Un prosciutto cotto Alta Qualità, il Cotto '60, che non fa rimpiangere i migliori crudi. Cosce nazionali selezionate per i grandi prosciutti crudi italiani Dop, salagione manuale in arteria femorale, affumicatura a legna, maturazione prolungata, stagionatura in cantina naturale. E tanti "senza" nella lista degli ingredienti: fonti di glutine, acqua e polifosfati aggiunti, derivati del latte (lattosio e caseinati), allergeni, glutammato, polifosfati, anidride solforosa, aromi sia naturali che di sintesi.

Pubblicità

L’azienda Branchi e i suoi cotti

Il salumificio dei fratelli Giovanni e Franco Branchi, realtà norcina artigiana a conduzione familiare in Val Baganza, nella cittadina parmigiana che ha legato il suo nome a uno dei più nobili salami italiani, il salame Felino, ha scommesso sulla produzione di prosciutti cotti e affumicati. Raggiungendo standard altissimi e dimostrando che il cotto, quando nasce per essere eccellente, fatto con ottime carni e a regola d’arte, non ha nulla da invidiare a un grande crudo. L’80% della materia prima impiegata proviene da cosce nazionali PP (quelle destinate alla produzione del prosciutto di Parma Dop), il resto dall’estero. La lavorazione prevede la salagione manuale in arteria femorale, l’affumicatura a legna, la frollatura e la maturazione prolungate, la stagionatura in cantina naturale. Infine, ma non ultimo in ordine di importanza, segue una ricetta che gioca per detrazione degli ingredienti: niente fonti di glutine, acqua e polifosfati aggiunti, derivati del latte (lattosio e caseinati), allergeni, glutammato, polifosfati, anidride solforosa, aromi sia naturali che di sintesi. Il fiore all’occhiello del salumificio di Felino è il Cotto ’60, la punta della piramide qualitativa della linea di prosciutti cotti Branchi (speciale nostrano PP, speciale legato a mano, arrosto, affumicato), accanto al fiocco di prosciutto affumicato e alla culatta di prosciutto sia cottache affumicata. Inoltre, Branchi commercializza altri salumi (prosciutti crudi, mortadella, bresaola, guanciale, coppe, pancetta, salame Felino) selezionati da fidate aziende terze. La distribuzione è in alcune tra le più belle salumerie del centro e nord d’Italia (Roscioli a Roma, Parma & Co. a Milano, Alimentazione B.M. a Trieste, Salumeria Garibaldi a Parma, oltre a La Casera di Eros Buratti a Verbania e ai punti Eataly in Italia) e in ristoranti di alto profilo (Clinica Gastronomica Arnaldo a Rubiera RE, Bulgari a Milano).

 

Le tipologie di prosciutto cotto secondo la legge

La legge (il decreto del 21 settembre 2005 del Ministero delle Attività Produttive) distingue 3 tipologie di prodotto: prosciutto cotto; prosciutto cotto scelto, con un tasso di umidità sotto il 78,5% e identificabili almeno tre dei quattro muscoli principali della coscia intera del suino (sottofesa, fesa, noce e magatello: indice che non si tratta di un prodotto “ricostruito”); prosciutto cotto Alta Qualità, sempre da cosce intere, con umidità non oltre il 75,5% e privo di polifosfati aggiunti, proteine del latte e di soia (che trattengono l’acqua), amidi, fecole, gelatine alimentari.

Pubblicità

 

Cotto ’60

Il Cotto ’60 di Branchi, una delle 29 Eccellenze della guida Grandi Salumi del Gambero Rosso, è un prosciutto cotto Alta Qualità ottenuto da cosce nazionali PP (di suini pesanti nati, allevati e macellati in Italia, del circuito dei grandi prosciutti Dop italiani, Parma e San Daniele), fatto con tutti i crismi di cui sopra. Per garantire l’assoluta genuinità e salubrità i fratelli Branchi hanno deciso di eliminare completamente ogni tipo di aroma, sia naturale che di sintesi, inoltre è stato sostituito lo zucchero con il miele. La differenza si vede e si sente. La faccia del Cotto ’60 ha un impatto visivo vibrante con il colore rosato di diverse intensità, l’aspetto umido e la marezzatura di grasso perfettamente distribuita nelle parti magre, tutto avvolto da uno spesso strato di grasso. Il profumo e il sapore sono delicatissimi, soavi e puliti eppure ampi, evoluti e persistenti: ci senti tutta la verità di un’ottima materia prima e di una lavorazione di alto profilo, rispettosa dell’ingrediente di partenza e senza forzature aromatiche. Grande equilibrio nel rapporto grasso-magro e nelle sensazioni gustative, tessitura succosa, godibilissima masticabilità e una fantastica scioglievolezza del grasso.

