È stato il sous chef di René Redzepi al Noma, e prima ancora allievo di Ferran Adrià. Oggi lo chef italo-danese gestisce il Relæ,di Copenaghen, e lo racconta in un libro, edito da Giunti. 

Pubblicità

Chi è Christian Puglisi

Con questo libro Christian Puglisi dimostra perché è uno degli chef contemporanei più seguiti al mondo”… E se lo dice Renè Redzepi probabilmente è il caso di crederci. Al celebre chef danese bastano poche parole per tratteggiare il profilo di uno dei suoi allievi più brillanti, impartendo la propria benedizione all’ultimo progetto di Christian Puglisi, che firma la pubblicazione di Relæ, semplicemente Un libro di idee. Così recita il titolo del lavoro editoriale che il suo maestro in cucina ha definito “classico e immediato”.

Proprio come la cucina di questo enfant prodige nato a Messina nel 1982 da padre siciliano e madre norvegese, ben presto approdato a Copenaghen al seguito della sua famiglia, poi in viaggio per l’Europa per inseguire la sua passione – prima a Parigi, poi in Spagna con Ferran Adrià – e di nuovo nella capitale danese, dove entra nell’orbita del Noma (fino a diventare sous chef di Redzepi) prima di aprire il suo ristorante, Relæ,. Dal 2010 lo chef italo-danese è riuscito a conquistare la prima stella Michelin e oggi figura al 45esimo posto nella 50 World’s Best Restaurants, tra le insegne più apprezzate del mondo. Ma al novero delle sue attività aggiunge anche Manfreds – un locale moderno e informale, dedito a catering e take away, che il sito definisce “il primo ristorante di impronta vegetariana famoso per la sua carne cruda”, con ingredienti organici al 90-100% – e Baest, la bakery con forno a legna (realizzato a Napoli) per la pizza, inaugurata meno di due anni fa.

Un libro di idee

Il libro che Giunti Editore porta in Italia racconta proprio questo, la bella storia di uno chef di talento, della sua brigata e del suo progetto fuori dagli schemi in una piccola strada di Nørrebro. E ovviamente c’è tanto cibo, una filosofia gastronomica che privilegia ingredienti biologici e semplicità, senza rinunciare alla creatività, ma anche un’interpretazione potente e personale di cosa significhi fare alta cucina oggi. Lasciando spazio al pensiero più che alle ricette, ma non per questo perdendo la dimensione accattivante (anche grazie all’azzeccato apparato iconografico, alla grafica curata, alla rilegatura di valore), che ha già conquistato i lettori danesi, tedeschi e statunitensi. Un libro che è anche oggetto da conservare con cura in libreria: più di 400 pagine da sfogliare per godere di una lettura coinvolgente, “audace e singolare”, prendendo ancora una volta in prestito le parole di Renè Redzepi. Ecco alcune delle foto – di Per-Anders Jorgensen – che troverete al suo interno.

Pubblicità

 

Relæ, Un libro di idee | di Christian F. Puglisi, foto di Per-Anders Jorgensen | Giunti Editore, collana A la carte | 448 pagine | 65 euro | in libreria dal 23 marzo 2016