I Castelli del Piemonte. Da Leonardo al Plin

17 Nov 2011, 11:07 | a cura di Gambero Rosso
[caption id="attachment_88683" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/11/298497_web.jpeg[/caption]

{loadposition interstizial1}

In occasione della mostra dedicata a Leonardo, al Castello di Venaria (nella foto), ecco un breve itinerario in piemontese tra gli splendori dell’arte barocca. Un mix di arte e storia racch

Pubblicità

iuso nello straordinario sistema delle Residenze Sabaude, affermatosi con l'ascesa della dinastia Savoia.

 

Pubblicità

 

Dai Castelli di Valentino, a Torino, Moncalieri, Racconigi, Agliè, Garessio, Rivoli, Govone, Pollenzo, alle Rocche di Stupinigi, Venaria, Villa della Regina e Palazzo Reale, Palazzo Madama e il Carignano: si sviluppa, a partire dalla tarda seconda metà del Cinquecento, l'immagine di grandezza perseguita per quasi due secoli e mezzo dalla dinastia dei Savoia per competere con le più grandi dinastie europee. Sontuose dimore signorili edificate su fortificazioni medioevali, che creano una perfetta sintesi tra lo stile dei castelli francesi e il ritorno al neoclassico e al gotico del romanticismo, passando attraverso straordinari elementi barocchi. Un percorso particolarmente visibile nell'attuale Palazzo Reale, risultato unitario di una lunga serie di ristrutturazioni, dai fastosi interni barocchi al neo-classicismo.

La prima a svilupparsi è, nella seconda metà del '600 la Reggia di Venaria, fuori dell’area cittadina, che rappresenta il primo intervento extraurbano di riplasmazione urbanistica dove la reggia costituisce l'elemento centrale. Con i suoi sfarzosi saloni e i suoi eleganti giardini, rappresenta la prima tra le “delizie" volute dalla reggenza sabauda. Qui si sono aperte le celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia e qui si conclude l'anno con una grande e scenografica mostra-evento dedicata al genio di Leonardo e allestita dall'estro di Dante Ferretti. E' l'occasione ricca, questa, per una full immersion nelle residenze sabaude e nei sapori del Piemonte, per un percorso tutto a pochi minuti dal capoluogo.

Al periodo tra il Seicento e la prima metà dell’Ottocento risalgono invece gli interventi che trasformarono gli antichi castelli di Rivoli, Moncalieri, Agliè, Govone, Racconigi e Pollenzo in fastose dimore signorili, oltre al castello degli Acaja, nel cuore di Torino. Ultimo gioiello della “corona di delizie”, attorno alla capitale, fu la Palazzina di Caccia di Stupinigi, progettata all’interno di un vastissimo territorio a sud di Torino, vero trionfo dell’età barocca.

Pubblicità

 

 

 

Interessante e da non perdere, per gli amanti dell'arte moderna e della cucina d'avanguardia, il Castello di Rivoli (foto sopra), con le sue mostre e gli allestimenti di arte contemporanea, ma anche per la spettacolarità del restauro che ha recuperato la struttura a un uso moderno e funzionale. Senza dimenticare che proprio qui, alla sera, si ouò incontrare l'arte di Davide Scabin e del suo Combal.Zero che corre nel padiglione in vetro parallelo all'ala della libreria del castello, immerso nello splendido giardino. Al tavolo del Combal, potete scegliere tra percorso della tradizione e quello tra le ultime creazioni di uno dei più geniali artisti della cucina contemporanea italiana.

 

 

Le Residenze Sabaude piemontesi rappresentano dunque un sistema unico e straordinario di arte e cultura, che ha visto all'opera architetti di diversi secoli, tra cui Filippo Juvarra, e che rappresentano per questo un patrimonio dell'umanità da salvaguardare.

 

 

Certo, un tour culturale in Piemonte non può prescindere certo dalla conoscenza diretta dei sapori della terra e della tradizione, che qui in particolare coincidono molto e in molti casi. A partire dai mitici raviolini del plin e dalla grande cruda carne battuta o all'albese, due monumenti della gastronomia italiana. Per non parlare poi degli stracotti, della bagna caoda, dei cardi gobbi, dei fritti... Ecco una serie di indirizzi, tutti molto selezionati e mirati per una vera panoramica dei sapori del terroir. Per tutti i gusti e per tutte le tasche.

 

 

info

www.castellipiemontesi.it

www.castelliaperti.it

 

 

Castelli di Gusto

 

Combal.Zero | Rivoli (TO) | p.zza Mafalda di Savoia | Museo di arte moderna Castello di Rivoli | tel. 011 9565 225 | www.combal.it | prezzo 110 euro vini escl. | chef Davide Scabin

 

Dolce Stil Novo | Venaria Reale (TO) | p.zza della Repubblica, 4 | Reggia di Venaria | tel. 011 4992 343 | www.dolcestilnovo.com | prezzo 90 euro vini escl. | chef Alfredo Russo

 

Torino

 

Consorzio |via Monte di Pietà, 23 | tel. 011 2767 661 | www.ristoranteconsorzio.it | prezzo 40 euro vini escl.

 

 

Scannabue | l.go Saluzzo, 25h | tel. 011 6696 693 | www.scannabue.it | prezzo 30 euro vini escl.

 

 

Eataly | via Nizza, 230 | tel. 011 1950 6801 | www.eatalytorino.it | prezzo 20 euro vini escl.

 

 

Casa Vicina | via Nizza, 224 | tel. 011 1950 6840 | www.casavicina.it | prezzo 80 euro vini escl.

 

b&b Casablanca | via Carlo Noè, 4 | tel. 011 7650 432 | prezzo doppia 42-60 euro prima colaz. incl.

 

 

NH Santo Stefano | via Porta Palatina, 19 | tel. 011 5223 311 | www.nh-hotels.com | prezzo doppia 160 euro prima colaz. incl.

 

NH Lingotto | via Nizza, 262 | tel. 011 6642 000 | www.nh-hotels.com | prezzo doppia 92-330 euro prima colaz. incl.

 

 
Loredana Sottile

 

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X