 

La culatta di prosciutto Branchi

La culatta di prosciutto cotto nostrano (3 Fette della guida Grandi Salumi del Gambero Rosso) è un Alta Qualità di un bel rosa pallido con grasso vivido. Al naso prevalgono i profumi di brodo di carne, note vegetali e salmastre nitide e piacevoli. Al palato un sapore pieno, armonico e pulito si unisco a ottimi sentori di carne, a un bell’equilibrio dolcezza/sapidità, a un buon grasso e a una texture succosa, morbida e solubile. La culatta di prosciutto affumicato nostrano alla vista è rosa intenso virato al viola con ampia e diffusa marezzatura e un grasso bianco rosato pulito. All’olfatto trasmette note evidenti di fumo naturale, piacevoli e non invadenti. In bocca tornano i sentori affumicati, intensi e persistenti. Sentori dolci, ottimo grasso, finale pulito, struttura friabile, morbida e succosa.

Pubblicità

 

Branchi Prosciutti | Felino (PR) | v.le Roma, 11 | tel. 0521 835601 | www.branchi.it

 

la prossima settimana:

Masseria dei Trianelli – Ruviano (CE)

 

 

a cura di Mara Nocilla

 

ACQUISTA LA NOSTRA GUIDA “GRANDI SALUMI” CLICCANDO QUI

 

Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Lovison: musetto e non solo. Un protagonista della salumeria friulana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Giovanni Bazza: l’estremista degli insaccati naturali, crudi e cotti clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Coradazzi: il prosciutto San Daniele home-made clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Fattorie del Tratturo: Luigi Di Lello, l’ambasciatore della ventricina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Vecchio Varzi: sinonimo di salame nobile clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Rosa dell’Angelo: il suino nero e i salumi gourmet in vaschetta clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. La Paisanella: filiera chiusa in nome del suino dei Nobrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Villa Caviciana: dalla Germania al Viterbese sulle tracce del suino nero clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Savigni: norcineria di frontiera tra Toscana ed Emilia Romagna clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Devodier: l’aristocrazia del prosciutto di Parma clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Meggiolaro:salumicotti al naturale clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Masè: da oltre 140 anni i cotti della tradizione triestina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Belli: lo speck da 6 generazioni clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Antica Corte Pallavicina: nel regno dei fratelli Spigaroli e del culatello di Zibello clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Squizzato: dal 1952 la tradizione veneta della maialata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. La Granda: dalle carni di razza piemontese ai salumi tipici cuneesi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Larderia Fausto Guadagni:l’oro bianco di Colonnata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. F.lli Borrello: elogio del suino nero dei Nebrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. S. Ilario: alla ricerca del Parma perfetto cliccaqui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Thogan Porri: l’artigiano del Varzi, l’aristocrazia del salame nell’Oltrepò Pavese clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Dok Dall’AVa: la verticale dei prosciutti cru clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Adriano Ferrari, l’ambasciatore della ‘nduja e del suino nero di Calabria clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. I Salumi di Martina Franca: capocollo come tradizione comanda clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Ruliano: un prosciutto di Parma fuoriclasse clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Cerati: la forza della filiera chiusa clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Rinascimento a Tavola: insaccati e biscotti delle corti cinquecentesche clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Simone Ferraro: una bresaola unica clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Boscacci: la bresaola di Bormio clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Urbevetus: salumi di porco cinturello nella campagna orvietana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Gamba: salumi biologici nella Val Brembana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Cellito: salumi di filiera nel Parco del Cilento clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Il Camarin: realtà artigiana del prosciutto San Daniele clicca qui
Per leggere Grandi salumi d’Italia. Casa della Carne: bresaola e salumi di selvaggina in Valtellina clicca qui
Per leggere Grandi salumi d’Italia. Massanera: salumi di cinta senese sulle colline fiorentine clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Dal Massimo Goloso: i salumi della montagna trentina e specialità esclusive clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Bertolin: la Maison del lardo di Arnad clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Zavoli: La mora? Si conserva nella cera! Clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Salumificio Santoro: alla ricerca del capocollo di Martina Franca clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Luigi Caccamo, L’artigiano della ‘Nduja.Tradizione e peperoncino clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d’Italia. Caputo: il celebrato salame di Sant’Angelo in Brolo clicca qui