Lagocephalus: dall'Oceano Indiano è arrivato nel Mediterraneo, me è tossico e se mangiato può causare la morte

23 Mag 2014, 16:46 | a cura di Saverio De Luca
Si tratta di un pesce palla che da qualche anno viene avvistato al largo delle coste di Israele. Ultimamente però sta popolando anche i mari della Grecia e in Italia è stato visto al largo di Messina e Salerno.
Pubblicità

Attenzione: non mangiate questo pesce. L'allarme, lanciato da Oceanus Research Group si riferisce al Lagocephalus sceleratus, un pesce palla originario dell'Oceano Indiano che sta popolando il Mediterraneo. Probabilmente arrivato attraverso il canale di Seuz, questo pesce contiene una tossina altamente pericolosa che se ingerita può causare gravi danni, sino alla morte. Già nel 2012 era stato avvistato al largo delle coste di Israele, dove, si sono registrati anche casi di intossicazione mortale, oltre che in Egitto. Nel 2013 ne è stata segnalata la presenza a largo delle coste greche, successivamente a quelle di Lampedusa, ma nella mappa non mancano Palinuro, Salerno, Monopoli e Messina. La sua pericolosità deriva dallaTetrodotossina, una neurotossina presente in alcune specie della famiglia Tetraodontidae (pesce palla o fugu). Si tratta di un composto amino hydroxy quinazoline. In specie alcuni "pesci palla", la tossicità è generalmente elevata nel fegato e nell'ovaio. L’effetto di questa tossina permane anche dopo la cottura e l'avvelenamento può comportare conseguenze particolarmente gravi per la salute, fino alla morte, che può avvenire dopo poche ore dall’ingestione. L'ingerimento provoca, infatti, paralisi respiratoria e problemi al sistema cardiocircolatorio. La presenza nel Mar Mediterraneo è stata anche segnalata dall'Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale il 7 novembre 2013.
Questo pesce, spiegano dal Oceanus Research Group “ha corpo oblungo, fusiforme, ricoperto di pelle liscia senza placche o scudetti, ma dotato di spine corte e disposte in serie longitudinali nella regione ventrale, che è rigonfiabile e pieghettata in attitudine di riposo. La linea laterale è marcata e suddivisa in rami che circondano l'orbita e rami trasversali, che si congiungono con la linea laterale o che si diradano verso la zona ventrale. La testa, robusta, ha occhi circolari di grandezza media e aperture nasali minuscole. La bocca è piccola e i denti sono riuniti in due placche dentarie superiori e due inferiori. Può ingerire acqua o aria. Ha una sola pinna dorsale molto spostata indietro e con 13-16 raggi. L'anale è simmetrica alla dorsale ed ha 11-13 raggi. La caudale (15 raggi) ha il margine posteriore incavato e il lobo inferiore più lungo di quello posteriore. Le pettorali sono alquanto robuste ed hanno 14-16 raggi. Le ventrali sono assenti. Il colore del corpo è ardesia o grigio azzurrastro sul dorso, bianco latteo nel ventre. Gli esemplari giovanili hanno macchiette nere sparse nella zona spinosa.
E' una specie pelagica che allo stadio giovanile staziona vicino agli estuari dei fiumi e da adulta preferisce acque tropicali o calde, a profondità tra i 10 e i 100 m, ma può scendere anche oltre i 450m. Perlopiù si sposta grazie alle correnti. Se minacciata, si gonfia ingerendo aria o acqua, che trattiene contraendo gli sfinteri del piloro e dell'esofago e in modo da gonfiare lo stomaco, fino ad assumere una conformazione a a palla. Si nutre sia di detriti che di organismi animali (crostacei e molluschi). Raggiunge i 60 cm di lunghezza totale
”.

Http://www.oceanus.it/l-invasione-del-lagocephalus.html

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X