L’edizione 2016 della guida Vini d’Italia del Gambero Rosso è 29esima. Una fotografia che racconta l'Italia del vino di oggi e anche un po' la storia che ci ha condotto fin qui. Una storia di grande valore e lavoro. Se vogliamo individuare il campione di quest'anno non abbiamo dubbi: è il Brunello.

Pubblicità

È in uscita la 29ma edizione di Vini d’Italia. Tradotta e pubblicata anche in inglese, tedesco, cinese e giapponese, è la più letta Guida dei Vini d’Italia nel mondo, oltre 500mila copie diffuse. Pubblicata per la prima volta nel 1988, Vini d’Italia del Gambero Rosso è rapidamente divenuta il riferimento internazionale per la quotazione e la valutazione dei migliori vini italiani. È realizzata da una straordinaria equipe di degustatori, oltre 60, che ogni anno girano in lungo e in largo l’Italia degustando – alla cieca – oltre 45mila etichette in 6 mesi. Il frutto di questi mesi di lavoro è condensato in una straordinaria pubblicazione, vero vademecum per appassionati e professionisti – che valuta e recensisce 2400 aziende vinicole e oltre 22mila vini.

 

L’edizione 2016

Se il Barolo è la denominazione più premiata, con 35 vini Tre Bicchieri (con straordinari 2010 usciti ora, e con eccellenti 2011), quest’anno emerge il Brunello di Montalcino, a conferma del fatto che la 2010 è davvero una grande annata. 18 i Brunello 2010 premiati con i Tre Bicchieri, il doppio di quanti ne avevamo premiati per la 2009. In Toscana il sangiovese è tornato dunque a essere il protagonista, nei terroir classici come questo o nel Chianti Classico (19 i premi), che non l’hanno mai abbandonato, ma anche nelle altre zone, a denominazione e non. Insomma: meno, molto meno, vitigni internazionali e più sangiovese.

Pubblicità

Queste sono le denominazioni che hanno raccolto il maggior numero di allori, e sono i terroir che hanno saputo crescere come ettari e come numero di bottiglie negli anni e hanno saputo creare uno straordinario successo a livello internazionale.

Ma l’elenco dei grandi terroir italiani potrebbe proseguire: siamo di fronte a una maturazione stilistica, mentre la riflessione sugli autoctoni è lontana dal dirsi conclusa, si esplorano le frontiere tecniche e tecnologiche dell’enologia, per riuscire a raccontare vitigni e terroir con sempre maggiore precisione.

 

La guida

Ogni azienda viene segnalata con un ricco corredo di informazioni: dai dati produttivi alle indicazioni per la visita, se pratica una viticoltura biologica, biodinamica o convenzionale, e infine – novità di quest’anno – se l’azienda aderisce a un protocollo di sostenibilità ambientale. Ogni scheda viene ogni anno rinnovata completamente e troverete tutte le notizie importanti sul produttore e lo stile dei suoi vini, e le note di degustazione delle sue etichette più importanti. Per ogni azienda infine, c’è la valutazione di ogni vino, con il classico sistema del Gambero Rosso: i vini buoni nella loro categoria, due bicchieri vanno ai vini da molto buoni a ottimi, e infine i Tre Bicchieri, il simbolo dell’eccellenza, vanno ai vini che hanno superato un ultimo rigorosissimo test da parte dei tre curatori: le degustazioni finali.

Pubblicità

 

I numeri

La guida Vini d’Italia 20016 in cifre: 2400 produttori, 22.000 vini, 421 Tre Bicchieri, 80 Tre Bicchieri Verdi, 111 Tre Bicchieri sotto i 15 euro. La Stella segnala quelle aziende che hanno ottenuto più di 10 Tre Bicchieri nella loro carriera. Ai vertici di questa speciale classifica c’è Angelo Gaja con 5 stelle, Ca’ del Bosco con 4, poi a tre ecco Allegrini (Azienda dell’Anno), Elio Altare, La Spinetta, Valentini, Castello di Fonterutoli. Un dato che ci pare molto interessante è che un centinaio circa dei vini premiati è prodotto da aziende che hanno un’estensione pari o inferiore ai 10 ettari di vigneto.

 

Vini d’Italia all’estero

Vini d’Italia, oltre che in italiano, da anni viene tradotta e pubblicata in altre 4 lingue, e oltre 500mila copie vengono diffuse nel mondo: i Tre Bicchieri sono ormai un simbolo d’eccellenza di riconosciuto valore internazionale. Gambero Rosso ogni anno realizza oltre 30 eventi internazionali in ogni continente a supporto dell’export vinicolo italiano. Negli ultimi 10 anni oltre 400mila persone hanno partecipato ai tasting del Gambero Rosso, da Mosca a Vancouver, da Rio de Janeiro a Pechino e Tokyo, da Istanbul a Sydney.

 

Presentazione e degustazioni

Vini d’Italia viene presentata a Roma le mattinata del 17 ottobre e poi, nel pomeriggio, c’è la prima delle grandi degustazioni: oltre 400 etichette premiate con i Tre Bicchieri dalla guida Vini d’Italia 2016 del Gambero Rosso in assaggio presso lo Sheraton Rome Hotel and Conference Center. Seguirà poi Napoli e Torino.

 

Vini d’Italia 20016 | 1024 pagine | Euro 30.00 | disponibile in edicola e libreria | clicca qui per acquistare la guida online

 

Sheraton Rome Hotel and Conference Center | Roma | viale del Pattinaggio, 100 | sabato 17 ottobre 2015 ore 16-20 | info e prevendita del biglietto clicca qui

Palazzo Caracciolo | Napoli | via Carbonara, 112 | domenica 18 ottobre 2015 ore 19-23 | info e prevendita del biglietto clicca qui

Turin Hotel | Torino | via Paolo Sacchi, 8 | martedì 20 ore 16–20 | info e prevendita del biglietto clicca qui