Il gelato artigianale torna in strada pronto a soddisfare tutti i golosi più incalliti. Una società specializzata nella produzione di macchinari rilancia una versione moderna ed innovativa dell’antico furgoncino. Lo vedremo girare su lungomari e lungolaghi questa estate?
Pubblicità

Il carretto del gelato non passa mai di moda, anzi si rinnova. Siamo ormai nel 2013 e dopo aver passato gli anni ’50 e ’60 con lo stereotipo del furgoncino gelato o del gelataio motorizzato su due ruote che rallegrava improvvisamente la giornata, la tecnologia è riuscita a raggiungere anche questo nostalgico settore del cibo di strada.
L’ultima frontiera del gelato artigianale infatti sembra sia proprio quella di ritornare a consegnare un gelato artigianale di qualità anche in luoghi pubblici a bordo di un mezzo mobile, andando incontro al cliente ovunque si trovi. A brevettare il prototipo di Italy Cargo Bike per gelati, ci ha pensato la società Frigonord, già specializzata in macchinari per pasticceria e gelato. La vera innovazione è stata utilizzare un top in tecno-superficie DuPont Corian: un materiale versatile ottimale per preservare l’igiene, resistente all’umidità, ai raggi del sole e alle temperature estreme. E molto facile da pulire. Inoltre l’assenza di porosità e di giunture visibili, tipiche del Corian, sono l’ideale per un approccio di design alla struttura. In questo modo il gelato artigianale non necessita additivi, onnipresenti nei prodotti industriali, ma viene prodotto con il mantecatore discontinuo ed immesso subito nel carrettino ambulante, pronto per essere consumato.

www.frigonord.net | www.arredamentiarte.com | www.italycargobike.com | www.corian.it | www.dupont.com |