Il trade mondiale perde il 7% in un anno mentre il vino italiano, sotto di 3 miliardi di euro, è chiamato a pianificare un’incerta campagna 2021. Le soluzioni? Aiuti straordinari e misure da rivedere. Intanto a Bruxelles si discute di nuova Pac ed autorizzazioni: vietato farsi trovare impreparati.

LEGGI Versione stampabile

  • POLITICHE UE – L’Italia del vino perde 3 miliardi nel 2020. Con quali misure pianificare la ripartenza?
  • L’INTERVISTA – “Dall’Ue, meno attacchi e più risorse”. Così Luca Rigotti, primo italiano al gruppo vino Copa-Cogeca
  • BREXIT – Non scatterà il 30 giugno la richiesta del documento VI-1: nuova proroga al 2022
  • DL SOSTEGNI – All’Agricoltura 450 milioni di euro, delusa la ristorazione: ecco le nuove misure
  • FRANCIACORTA – Due milioni di bottiglie in meno vendute nel 2020: i piani di ripartenza del Consorzio
  • TERRITORI – In Puglia nasce il Distretto del vino, mentre il Piemonte punta a diventare World Food Capital
  • FORMAZIONE – Nasce Gambero Rosso University: la prima università online di enogastronomia
  • DEAL – Via libera alla fusione tra Custoza e Valpantena: la nuova realtà si chiamerà Cantine di Verona
  • ESTERI – Missione spaziale per12 bottiglie di Château Petrus: gli effetti dopo 14 mesi in orbita