Natale etno trash

14 Nov 2011, 16:57 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_88637" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/11/298343_web.jpeg[/caption]

{loadposition interstizial1}

Va bene che l'etno ormai fa chic... Ma di qui a snaturare proprio del tutto i caratteri culturali distintivi delle diverse tradizioni, ce ne passa di strada. Natale è la festa dei consumi, ormai. Va bene... Però sembra davvero il massimo utilizzare per le vetrine natalizie le tajine rosse e dorat

Pubblicità

e marocchine: belle, splendide (sono quelle di Myriam Mourabit, esposte anche a giugno presso la Galleria Lafayette di Parigi), ma che c'entrano le tajine marocchine col Natale?

 

Pubblicità

 

Le abbiamo incrociate a Viterbo, in un bel negozio di articoli per la casa. E' vero che possono essere anche un regalo. Ma l'idea di associarle per i colori e per il periodo al Natale sembra proprio un colpo in un occhio. Chissà, magari siamo troppo sensibili!

 

Pubblicità

 

Ma a proposito di etno trash, prendiamo un'altra notizia, a dire il vero abbastanza ambigua: la prendiamo da un trafiletto dell'ultimo Venerdì di Repubblica:

 

Birrai islamici a Rieti (sempre la provincia del Lazio) producono una birra che non possono bere - perché musulmani - ma che possono produrre, perché è solo lavoro. Applausi per l'iniziativa di formazione e avviamento al lavoro dei due profughi afgani da parte del birrificio Alta Quota di Cittareale che per altro fa ottimi prodotti. Ma: 1) non ci sono altri lavori da fare oltre al birraio? 2) La birra si chiama Omid (Speranza) in lingua Farsi. 3) i due profughi si proclamano islamici, non zoroastriani come la lingua Farsi lascerebbe intendere...

 

 

Ma soprattutto: perché chiamare la birra con un nome Farsi? Cosa c'entra? I due poveri operai neppure la assaggiano: qual è il loro apporto specifico alla riuscita e alla ricetta del prodotto?

 

Insomma, siamo tutti più buoni a Natale. Ma per favore, non facciamo anche l'etno trash... Oltre al danno, pure la beffa???

 

 

Stefano Polacchi

novembre 2011

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X