Felice Lo Basso sostituirà Fabio Baldassare alla guida dell'Unico a Milano. Primo contatto ad aprile e a ottobre l'insediamento

7 Mar 2014, 15:53 | a cura di Saverio De Luca
Lo chef pugliese si insedierà non prima di ottobre per concludere il contratto che ancora lo lega all'Alpen Royal di Selva di Val Gardena. Ma una brigata è già pronta per predisporre linea e cucine.
Pubblicità

Unico a Milano cambia rotta: dopo l'addio di Fabio Baldassarre (ne abbiamo parlato nei giorni scorsi) e un veloce re-style del locale, si prepara ad ospitare Felice Lo Basso come executive. Lo chef classe 1973 è originario di Molfetta ma da dieci anni lavora nelle dolomiti, tra le sue esperienze c'è anche la docenza presso le scuole della Città del gusto di Roma ed ha partecipato ad alcuni programmi di Gambero Rosso Channel. La sua cucina, quella che trasferirà all'Unico, è il frutto di una contaminazione tra i sapori e le tradizioni pugliesi e quelle altoatesine. Ma non si trasferirà prima di ottobre perché non vuole chiudere anzitempo il contratto che ancora lo lega al ristorante dell' Alpen Royal, a Selva di Val Gardena.
Ovviamente Unico non resterà senza chef sino all'autunno. Una squadra composta per l'occasione si insedierà, ad aprile, sotto la supervisione di chef Lo Basso e spianerà la strada al suo effettivo insediamento. “Lascerò le Dolomiti ma resto comunque in alta quota”, ha rivelato Lo Basso a Gambero Rosso ironizzando sul trasferimento nel ristorante posizionato sulla sommità di un grattacielo. “Dopo dieci anni passati in montagna sento l'esigenza di cambiare e di provare nuove esperienze. Avevo già in animo di cambiare, pensavo a Dubai, ma Milano mi ha convinto. Porterò la mia cucina, non ho intenzione di modificare nulla e credo che Milano sia una città decisamente aperta a nuove proposte gastronomiche”. Lo chef ci ha anche confessato che con questo trasferimento riuscirà a stare più vicino alla sua famiglia: “mio figlio sta per cominciare le scuole medie ed io voglio essere al suo fianco. Fino ad oggi ho fatto il pendolare, non volevo chiedere a mia moglie di trasferirsi in montagna”. Ma c'è anche un'ulteriore motivazione di più ampio respiro che ha convinto Lo Basso ad accettare la proposta di Unico: “la montagna è un luogo magnifico ma il lavoro è fortemente vincolato dalle stagioni e, oggi, le stagioni sono sempre più corte”.

www.unicorestaurant.it

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X