Di legumi o cereali, le polpette vegetali sono ideali per chi ha scelto di seguire una dieta vegetariana ma non vuole rinunciare alle golose palline, perfette anche per uno sfizioso antipasto. Ecco qualche idea per prepararle in casa.
Pubblicità

Di sostituti della carne, ormai, ce ne sono di tutti i tipi. Oltre a surrogati e carne sintetica, però, restano valide le tante ricette semplici fatte con legumi, cereali e verdure. Gli hamburger, per esempio, o anche le polpette vegetali, da gustare da sole o accompagnate da salsine e contorni saporiti, tuffate nel sugo, fritte o cotte in forno. Qualunque sia il modo in cui si sceglie di consumarle, con le polpette si va sempre sul sicuro! Ecco qualche spunto per prepararle in casa.

Ricette di polpette vegetali

polpette di melanzane

Polpette di melanzane

Variante estiva perfetta per gli amanti delle verdure, le polpette di melanzane sono semplici, golose e anche anti-spreco: le melanzane cotte in padella vanno infatti unite al pane ormai secco ammollato nell’acqua. Erba aromatica per eccellenza nei mesi più caldi è senza dubbio il basilico, ma per una polpetta vegetariana irresistibile si può pensare di riproporre tutti i sapori della parmigiana. Aggiungendo, quindi, scamorza a pezzetti, parmigiano e pomodorini all’interno dell’impasto, oppure – per una versione vegana – pomodoro e lievito alimentare, degno sostituto del formaggio grattugiato.

Polpette di seitan

Onnipresente nella dieta di un vegano, il seitan è un impasto ricavato dal glutine e utilizzato come alternativa alla carne, per preparare sughi, spezzatino, ragù, burger e polpette. Lo si può preparare in casa partendo proprio dal glutine, da cuocere nel brodo bollente per circa 40 minuti, ma è ormai disponibile in tutti i supermercati, anche i più piccolini, oltre che nei negozi biologici. Come usarlo per le polpette? Basta tagliarlo a pezzetti, tritarlo e poi mescolarlo con gli ingredienti che si preferisce, dando la classica forma tonda e facendo cuocere il tutto in padella con un filo d’olio.

Pubblicità

Polpette di bulgur

Molto diffuso nella cucina mediorientale, il bulgur è un grano duro germogliato cotto al vapore, essiccato e macinato, consumato fin dall’antichità (anche dalle armate di Gengis Khan!). Oltre a impiegarlo nella preparazione di zuppe e minestre, lo si può utilizzare per realizzare delle deliziose polpettine. In commercio lo si trova precotto, basterà quindi cuocerlo in acqua (il doppio del peso del bulgur) per circa 10 minuti, per poi unirlo a verdure, patate, prezzemolo o altri ingredienti a piacere. Le polpette di bulgur si possono cuocere in padella con un po’ d’olio oppure in forno.

falafel

Falafel

Una specialità di origine mediorientale conosciuta e apprezzata in quasi tutto il mondo: queste polpettine vegetariane hanno da tempo conquistato il palato di tutti, grazie al loro gusto speziato e probabilmente anche per via dell’aumento di vegetariani e vegani, che le preferiscono al kebab e le sostituiscono alle tradizionali polpette di carne. Street food per eccellenza, le falafel sono buone in qualsiasi momento della giornata, all’interno della pita o da sole, accompagnate da salsine fresche allo yogurt perfette per smorzare la componente speziata. Si preparano perlopiù con ceci o fave, ma possono essere utilizzati anche i fagioli, insieme ad aglio, cumino e coriandolo.

Polpette di tofu

La produzione del tofu è molto simile a quella del formaggio: anche questo prodotto deriva, infatti, da un processo di cagliatura, in questo caso del succo dei semi di soia. Ne esistono tre varianti: il tofu delicato, che trattiene più liquido e ha la consistenza simile a quella di un budino, il tofu solido asiatico, prodotto con l’utilizzo di una stoffa che lo avvolge e assorbe più liquido in fase di coagulazione, e il tofu secco occidentale, varietà particolare con la più bassa quantità di liquidi. Tanti i modi per usarlo in cucina, sia cotto – leggermente piastrato o fritto – che crudo, ancora meglio se aromatizzato con spezie ed erbe. Per le polpette, vale il solito procedimento: si trita, si insaporisce e condisce a piacere e poi si cuoce in padella.

polpette di soia

Polpette di soia

Oltre ai semi di soia, sono molto popolari in commercio i fiocchi, semplici e pratici da utilizzare in casa per preparare ragù vegetali e polpette vegane. Basta infatti reidratare in acqua la quantità che si desidera per circa 10 minuti: una volta pronti, i fiocchi vanno strizzati e poi trattati come qualsiasi altro ingredienti, quindi aggiunti a verdure, spezie e aromi che si preferiscono. Prima di cuocerli in padella è consigliabile passarli da entrambi lati in un po’ di farina.

Pubblicità

Pallotte cacio e ova

Preparazione di origine contadina tipica della tradizione abruzzese, composta da i due principali ingredienti delle campagne: formaggio e uova. Molti usano anche il pane raffermo bagnato nell’acqua, ma i puristi delle polpette vegetariane made in Abruzzo sostengono che gli unici ingredienti necessari siano il pecorino e le uova. In qualsiasi caso, si tratta di polpette saporite e morbide, fritte e poi passate in abbondante sugo di pomodoro.

Polpette di patate

Anche in questo caso una ricetta che può essere vegana o vegetariana, a seconda dei gusti e le esigenze: le patate lesse si abbinano bene al parmigiano, ma possono essere amalgamate anche con altri ingredienti, dalla cipolla ai pomodori secchi, dalle zucchine alle olive. Se non si vuole usare le uova, meglio aggiungere un po’ di pangrattato per dare maggiore consistenza alla polpetta, che stavolta è preferibile cuocere in padella: si può fare anche in forno, ma con un filo d’olio in un tegame si otterrà una golosa crosticina da entrambi i lati che impreziosirà ancora di più il piatto.

Le ricette delle polpette vegetali