[caption id="attachment_91291" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/09/326885_web.jpeg[/caption]

La Fiera dei colori e dei sapori, delle tradizioni, delle mescolanze e delle biodiversità, Mistura, avvolge il Campo di Marte a Lima dal 7 al 16 settembre. È una manifestazione organizzata dall&rsq

Pubblicità

uo;Associazione Peruviana di Gastronomia (APEGA), fondata nel 2007 dallo chef peruviano Gastón Acurio e giunta quest’anno alla sua 5° edizione.

 

Per chi è già stato in Perù è un’occasione per ritrovare tutte le emozioni provate durante il viaggio in un colpo solo, per chi non c’è mai stato… quale occasione migliore per andarci? Il calore, i colori della gente e dei luoghi del Perù riempiono il cuore. Saranno, questi, giorni saporiti e colorati dove i protagonisti sono tutti coloro che hanno a che fare con la cucina e la gastronomia.

Pubblicità

 

Dagli chef ai pasticceri, dai piccoli coltivatori ai produttori. Ed è infatti proprio grazie ai contadini, guardiani e amanti di Pachamama, che oggi il Perù vanta una biodiversità incredibile. Imperdibile è il Gran Mercado, dove agricoltori e contadini di diverse regioni del Perù esporranno i prodotti tipici della loro terra. La Quinoa colorata, il kiwichas colorato, la cañihua, le patate autoctone e i frutti della costa, della selva e delle montagne. In poche parole un’autentica celebrazione della gastronomia e della terra peruviana.

 

Novità di quest’anno è il Bazar dove i ristoratori si fanno conoscere e le scuole di cucina presentano i loro programmi. C’è poi il più grande panificio del Perù, il Rincon del Pan, dove si riuniscono panettieri da tutto il paese per creare diversi tipi di pane, Chuta, Tres puntas, Chapla, Wawa, Semita, solo alcune delle cinquanta varietà artigianali.

Pubblicità

 

Non poteva poi mancare il Rincon del Chocolate. Decisamente non serve sapere lo spagnolo per immaginare che idilliaca situazione si vive al suo interno. Quest’anno ci sono esponenti delle comunità asháninkas e shipibas che portano il miglior cacao del Perù. Cioccolato caldo, gelato e budinoso (loro lo chiamano musilago), non abbiamo alcun dubbio sulla popolarità di questo stand! Per terminare il Rincon del Pisco (Pisco peruviano ovviamente!) e del Cafè.

 

 

Il Perù fa gli onori di casa ma la Fiera si fa sempre più internazionale con la partecipazione di oltre 20 cuochi stranieri. Per l’Italia sono venuti qui Massimo Bottura, Giancarlo Morelli e Aurora Mazzucchelli. Inutile dire poi degli innumerevoli concorsi, tra cui quello per il miglior chef,  il miglior pasticcere e il miglior panettiere. Un concentrato di input gastronomici e culturali da provare almeno una volta nella vita, perché il ceviche o i tamales che si mangiano in Perù non si mangiano proprio da nessun’ altra parte!

 


i Tamales

Annalisa Zordan
06/09/2012