Pochi semplici ingredienti: pecorino, latte, pane, menta. E poi qualche sfoglia di tartufo per arricchire di profumi la zuppetta di Sabatino Lattanzi. Semplicissimo da preparare, goloso e adatto anche alle occasioni più importanti. Ecco la ricetta.
Pubblicità

Civitella del Tronto è una rocca bellissima sospesa nel tempo, che si estende lungo il confine del fiume Tronto, spartiacque tra Abruzzo e Marche, in un angolo pieno di suggestioni, non solo panoramiche. In questo piccolo angolo di paradiso si trova Zunica 1880, inserito in un elegante albergo la cui gestione familiare è giunta alla quarta generazione. Il patron Daniele ha saputo negli anni coltivare una proposta incentrata sulla qualità anche grazie alle mani creative dello chef Sabatino Lattanzi. La cucina è quella che ci si aspetta in un simile spicchio di paradiso: solida, golosa, con un delicato guizzo creativo che non guasta. E la Zuppetta di pecorino ne è un esempio.

Zuppetta di pecorino
1 l di crema di latte
200 g di pecorino grattugiato
Crostini di pane
Foglie di menta
Tartufo nero
Olio extravergine

Mettere in infusione il pecorino grattugiato con la crema di latte, alcune foglie di menta e del tartufo grattugiato e lasciare in frigo per 12 ore. Preparare i crostini di pane tostandolo per 5 minuti in forno a 180° C fino a raggiungere una buona doratura. Versare l’infusione in un pentolino profondo e cuocere a fuoco lento fino a ottenere una crema omogenea mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno. Versare in una coppa da consommé e aggiungere sopra i crostini, delle scaglie di tartufo e un filo di olio extravergine.

Pubblicità

Zunica 1880 | p.zza F. Pepe, 14 | Civitella del Tronto (TE) | tel. 0861. 91319 | www.hotelzunica.it

a cura di Annalisa Zordan


PER LEGGERE LE ALTRE RICETTE DI NATALE

La Seupa a la Valpellinentze di Maurizio Grange del ristorante La Clusaz a Gignod clicca qui

Pubblicità

Il Risotto castagne, lardo e rosmarino di Garola e Lombardo de La Ciau del Tornavento clicca qui

L’Anatra nantaise di Karl Baumgartner del ristorante Schöneck clicca qui

Lo Sformatino di cardi di Laura Lorenzini del ristorante Mocajo clicca qui

L’Insalata di cappone di Stefano Cerveni del Due Colombe clicca qui

Il Cappon magro di Luca Collami del ristorante Baldin clicca qui

Tortelli di gorgonzola e Monte Bianco di Renzo Del Farra della Locanda San Lorenzo clicca qui

Toc in braide di Alessandro Gavagna del ristorante Al Cacciatore de la Subida clicca qui

Baccalà all’orvietana di Anna Rita Simoncini del ristorante I Sette Consoli clicca qui

Ravioli di cappone in brodo di mela di Salvatore Tassa del ristorante Le Colline Ciociare clicca qui

Fusilli alla lepre di Enrico Mazzaroni del ristorante Il Tiglio clicca qui

Fegato di maiale al profumo di alloro di Gaetano e Pinuccio Alia de la Locanda di Alia clicca qui

Capretto farcito ai carciofi e lampascioni di Cosimo Cassano del ristorante Bacco clicca qui

Quadrucci in doppio brodo di Peppe Misuriello dell’Antica Osteria Marconi clicca qui

Anguilla arost in umad di Maria Grazia Soncini del ristorante La Capanna di Eraclio clicca qui

Agnello con purè di patate affumicate e riduzione di Taurasi di Lina Fischetti del ristorante Oasis Sapori Antichi clicca qui