Panetterie contemporanee a Roma. La MP Boulangerie di Matteo Piras: in arrivo l’apertura serale per cena. E Not Only Bread punta sulla filiera corta

9 Ott 2014, 07:44 | a cura di Livia Montagnoli
Ha riaperto i battenti a settembre nella nuova sede di via di Panico la panetteria entrata nel cuore dei gourmet della Capitale. Spazi più grandi e sfiziose proposte per il pranzo, si preannunciano interessanti novità: gli aperitivi tematici – si comincia con la cucina orientale – e la cena in taverna con salumi, formaggi e pane alle erbe di campo. A poca distanza Not Only Bread promette di valorizzare i prodotti della filiera romana e laziale, con degustazioni e acquisto delle eccellenze locali.
Pubblicità

Ha lasciato disorientati per qualche mese i gourmet capitolini che ormai facevano tappa fissa all’insegna di Corso Rinascimento 34, ma a settembre la Boulangerie di Matteo Piras ha finalmente riaperto in grande stile con molte novità: nuovo locale (in via di Panico 6, nel cuore del dedalo di vicoli romani), spazi più ampi, tanti posti a sedere e progetti che bollono in pentola. Una conferma invece la qualità della proposta gastronomica e della gamma di pane ogni giorno diversa (con qualche must come il pane al carbone vegetale o quello di un insolito verde cangiante al miele e spirulina) frutto della passione di Matteo per l’arte della panificazione. E come sempre un’accoglienza impeccabile che si rinnova favorita da ambienti più confortevoli arredati con originalità e complementi d’arredo di reimpiego, come i simpatici vecchi banchi di scuola, le lavagne quadrettate che evocano l’infanzia o la fila di sedili in legno di un vecchio cinema, che accoglie i clienti all’entrata.
A pranzo si può consumare un piatto unico nell’ambiente adibito in fondo al locale o accomodarsi su uno sgabello per godere del via vai di curiosi, turisti e affezionati che arrivano in cerca di pane di qualità. Arricchiscono la proposta gastronomica pietanze vegetariane e vegane, la bufala La Perla dei Monti Lepini e tanti sfizi diversi giorno per giorno.

Ma quali progetti per il futuro? Ogni sabato la Boulangerie proporrà un aperitivo orientale con l’obiettivo di valorizzare tradizioni culinarie di Giappone e Corea estremamente legata alla terra, ben più di quanto si pensi nel mondo occidentale dove il traino del sushi ha finito per relegare in secondo piano ogni proposta alternativa. Le pietanze saranno realizzate con ingredienti bio o selezionati con cura (come lo zenzero in arrivo da un produttore siciliano), puntando soprattutto sulla lavorazione del frumento e del riso (ne sono un esempio i ghioza, costituiti da una pasta di frumento molto sottile tirata a mano, prodotti nella cucina della Boulangerie); in abbinamento le birre selezionate dalla gamma Birradamare.
E presto (da novembre) l’aperitivo sarà proposto dal giovedì al sabato, con la possibilità di variare spesso il tema della serata, dalla tradizione siciliana a quella veneziana e così sperimentando.

Intanto si lavora per aprire entro dicembre la taverna del piano inferiore che ospiterà la vera novità del nuovo corso: le cene della Boulangerie, pronta a prolungare l’orario di apertura fino a tarda sera. Il servizio sarà in realtà disponibile già dal 3 novembre, quando – in attesa della taverna – si potrà cenare al piano superiore scegliendo tra le proposte del giorno, poche e curate: pietanze vegetariane, zuppe e piatti unici. Ma l’idea è quella di arrivare a proporre un menu a prezzo fisso basato su una selezione di salumi e formaggi accompagnati da pane realizzato esclusivamente per la cena che giocherà con i toni erbacei. Tutti i salumi arriveranno da un’azienda agricola di Teramo, dal prosciutto alle salsicce di capra e pecora, all’insolita mortadella d’asino; e anche tra i formaggi - disponibili da fine ottobre in attesa della stagionatura – si segnalano proposte interessanti come il caprino alla lavanda.

Pubblicità

Ma il rapporto con i produttori locali e il rispetto della filiera corta sembrano essere i presupposti essenziali anche per un’altra insegna a poca distanza da Piazza Navona (in via di Parione 30), ancora nel centro di Roma. Not Only Bread è il progetto nato da un’idea di Roberto Vitaliano per valorizzare le realtà produttive del settore agroalimentare e zootecnico del territorio romano e laziale, selezionando eccellenze da proporre nel punto vendita cittadino, attraverso degustazioni, ricette della tradizione regionale, panini, insalate. E le immancabili birre artigianali.

Boulangerie MP | Via di Panico 6, Roma | www.facebook.com/boulangerie.mp.3?fref=ts
Not Only Bread | Via di Parione 30, Roma | Tel. 06 64760869 | www.notonlybread.it

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X