Eataly x Autogrill sull'A1 a Secchia Ovest. La prima volta insieme per i due brand made in Italy

31 Mag 2016, 08:01 | a cura di Livia Montagnoli

Autogrill ci sta provando da qualche anno con il Bistrot, che riscuote successo in Italia e nel mondo proponendo una ristorazione veloce di qualità. Ora però tenta l'alleanza con Eataly per offrire agli automobilisti un'altra area di servizio che scommette sul made in Italy. 

Pubblicità

Dal Bistrot all'alleanza con Eataly

Era il 6 aprile scorso: la prima area di servizio a ponte realizzata sull'A1 presso Fiorenzuola D'Arda (Piacenza) si rifaceva il look dopo 57 anni di ristorazione veloce, ripensata secondo quel format di successo internazionale che è il Bistrot di Autogrill. Collaborazione con l'Università di Pollenzo, prodotti del territorio, cucina di qualità, tra sfogline, panini gourmet e pasticceria affidata alla supervisione di Luca Montersino (forse la prima spia del cantiere in progetto per i mesi a venire). Insomma, un tassello ulteriore sul percorso del riposizionamento di mercato intrapreso dal colosso della ristorazione veloce da qualche mese a questa parte, con l'auspicio di rivoluzionare la sosta in autostrada all'insegna della valorizzazione enogastronomica. Con lo stesso obiettivo, da poche ore gli automobilisti in transito sull'A1 possono sperimentare i risultati di una formazione inedita, che vede scendere in campo, l'uno accanto all'altro, Autogrill e Eataly. L'area di servizio interessata non è molto distante dal Bistrot Arda, in località Secchia Ovest (Modena), e ora ospita un punto vendita completamente rinnovato secondo una suddivisione degli spazi e un'offerta gastronomica che abbiamo imparato a conoscere bene negli ultimi dieci anni di Eataly.

Eataly x Autogrill a Secchia Ovest

L'alleanza è stata suggellata dagli interventi di Gianmario Tondato Da Ruos, ad di Autogrill, e Oscar Farinetti, entrambi presenti all'inaugurazione del format Eataly x Autogrill, un'alleanza per il gusto che a quanto sembra sarà solo la prima di una lunga serie di aperture in affiancamento al progetto parallelo del Bistrot (che pure continua a crescere). Secondo quanto dichiarato, l'incontro avviene sul piano della sostenibilità, della responsabilità e della condivisione dei valori del made in Italy, promossi finora attraverso percorsi paralleli, che adesso convergono in una strategia comune. E mentre Farinetti affida il suo messaggio allo slogan “mangi meglio e viaggi meglio”, l'ad Tondato Da Ruos sottolinea la capacità di Autogrill di saper fare squadra con marchi leader del settore, forse per giustificare un'alleanza per molti versi inaspettata, se non altro ora che il brand Bistrot si muove in acque sicure tanto in Italia che sui mercati internazionali. Certo, Eataly porta in dote una formula consolidata che piace in tutto il mondo.

Cosa si mangia

Anche a Secchia Ovest artigianalità e naturalità dei prodotti guideranno la selezione dei prodotti in vendita: alla caffetteria del piano terra si affiancherà la pasticceria di Montersino, mentre il laboratorio di pasta fresca si avvarrà della collaborazione con con il pastificio Rossi di Modena, per tortellini e passatelli con Parmigiano Reggiano. Completano l'offerta le insalate di Ortobra, le carni La Granda, la piadina dei Fratelli Maioli, il gelato Lait. E la panetteria a vista per la produzione in loco di pane e focacce. Proprio come in una piccola succursale a marchio Eataly. E infatti, al primo piano, c'è spazio anche per la ristorazione informale, con 350 posti a sedere e tre proposte: La Pasta, La Pizza (quella napoletana), La Sosta (quest'ultima in omaggio a Tonino Guerra, con un menu a base di carne). In numeri, il nuovo Autogrill impiega 115 collaboratori e nei prossimi 12 mesi dovrebbe attirare un milione e 300 mila clienti. Almeno secondo gli ambiziosi obiettivi di questa coppia appena battezzata, che proprio alle prime armi non è.

Pubblicità
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X