La prima edizione del festival nato dalla collaborazione tra Gambero Rosso e Film Commision Torino Piemonte ha premiato tre pellicole nelle categorie lungometraggi, corti e documentari. Si aggiudicano il premio Edoardo Winspeare per In grazia di Dio, Michele Alberto Chironi per Via tempio antico e Paolo Casalis e Tiziano Gaia per Barolo Boys. A valutarli una giuria di esperti del mondo cinematografico e volti noti del settore enogastronomico.
Pubblicità

Lunedì 24 novembre è andata in scena a Torino la prima edizione del Premio DOC Wine Food Travel, festival cinematografico internazionale sul tema del cibo. Come avevamo già anticipato qualche giorno fa, una giuria composta da personalità di rilievo del mondo del cinema e del settore enogastronomico ha avuto modo di valutare le proposte in concorso per l’Italia, in attesa che l’edizione del prossimo anno – prevista in concomitanza con l’Expo 2015 – possa raccogliere materiale da tutto il mondo e raccontare sul grande schermo come la cultura alimentare italiana e internazionale sia cambiata negli ultimi anni.
Il Premio, nato dalla collaborazione tra Gambero Rosso e Film Commision Torino Piemonte, è stato ideato con la convinzione che il cibo rappresenti una delle materie più interessanti attraverso cui indagare le abitudini, lo stile di vita, gli affetti, le relazioni, fonte d’ispirazione e protagonista di molte pellicole.
Nel corso della cerimonia, presso la Sala Movie della sede di Film Commision Torino Piemonte, sono stati resi noti i nomi dei vincitori per le rispettive categorie (lungometraggi, corti, documentari); si è aggiudicato il premio come miglior lungometraggio il film di Edoardo Winspeare In grazia di Dio – girato in Salento con attori non professionisti – mentre per la sezione cortometraggi è Via tempio antico del regista Michele Alberto Chironi (ancora un regista salentino), incentrato sul rito della lavorazione del pane, a ottenere il riconoscimento più ambito. Tra i documentari trionfa il chiacchierato Barolo Boys, la storia dei “ragazzi” che hanno fatto la rivoluzione del Barolo portata al cinema da Paolo Casalis e Tiziano Gaia.
Ecco tutte le foto della serata.