, scelto anche da noi in questa guida, è il paradiso creato in anni di lavoro appassionato, a Sant’Agata sui Due Golfi, da Livia e Alfonso Iaccarino, coppia di ferro oggi completata dalla professionalità di Mario ed Ernesto. Tant’è che il nome ormai gira il mondo, nei luoghi del turismo come Marrakech, Macao, Dubai e (new entry) Helena Bay in Nuova Zelanda. L’Antica Osteria Nonna Rosa si trova invece a Vico Equense. Qui lo chef Peppe Guida propone la cucina della sua terra, curando in maniera maniacale ogni ingrediente. E sempre a Vico si trova il regno di Giorgio Scarselli, uno stabilimento balneare che è anche ottimo ristorante. La cucina? Soprattutto di pesce, ovviamente.

Vesuvio di pasta - Don Alfonso 1890

Enzo Coccia – La notizia

Anche Enzo Coccia sceglie il Don Alfonso 1890. Con le dovute premesse. “Senza troppi preamboli: preferisco andare nei locali che conosco, così si crea una naturale sinergia tra me e chi lavora. Ecco perché vado volentieri dagli Iaccarino. Qui consiglio di provare il Vesuvio di pasta”. Segue lo stesso criterio, conoscenza e complicità, per gli altri due indirizzi: “Con la mia famiglia mi piace andare all’Abraxas Osteria di Nando Salemma, un caro amico. Che propone piatti popolari di altissima qualità a prezzi più che onesti (con trenta euro, vini esclusi, te la cavi). Da provare la zuppa di fagioli, anche il coniglio merita”. Tema pizza? “Se devo rimanere dentro Napoli allora scelgo Da Attilio”, nella vivacissima Pignasecca. Locale che, nel tempo (l’attività ha quasi ottant’anni), è diventato un riferimento per gli amanti delle pizze da mangiare a libretto e delle tonde al piatto.

Alfonso Iaccarino – Don Alfonso 1890

Lui è un grande della ristorazione partenopea, nazionale e internazionale. E ha le idee chiare: “Per il pesce la Terrazza Calabritto, per la carne Meatin’ e per una cucina tipica Veritas”. La Terrazza si trova in centro di Napoli, a due passi dal lungomare di via Caracciolo e dalla villa Comunale, e la materia prima di qualità è solo il suo punto di partenza. “Cuoco e Carbone”, è invece il sottotitolo del secondo locale consigliato. Qui i protagonisti sono due: da una parte le braci, dall’altra la cucina, da cui escono piatti territoriali preparati sotto la consulenza dello chef Peppe Guida. Non si può certo dire che sia una semplice braceria, anche perché la materia prima è selezionata da uno dei macellai campani più stimati, Mario Carrabs di Gesualdo. Il terzo indirizzo, invece, lo abbiamo selezionato anche noi, sì perché lo chef Gianluca D’Agostino ha la capacità di muoversi fra i sapori intensi della tradizione campana in punta di piedi, con grande eleganza.

Pubblicità
Gianluca D’Agostino – Veritas

Gianluca D’Agostino – Veritas

Vado volentieri da Ba-bar, dove l’ambiente è molto informale ma la qualità della proposta è ottima. Qui consiglio di provare il baccalà in tempura”. Effettivamente il locale è un misto tra una casa, un bistrò e un circolo culturale. Lo chef consiglia poi i Caseari Cautero, una fornitissima gastronomia dove comprare prodotti selezionati e fermarsi per un ottimo aperitivo, e Da Nonna Anna nel mercatino della Torretta “perché è vicino a casa ed è il luogo perfetto per i nostalgici dei pranzi della nonna (è aperto solo a pranzo). Con una cucina familiare e casalinga, che propone una lista di dieci primi e altrettanti secondi”. Qui le porzioni sono abbondanti, i sapori quelli della memoria. Aspettatevi insomma un comfort food in stile partenopeo.

