Da più di trecento anni a questa parte è la prima volta che apre una succursale, oltre agli eccellenti prodotti in vendita, un piccolo ristorante con otto tavoli completerà l’offerta dalla colazione alla cena.
Pubblicità

Da qualche giorno a questa parte c’è un motivo in più per scendere alla stazione di St Pancras, nel cuore di Londra. Si chiama Fortnum&Mason’s ed è la ‘succursale’ del noto cento di via Piccadilly specializzato in alimenti di qualità tra cui tè e vini. Oggi, ai suoi cinque ristoranti, alla quotatissima enoteca e alla gelateria, si aggiunge un nuovo ristorantino allestito nel retrobottega della prima succursale che Fortnum and Mason’s ha avviato dal 1707, giorno della sua apertura.
Le porte aprono alle 6.30 del mattino con la prima colazione. Fino alle 11 al costo di 3,5 sterline si potrà gustare l’offerta ‘base’ che spazia tra i tipici pasticcini con confetture, dolci, porridge e muesli. Per i più golosi o i più affamati il prezzo sale, ma con esso anche la proposta. Con 5,75 sterline ecco il rotolo di pancetta, oppure il kedgeree a 8 e la invitante highland scramble per 11 £. Finita la colazione, rigorosamente entro e non oltre le ore 11, ecco che il menu viene sostituito con quello del pranzo. Vasta la scelta tra stucchirie salate come le torte di pesce o maiale e il brasato. In carta anche piatti di adozione straniera come la quiche lorraine, la salsiccia di Tolosa, fino al tutt’altro che britannico dessert strudel di mele.
Ma il vero core business resta sempre il tè, che qui costa molto meno, ovvero 29 sterline, rispetto alla sede di Piccadilly, che ne chiede 40. Nelle ore pomeridiane il menu si accorcia perché l’offerta prevede solo tre tipi dei classici sandwichess da affiancare alla vasta scelta di tè e tisane. Non mancano torte e pasticcini e nel caso non si avesse tempo per sedersi qualche minuto ecco spuntare il cestello take away per due, con due tazze di tè, qualche focaccina e, ovviamente la panna.

www.fortnumandmason.com