[caption id="attachment_84308" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2009/05/215754_web.jpeg[/caption]

Dal 7 al 10 maggio 2009 torna tra le celebri “colline del gusto” la BITEG, Borsa Internazionale del Turismo Enogastronomico.

Giunta alla X edizione, si trasferisce stabilmente in Piemonte, nel cuore delle Langhe, terra d’eccellenza

Pubblicità

enogastronomica.

Organizzata da Regione Piemonte tramite Sviluppo Piemonte Turismo in collaborazione con le ATL di Alba Langhe e Roero, Cuneo, Alessandria e Asti, tutte protagoniste di vari eventi collaterali, BITEG si rivolge agli operatori italiani ed esteri specializzati.

 

Pubblicità

Attraverso la formula degli incontri “b2b”, già collaudata con successo nelle passate edizioni, la tre giorni di lavoro vedrà il confronto tra 130 operatori, rappresentata da buyers nazionali e internazionali, e circa 150 rappresentanti selezionati dell’offerta italiana.

 

Obiettivo della manifestazione è quello di valorizzare e promuovere quei settori del patrimonio italiano e piemontese noti a livello internazionale con l’eccellenza enologica, culinaria e dei prodotti turistici ad essa collegati.

Sede di prestigio del workshop (8 e 9 maggio), sarà di nuovo la Tenuta Fontanafredda di Serralunga d’Alba, in provincia di Cuneo, dove si trova una delle più prestigiose cantine del Piemonte e polo vitivinicolo fin dal 1878.

Pubblicità

 

Altre sedi d’eccellenza per gli appuntamenti collaterali saranno:

 

La Locanda del Sant’Uffizio di Cioccaro di Penango d’Asti, hotel di charme in antica dimora del ‘600
(giovedì 7 maggio – Welcome Dinner);

 

lo straordinario Museo Martini di Pessione a Chieri
(8 maggio – per la conferenza stampa di apertura);

 

l’Albergo dell’Agenzia di Pollenzo (CN), residenza sabauda sede dell’Università di Scienze Gastronomiche, della Banca del Vino e del Ristorante Guido
(8 maggio – per il Galà)

 

Completeranno il programma di BITEG 2009 una serie di Educational per operatori e giornalisti italiani e stranieri sul territorio piemontese.

Gli interessati sono pregati di farlo presente nella sezione “note” del form online di pre-accredito stampa. Le richieste saranno vagliate singolarmente e riconfermate per iscritto dall’Organizzazione.