Gino Sorbillo – Pizzeria Sorbillo

È uno degli ambasciatori della pizza napoletana nel mondo, e sceglie La Stanza del Gusto “perché è un luogo magico dove Mario Avallone, un grande creativo, rispetta le materie prime e fa una costante ricerca. Consiglio di provare O’ Roje”. Ovvero dei bucatini con pecorino stagionato e pomodoro cucinato senza condimento. Per il secondo indirizzo va dritto dritto a Vico Equense, a La Torre del Saracino. “Gennaro Esposito è un vanto della Campania, sia dal punto di vista professionale che umano. Se ci capitate dovete provare la famosa Minestra di pasta mista con crostacei e piccoli pesci di scoglio”. Il terzo indirizzo spiazza: è l’Antica Pizza Fritta Da Zia Esterina, il suo locale dedicato alla zia, presente fino agli ultimi giorni di vita, nella storica pizzeria Sorbillo di via Tribunali. “Sembrerà strano, ma quando posso ci vado. Per me è un luogo terapeutico che mi riporta indietro di trent’anni. È questo è il mio posto del cuore”. E registriamo l’autocitazione.

 Minestra di pasta mista con crostacei e piccoli pesci di scoglio - Gennaro Esposito

Gennaro Esposito – Torre del Saracino

Per lo chef napoletano la prima scelta ricade su La Masardona. Qui, sua maestà la pizza fritta va in scena da oltre cinquant’anni. La ricetta di Enzo Piccirillo è sempre la stessa, quella che gli ha insegnato la nonna, e ha una caratteristica unica: il condimento è custodito tra due dischi di pasta (e non in uno solo piegato, come di solito si usa fare). Per il secondo indirizzo, Gennaro si sposta a Sorrento, al Buco, il regno di Giuseppe Aversa: abile interprete del repertorio partenopeo, diventato negli anni un punto di riferimento della Costiera. “Ci vado molto volentieri, prima di tutto perché sono legato da un’amicizia profonda con Peppe, di cui nutro una forte stima professionale. Poi perché è uno di quei posti dove la qualità del cibo è altissima ma non è tutto, il resto è dato dalla piacevole atmosfera e dalle belle sensazioni trasmesse”. Ci si sposta poi a Vico Equense: “Alla Cremeria Gabriele fanno il gelato più buono del sud d’Italia. Tra l’altro è un luogo che mi lega all’infanzia”. Oltre ai gelati, nel banco accanto, si trovano i formaggi meravigliosamente realizzati e affinati dall’azienda di famiglia.

Enzo Piccirillo – La Masardona

Il pizzaiolo va spesso a mangiare da Il Comandante, del Romeo hotel, dove lo chef Salvatore Bianco parte dalle sue origini campane, per approdare a sapori quasi esotici. Asso nella manica: una bella terrazza – fu il quartier generale del celebre “comandante” Achille Lauro – che non lascia indifferenti per lo spettacolare affaccio sul porto. Il secondo indirizzo è “una trattoria alla portata di tutti”: Da Nennella, nei quartieri spagnoli. Qui aspettatevi un po’ di caos e piatti veraci. Qualche esempio? Pasta e patate, rigatoni al sugo di coccio, alici fritte, friarielli e salsicce. Venendo al babà, il migliore di Napoli (a detta di Piccirillo) è quello di Salvatore Capparelli dell’omonima pasticceria. Più grande rispetto alla media, bagnato al punto giusto, con impasto soffice, buono anche senza panna. Anche se per molti sarebbe un’eresia.

Pubblicità
Pizza fritta

Francesco Sposito – Taverna Estia

Il giovane cuoco opta per il ristorante L’Altro Coco Loco, dove Diego Nuzzo, patron e chef, delizia i commensali con piatti sia di terra che di mare, viaggiando fra tradizione e tocchi creativi. E 50 Kalò, insegna di piazza Sannazzaro divenuta ormai meta di pellegrinaggio. Qui Ciro Salvo, che non ha bisogno di molte presentazioni, sforna una delle pizze più famose di Napoli. L’ultimo indirizzo è invece un cocktail bar in stile speakeasy: L’Antiquario. “Una volta varcata la porta di legno si entra nel regno di Alex Frezza, dove il servizio è professionale e le preparazioni impeccabili”.

