Secondo una ricerca condotta da Doxa Advice/Unaitalia, il pollo al curry è il piatto etnico preferito dagli italiani tra quelli a base di pollo, seguito da quello alle mandorle e all’agrodolce. E un sito spiega come cucinarli a casa con l'aiuto di celebri chef. 

Pubblicità

La vittoria del pollo al curry

Gli italiani amano il pollo. Non solo il classico pollo al forno con patate, ma anche i piatti una volta considerati “esotici”, ormai entrati nel novero delle abitudini alimentari degli italiani, come il pollo al curry, alle mandorle, in agrodolce.

A confermarlo è una ricerca condotta da Doxa Advice/Unaitalia che spiega come, fra i diversi piatti etnici a base di pollo, è proprio la versione al curry, tradizionale nella cucina indiana, a vincere con il 35,1% delle preferenze. Secondo posto del podio per il pollo alle mandorle, tipico della cucina cinese con il 31,7%, mentre sul terzo gradino troviamo il pollo in agrodolce, con il 26,5% delle preferenze, un classico nelle cucine orientali, dalla Malesia al Vietnam. Medaglia di legno al messicano tacos di pollo, con il 16,9% delle risposte.

Che agli italiani piaccia il cibo etnico non è una novità: a testimoniarlo ci aveva pensato il rapporto  Coop 2016. Secondo i dati, infatti, l’85% degli italiani sperimenta regolarmente cibo esotico, il 30% frequenta spesso ristoranti etnici o take away, mentre il 75% acquista prodotti alimentari etnici per cucinarli a casa.

Pubblicità

 

Tutti i segreti del pollo in versione etnica con i consigli degli chef

Ma come preparare un ottimo pollo al curry puntando all’equilibrio delle spezie (il suo vero nome è Chicken Tikka Masala, proprio in riferimento al mix di spezie che lo insaporiscono), o uno squisito pollo alle mandorle, dove il trucco fondamentale è prestare attenzione alle cotture per non stracuocere una carne delicata? A spiegarlo sono gli stessi chef – la quota “straniera” della nostra ristorazione d’autore, ormai perfettamente inserita nel tessuto gastronomico italiano – sul blog  vivailpollo.it. Da Anthony Genovese, che la sua filosofia fusion la applica tanto al Pagliaccio che nell’elaborazione del menu creativo di Yugo a Roma, agli chef del ristorante messicano Besame Mucho di Milano, passando per la cucina indiana di Guru (a Roma da 25 anni, nel suo mix di spezie per il masala finiscono peperoncino, cannella, chiodi di garofano, pepe nero, cumino e, chiaramente, il curry) e i consigli di Zhou Fenxia, in arte Sonia, proprietaria di Hang Zou, insegna diventata da anni una vera e propria istituzione di cucina cinese nella Capitale.

 

www.vivailpollo.it

Pubblicità

 

a cura di Francesca Fiore