Il miele e il misterioso mondo delle api saranno i protagonisti della 13ª edizione di Mielinumbria, la festa dell’apicoltura che si terrà a Foligno da venerdì 19 a domenica 21 novembre.

Una grande mostra mercato che ospiterà all'interno della corte di

Pubblicità

strong>palazzo Trinci, nel cuore della città, anche concorsi, musica, teatrini per i più piccoli e interessanti convegni sul tema.

 

Tre giorni dedicati al miele e ai prodotti dell’alveare che partiranno alle 18 di venerdì 19 novembre con l’apertura dei venti stand che accoglieranno produttori quasi esclusivamente umbri, secondo la volontà del rappresentante del Servizio agricoltura e mercati del Comune di Foligno, Ezio Palini, di riservare spazio alle tipicità del territorio e alla tradizione apistica umbra.

Pubblicità

La manifestazione accoglierà due importanti concorsi: “Mielinumbria”, che dà il nome alla manifestazione, dove sarà premiato il miglior miele della regione, e la 3ª edizione di “Mielinbio”, aperto a mieli di produzione di agricoltura biologica, che ha visto la partecipazione di 40 aziende con 87 mieli provenienti da 15 regioni italiane.

Tra gli appuntamenti più significativi, due convegni, che si terranno nella gioranata di sabato 20 a Palazzo Trinci: “La promozione del miele: esperienze a confronto” e “L’idromele rilancio di una sfida“: due appuntamenti che avranno lo scopo di far conoscere e promuovere il miele, non solo come prodotto ma come parte di un sistema produttivo inserito in un ambiente di cui contribuisce a mantenere l’equilibrio, e l’idromele, prodotto alla base di una piccola imprenditoria che si è sviluppata nel territorio umbro, dove ha raggiunto risultati importanti soprattutto grazie all’imprenditore Alberto Mattoni, oggi scomparso.

Un’ulteriore iniziativa di Mielinumbria sarà lo spazio dedicato ai ragazzi delle scuole medie ed elementari di Foligno, che si potranno avvicinare al mondo dell’apicoltura partecipando all’iniziativa “Colora un’arnia” ed ai “Laboratori in cucina”.

Infine, non mancheranno, ovviamente, le degustazioni – in particolare quelle dei mieli che hanno vinto il concorso nazionale di San Pietro terme “Grandi Mieli d’Italia Tre Gocce d’oro” – tra cui quella di una originale di birra al miele, L’oro di Montezemolo, prodotta nell’omonima città, mentre al palazzo Trinci sarà allestita mostra “Galileo Galilei e l’ape”, a cura dell’Osservatorio nazionale del miele, in cui una serie di documenti illustreranno il rapporto tra lo scienziato e il laborioso insetto.

Pubblicità

 

 

FR
5/11/10