[caption id="attachment_84209" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/04/212720_web.jpeg[/caption]

Si chiama Mo.Bi, ma non è una balena. È l'acronimo di Movimento Birra, pensato da alcuni dei nomi più noti del mondo birraio artigianale italiano per promuovere questo settore in crescita. E dalla Liguria, arriva anche un'iniziativa brassicolo in favore dell'emergenza in Abruzzo.

Pubblicità

Da una costola di Unionbirrai (l’associazione di categoria che riunisce i produttori artigianali di birra) è nato il Mo.Bi – Movimento Birra – dedicato alla birra artigianale e ai suoi consumatori: un piccolo universo – ma in costante crescita – fatto di produttori di dimensioni spesso piccolissime ma di alta qualità (in Italia i birrifici artigianali sono circa 250 e rappresentano circa l’1% della produzione nazionale), di appassionati homebrewers, i “mastri birrai” casalinghi, e di bevitori competenti.

 

Pubblicità

Tra gli obiettivi, innanzitutto promuovere la cultura birraria e il consumo consapevoli di birra di qualità, ma anche rappresentare gli interessi dei consumatori attraverso l’informazione, l’ampliamento dell’offerta accessibile e prezzi corretti, incentivare la produzione casalinga di birra e promuovere la formazione di degustatori consapevoli, organizzando corsi, incontri, degustazioni e realizzando pubblicazioni e materiale informativo.

 

Sul sito www.mondobirra.org, uno dei principali riferimenti per gli appassionati italiani di birra artigianale, Marco Tripisciano ha pubblicato un’interessante intervista a Davide Bertinotti, – presidente del Mo.Bi impegnato nella diffusione dell’homebrewing attraverso i siti www.bertinotti.org  e www.microbirrifici.org  -, Lorenzo Dabove – grande esperto italiano di birra belga -, e Luigi D’Amelio, sommelier e responsabile dei corsi per Unionbirrai prima e per Mo.Bi adesso.  
Leggi qui 

 

Pubblicità

Sempre dal mondo della birra artigianale italiana, infine, arriva una bella iniziativa di solidarietà per le sfortunate zone abruzzesi colpite dal terremoto. Lorenzo Bottoni, titolare del Piccolo Birrificio di Apricale (Imperia) ha deciso di devolvere il ricavato di una cotta di birra alla Croce Rossa Italiana (al netto delle spese di spedizione perché il corriere non ha accettato di contribuire) per l’emergenza Abruzzo. Chi vuole può ordinare una cassa di birra (24 bottiglie da 33cc al prezzo di 50€ ) scrivendo a [email protected] per avere tutte le indicazioni.

Sul sito di Mo.Bi sarà pubblicata la lista completa degli acquirenti, i dati relativi ai versamenti fatti e la fattura relativa ai costi di trasporto sostenuti.

www.movimentobirra.it