Rossa, schiuma persistente, non filtrata né pastorizzata, amarognola e complessa: è BrrRiva, la prima birra all'infuso di oliva. Nasce dall'incontro tra Agraria Riva del Garda e il Birrificio Carador e regala sorsate di sapori mediterranei.
Pubblicità

Produrre una birra a bassa fermentazione, non filtrata né pastorizzata, e arricchita da un delicato infuso di olive: fino a pochi anni fa sarebbe stato un progetto pressoché fantascientifico. Ma la produzione di birra artigianale in Italia è ormai in fortissima ascesa; negli ultimi anni, infatti, grazie al lavoro di centinaia di produttori locali (600 i microbirrifici) siamo riusciti a colmare quell’imbarazzante gap che per tanto, troppo, tempo ci ha allontanato dalle grandissime realtà produttive mondiali del settore come Belgio, Germania, ma anche Inghilterra e Stati Uniti.
Un momento felice per la birra, dunque, caratterizzato da un’ottima produzione e da una grande voglia di sperimentare. Il momento ideale per presentare BrrRiva, la prima birra artigianale all’infuso di oliva prodotta da Agraria Riva del Garda, azienda leader nel settore vitivinicolo e oleario. Proprio così, dopo quasi un secolo dedicato alla produzione di vino e olio questa realtà imprenditoriale dell’Alto Garda ha deciso di cimentarsi nella produzione di birra. L’innovativa ricetta è stata elaborata da Monika Sieghart, mastro birraia del Birrificio Carador, che ha deciso di mettere al servizio dell’ambizioso progetto la sua decennale esperienza.
Questa collaborazione nasce dalla volontà di creare una birra artigianale che sfruttasse la nostra esperienza in campo oleare ma che al tempo stesso rappresentasse nel migliore dei modi il nostro territorio”, afferma Furio Battelini, responsabile produttivo di Agraria; “l’aggiunta di un delicatissimo infuso di olive del Garda Trentino, in fase di fermentazione e in fase di maturazione, donano alla birra una notevole complessità organolettica, contraddistinta da un amarognolo piacevole e persistente”.

BrrRiva è una rossa, dal colore ambrato e da una schiuma persistente; i suoi 5,5° la rendono fresca, beverina e di facile accostamento, perfetta per freschi piatti estivi, sorprendente con piatti di pesce e carni delicate. Che sia l’inizio di un nuovo trend produttivo? Presto per rispondere, ma nel frattempo Furio Battelini ha preannunciato l’imminente arrivo di un’altra birra in casa Riva Del Garda: una bionda, ancor più fresca e piacevole grazie all’utilizzo del timo limonato. E dei fiori di sambuco.

BrrRiva | Agraria Riva Del Garda | www.agririva.it

Pubblicità

a cura di Giuseppe Buonocore