Marianna Vitale – SUD

Tre indirizzi anche per Marianna Vitale. Al primo posto La Friggitoria Osteria Mediterranea “per l’ambiente partenopeo e contemporaneo al tempo stesso, per l’impepata di cozze, la selezione di Champagne e per i sorrisi di Enzo e Claudio. Il secondo indirizzo è invece adatto in qualsiasi momento della giornata perché è un bar-zattera che naviga il Lago Miseno e si raggiunge con una piccola barca”. Parla del Roof&Sky, detto anche Asteco e cielo. Curioso trimarano ormeggiato a un pontile della villa comunale di Bacoli, che salpa per raggiungere il centro del lago Miseno. Dalla zattera si fa birdwatching, si ammira l’incantevole paesaggio circostante e ci si delizia con le cene curate da Michele Grande, ideatore del progetto e chef. “Il Roof è l’unico posto in Campania dove nella selezione dei crudi puoi trovare ostriche selvagge locali e frutti di mare rari”. La terza scelta ricade invece sulla pizza. “La Pizzeria d’é figliole è un posto antico ma visionario: solo pizza fritta con un’offerta essenziale e verace. Mi piace perché posso mangiarci alle 11 del mattino o alle 6 del pomeriggio e perché le tre sorelle che impastano, riempiono e friggono hanno scelto di fare solo quello, senza cedere alle mode gourmet. Ecco perché, per me, è un posto autentico”.

Pasquale Marigliano – Pasticceria Pasquale Marigliano

Il grande pasticcere e cioccolatiere sceglie il Ristorante Il Castello a Palma Campania, un posto vicino casa, ideale per le famiglie”, Terrazza Marziale nel centro storico di Sorrento, “un po’ turistico ma si mangia comunque bene” e Gorizia 1916 al Vomero, “un’insegna antica dove si mangia davvero bene. Qui molto spesso mi prendo gli spaghetti allo scarpariello”, ovvero pomodoro e pecorino. La carta vincente del locale è però la pizza, preparata con abilità da esperti pizzaioli che si possono osservare al lavoro appena entrati. La tonda (anche senza glutine) è degna della migliore tradizione napoletana, con un impasto correttamente lievitato, soffice e fragrante, ben cotto nel forno a legna. Oltre alle classiche, consigliamo di provare anche il loro calzone.

GLI INDIRIZZI SCELTI DAGLI CHEF

RISTORANTI e TRATTORIE

Abraxas Osteria | Pozzuoli (NA) | via Scalandrone, 15 | tel. 081 8549347 | www.abraxasosteria.it

L’Altro Coco Loco | Napoli | v.tto Cappella Vecchia, 4 | tel. 081 7641722 | www.ristorantelaltroloco.com

Antica Osteria Nonna Rosa | Vico Equense (NA) | via privata Bonea, 4 | tel. 081 8799055 | www.osterianonnarosa.it

Ba-bar | Napoli | via Bisignano, 20 | tel. 081 7643525 | www.ba-bar.it

Bikini | Vico Equense (NA) | Sorrentina 145 km 13,900 | tel. 081 8016222 | www.ilbikini.com

Il Buco | Sorrento (NA) | II Rampa Marina Piccola, 5 | tel. 081 8782354 | www.ilbucoristorante.it

Il Castello | Palma Campania (NA) | via Provinciale per Castello, 1 | tel. 392 942 5547

Il Comandante del Romeo Hotel | Napoli | via Cristoforo Colombo, 45 | tel. 081 8798744 | www.romeohotel.it

Don Alfonso 1890 | Sant’Agata sui Due Golfi (NA) | Corso Sant’Agata, 11 | tel. 081 8780026 | www.donalfonso.com

