Garganega, Corvina e Amarone sono i Vini del Centenario. 40.000 esclusive bottiglie create per celebrare il Festival di Verona. In un progetto che unisce Fondazione Arena, Casa Vinicola Sartori e i quattro consorzi veronesi Bardolino, Custoza, Soave e Valpolicella. Lunedì sera passerella su Rai1.

Pubblicità

Dici Verona e pensi a Giulietta e Romeo, dici Verona e pensi all’Arena, dici Verona e subito vorresti bere un Amarone o uno degli altri ottimi vini della provincia. In questi giorni sono tutti pensieri che camminano assieme. Un buon vino, il buon canto, le emozioni della città sono infatti idealmente un tutt’uno per le celebrazioni del Centenario del Festival lirico dell’Arena. E, visto che noi ci occupiamo di buon cibo e buon vino, ecco che il vino d’eccellenza si mobilita a sostegno del Festival lirico dell’Arena di Verona. È nato infatti il progetto I Vini del Centenariorealizzato da Fondazione Arena di Verona,Casa Vinicola Sartori e dai quattro consorzi veronesi Bardolino, Custoza, Soave e Valpolicella. 4.900 viticoltori veronesi uniti in un progetto che esalta lo stretto legame fra cultura e territorio.

Deus ex machina dell’operazione è stato Andrea Sartori, da sempre vicino all’Arena, che è riuscito a coinvolgere i produttori della provincia. Giustamente orgogliosi i presidenti dei tre consorzi che dimostrano così l’importanza di fare sistema: Giorgio Tommasi (Bardolino e Custoza), Arturo Stocchetti (Soave) e Christian Marchesini (Vini Valpolicella). A sugellare la degustazione delle prime bottiglie prodotte, la presenza di Plàcido Domingo e Andrea Bocelli, i protagonisti della serata registrata sabato scorso che andrà in onda lunedì 10 in prima serata su Rai1, condotta da Antonella Clerici.
Sono tre i Vini del Centenariorealizzati dai 4900 viticoltori delle quattro denominazioni, che hanno offerto le proprie uve per creare due produzioni speciali: il bianco Garganega Verona IGT e il rosso Corvina Verona IGT, cui si aggiunge l’Amarone Classico della Valpolicella 2009 della Casa Vinicola Sartori. Si tratta di produzioni limitate e riconoscibili grazie alle etichette appositamente realizzate che riproducono manifesti e bozzetti storici dell’opera Aida e il logo del Centenario del Festival.

Complessivamente sono state realizzate 40.000 bottiglie di Corvina, 25.000 di Garganega e 15.000 di Amarone. A studiare il blende firmare i vini è l’enologo italiano di fama internazionale Franco Bernabei, a dimostrazione dell’importanza di questo progetto che vuole promuovere anche all’estero le uve autoctone e i vini tipici del veronese attraverso una forma d’arte tutta italiana, la lirica, molto amata nel mondo. “Sono vini integri, che parlano in modo chiaro di questo territorio”, ha spiegano Bernabei, uno degli enologi italiani più famosi.
I Vini del Centenario, vere bottiglie da collezione, sono acquistabili online, all’ArenaShop presso l’Anfiteatro, al Museo dell’Opera AMO e nelle migliori enoteche in Italia e all’estero. E acquistando una di queste bottiglie, oltre a degustare un prodotto italiano di qualità, si sosterrà Fondazione Arena di Verona, a cui sarà devoluto parte del ricavato per lo sviluppo e la diffusione della musica e dell’opera lirica nel mondo.

Pubblicità

www.arena.it

a cura di Maria Presti