Olivi sotto il gelo, allarme Piemonte

9 Feb 2012, 11:22 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_89334" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/02/302281_web.jpeg[/caption]

"Siamo estremamente preoccupati per la situazione degli oliveti in Piemonte. Come qualche anno fa, rischiamo che sotto il gelo e la neve molte piante muoiano mettendo una grossa ipoteca sulla prossima campagna olearia nella regione, compresa ovviamente la Valle d'Aosta". Il grido di allarme di Antonino De Maria, agronomo del

Pubblicità

orzioextravergine.it/" target="_blank">Consorzio di Tutela dell'Extravergine Piemonte e Valle d'Aosta, lanciato sul nostro sito proprio nei giorni del gelo della settimana scorsa, torna prepotentemente attuale.

 

Pubblicità

 

A partire da questa fotografia che ci ha inviato Claudio Galletto, dall'Asspo (l'associazione dei produttori piemontesi) che hanno fatto il punto della situazione.

L’Associazione sta monitorando in questi giorni la situazione rilevando al momento danni imputabili, più che al freddo in sé, alla copiosa neve che ha causato la rottura dei rami. Tuttavia le temperature rimaste per diversi giorni sotto zero potrebbero avere ripercussioni sugli impianti - affermano i tecnici - visto che la stasi vegetativa garantisce una buona resistenza alle temperature fino ai -7°C, soglia al di sotto della quale le piante possono avere conseguenze negative. Ad avere al momento le conseguenze maggiori sembrano essere le piante più vigorose alle quali la neve ha talvolta lacerato anche i rami principali. “Purtroppo – precisano i tecnici Asspo - non rimane che aspettare il miglioramento del clima per eseguire una potatura; il suggerimento ai coltivatori, però, per contenere i danni, è di eliminare i rami spezzati ma ancora rimasti attaccati alla pianta che potrebbero causare lesioni maggiori al tronco. Passata l'ondata di freddo si inizierà a fare la conta dei danni e verrà fornita indicazione in merito alle operazioni di concimazione e potatura da eseguire.”

 

Pubblicità

 

S. Pol.

9 febbraio 2012

 

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X