La Friggitoria Osteria Mediterranea | Napoli | via Margellina, 16 | tel. 333 994 5814

Gorizia 1916 | Napoli | via G. Bernini, 29/31 | tel. 5782248 | www.gorizia1916.com

Meatin’ | Napoli | via Timavo, 27 | tel. 081 18893517 | www.meatin.it

Da Nennella | Napoli | vicolo Lungo Teatro Nuovo, 103 | tel. 081 414338

Da Nonna Anna | Napoli | via F. Galiani, 30 mercatino rionale Torretta | tel. 081 682844

Roof&Sky | Bacoli (NA) | Lago Miseno | tel. 3332761608 | www.roofandsky.it

La Stanza del Gusto | Napoli | via Santa Maria di Costantinopoli, 100 | tel. 081 401578 | www.lastanzadelgusto.com

Terrazza Calabritto | Napoli | Piazza Vittoria, 1 | tel. 081 2405188 | www.terrazzacalabritto.it

Terrazza Marziale | Sorrento (NA) | Piazza F. S. Gargiulo, 2 | tel. 081 8074406 | www.terrazzamarziale.com

La Torre del Saracino | Vico Equense (NA) | via Torretta, 9 | tel. 081 8028555 | www.torredelsaracino.it

Veritas | Napoli | corso Vittorio Emanuele, 141 | tel. 081 660585 | www.veritasrestaurant.it

PIZZERIE

50 Kalò | Napoli | Piazza Sannazaro, 201b | tel. 081 19204667 | www.50kalo.it

Antica Pizza Fritta Da Zia Esterina | Napoli | Piazza Trieste e Trento, 53

Da Attilio | Napoli | via Pignasecca, 17 | tel. 081 5520479

Pizzeria d’é figliole| Napoli | via Giudecca Vecchia, 3 | tel. 081 286721

La Masardona | Napoli | via Giulio Cesare Capaccio, 27 | tel. 081 281057

GELATERIE e PASTICCERIE

Caseari Cautero | Napoli | Piazzetta Pontecorvo | tel. 081 19179449 |

Cremeria Gabriele | Vico Equense (NA) | Corso Umberto I, 8 | tel. 081 8798744 | www.gabrieleitalia.com

Pasticceria S. Capparelli | Napoli| via dei Tribunali, 325/327 |tel. 081 454310

COCKTAIL BAR

L’Antiquario | Napoli | via Vannella Gaetani, 2 |tel. 081 7645390

LA NOSTRA SELEZIONE

Don Alfonso 1890 | Sant’Agata sui Due Golfi (NA) | Corso Sant’Agata, 11 | tel. 081 8780026 | www.donalfonso.com

La Masardona | Napoli | via Giulio Cesare Capaccio, 27 | tel. 081 281057

La notizia | Napoli | M. da Caravaggio, 53 | tel. 081 7142155 | www.enzococcia.it

Pasta Di Martino | Gragnano (NA) | via Castellammare, 82 | tel. 081 8012984 | www.pastadimartino.com

Pasticceria Pasquale Marigliano | Ottaviano (NA) | via G. D’Annunzio, 23 | tel. 081 5296831 | www.pasqualemarigliano.com

Sorbillo | Napoli | via dei Tribunali, 32 | tel. 081 446643 | www.sorbillo.it

Sud | Quarto (NA) | via SS. Pietro e Paolo, 8 | tel. 081 0202708 | www.sudristorante.it

Taverna Estia | Brusciano (NA) | via G. de Ruggiero, 108 | tel. 081 5199633 | www.tavernaestia.it

La Torre del Saracino | Vico Equense (NA) | via Torretta, 9 | tel. 081 8028555 | www.torredelsaracino.it

Veritas | Napoli | Corso Vittorio Emanuele, 141 | tel. 081 660585 | www.veritasrestaurant.it

a cura di Annalisa Zordan

Guide ai ristoranti in città indicati dai grandi chef:

Mangiare a Milano