[caption id="attachment_91377" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/09/327211_web.jpeg[/caption]

Ci sono venuti dall’Australia, dal Messico, dal Belgio, dal Brasile, dalla Francia, dalla Spagna e ovviamente dall’Italia per conoscere, incontrare, scambiarsi idee, tecniche e ispirazioni: da Peter Gilmore (prima foto in basso) a Joan Roca e Carme Ruscalleda fino all’astro sempre più brillante che è la nostra Aurora Mazzucchelli(seconda foto qui sotto), i migliori nomi dell’alta cucina mondiale hanno sfilato sul palco di Mistura insieme ai nuovi grandi chef del Perù come Virgilio Martinez del Central (che ritroveremo ospite al Salone del Gusto il prossimo ottobre) o Giacomo Bocchio

Pubblicità

.

alt

alt

Pubblicità

Ed è stata proprio la Ruscalleda (foto sotto), con il suo intervento lo scorso 12 settembre, a entusiasmare pubblico, critica e colleghi presenti.
Non c’è stato collega che negli anni non mi abbia detto che sarei dovuta assolutamente andare in Perù ed eccomi qui per la prima volta. Sono sconvolta, non mi aspettavo tanto…” esordisce, prima di andare a fondo esaminando quanto la sua cucina ha in comune con quella peruviana.

alt

Innanzitutto la grande tradizione: io mi ispiro alla cucina tradizionale, e il Perù ha una storia gastronomica così lunga, che è un piacere pensare a come con la tua fantasia puoi reinterpretarla” poi continua indicando l’importanza delle influenze orientali “la cucina nikkei è un esempio all’avanguardia di quello che la cucina può fare: una perfetta fusione fra diverse culture, e non solo una rielaborazione fuori dai confini della cucina di un altro paese. In fondo, era quello che accadeva nell’antichità… Si pensa alla cucina del mio paese, piena di influssi greci, romani, arabi, ebraici… La società è pronta ad accettare le commistioni, purché non significhi rinunciare alle proprie origini”.

Pubblicità

alt

Parlando di quali prodotti la ispirino di più in cucina, poi, è passata all’azione presentando fra i piatti una rivisitazione ironica della tostada, realizzata con uno stufato di pesce tipico del pescatori.
Grande assente dal palco, ma protagonista indiscusso del nuovo panorama gourmet-nikkei a Lima, è invece Mitsuharu “Misha” Tsumura del Maido. Forse una delle cucine più interessanti, innovative e tradizionali allo stesso tempo che meglio rappresentano la nouvelle vague fusion-peruviana e che nella foto di apertura posa alla destra di un entusiasta Massimo Bottura, reduce dal suo intervento pomeridiano a Mistura dal titolo “La consapevolezza implica la conoscenza” che potete seguire per intero qui.

Serena Guidobaldi

14/09/2012